Co­ri­ni: af­fron­tia­mo una squa­dra crea­ta per la A

Corriere della Sera (Brescia) - - SPORT -

Al­la vi­gi­lia del der­by con l’Hel­las Ve­ro­na, il mes­sag­gio di Eu­ge­nio Co­ri­ni è mol­to chia­ro: in set­ti­ma­na ha vi­sto tan­to en­tu­sia­smo at­tor­no al­la sua squa­dra, for­se trop­po. «In que­sti gior­ni ho par­la­to con i ra­gaz­zi, ho vo­lu­to ri­cor­da­re che gio­chia­mo con­tro una squa­dra co­strui­ta per vin­ce­re il cam­pio­na­to — spie­ga il tec­ni­co in con­fe­ren­za stam­pa —. Ho qua­si avu­to l’im­pres­sio­ne che noi fos­si­mo fa­vo­ri­ti, ma se guar­dia­mo i no­mi dei gio­ca­to­ri del Ve­ro­na, ci ren­dia­mo con­to che an­dia­mo ad af­fron­ta­re una squa­dra di al­to li­vel­lo che sta vi­ven­do un pe­rio­do dif­fi­ci­le. Vo­glio­no tor­na­re a vin­ce­re e ci met­te­ran­no in dif­fi­col­tà. Noi non dob­bia­mo per­de­re l’umil­tà». Il mi­ster di Ba­gno­lo Mel­la si di­ce se­re­no e ga­ran­ti­sce che an­che San­dro To­na­li, fre­sco di con­vo­ca­zio­ne in Na­zio­na­le, sa­prà te­ne­re i pie­di per ter­ra: «La sua con­vo­ca­zio­ne è mo­ti­vo d’or­go­glio per tut­ti. So co­sa si­gni­fi­chi es­se­re chia­ma­ti in Az­zur­ro, ho ri­vi­sto in lui la stes­sa emo­zio­ne che pro­vai quan­do mi con­vo­cò Sacchi». (d.zan.)

L’al­le­na­to­re Co­ri­ni chie­de umil­tà al­la sua squa­dra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.