Mu­si­ca e poe­sia Mon­ti e le vi­te da chan­son­nier

Corriere della Sera (Brescia) - - DA PRIMA PAGINA - di Ni­no Dol­fo

Ma­le­det­ti fran­ce­si è il ti­to­lo di un li­bro (Mi­rag­gi edi­to­re) e an­che del­lo spet­ta­co­lo che do­ma­ni se­ra (ore 21.30) va in sce­na alla Di­stil­le­ria Mol­loy (via Mar­zia­le Du­cos, 2/b). Pro­ta­go­ni­sta del book show, co­me pre­fe­ri­sce chia­mar­lo lui, è Gian­gil­ber­to Mon­ti, chan­son­nier mi­la­ne­se di ono­ra­ta car­rie­ra, tra­dut­to­re e scrit­to­re per il tea­tro e il ca­ba­ret del­lo Ze­lig, pro­fon­do co­no­sci­to­re di una tra­di­zio­ne ar­ti­sti­ca uni­ca, quel­la dei mau­di­ts d’ol­tral­pe.

Un re­per­to­rio di can­tau­to­ri e let­te­ra­ti dal­la crea­ti­vi­tà anar­chi­ca e ri­bel­le che van­ta una straor­di­na­ria gal­le­ria: da Bo­ris Vian, uno de­gli ar­ti­sti più ge­nia­li, po­lie­dri­ci e con­tro­ver­si del­la cul­tu­ra e del­lo spet­ta­co­lo eu­ro­pei, un «pa­ta­fi­si­co», poe­ta e trom­bet­ti­sta, a

Leo Fer­ré, spi­ri­to bar­ri­ca­die­ro; dal pro­vo­ca­to­rio Ser­ge Gain­sbourg al­le stro­fe strap­pa­cuo­re di Jac­ques Brel, fi­no agli sber­lef­fi di Geor­ges Bras­sens, sen­za di­men­ti­ca­re Yves Mon­tand e Her­bert Pa­ga­ni,le scor­ri­ban­de rock di John­ny Hal­ly­day e al­cu­ni vo­ci fem­mi­ni­li sen­za tem­po co­me Bar­ba­ra, Ju­liet­te Gré­co e Edi­th Piaf, due mu­se so­praf­fi­ne. Sul pal­co­sce­ni­co Gian­gil­ber­to Mon­ti rac­con­ta e can­ta la con­ta­mi­na­zio­ne tra poe­sia e mu­si­ca, uto­pia e di­spe­ra­zio­ne, ma an­che ma­lin­co­nia e iro­nia. «Lo spet­ta­co­lo — ci di­ce — apre fi- ne­stre su un mon­do che mi ha sem­pre af­fa­sci­na­to, to­tal­men­te fuo­ri mo­da nel de­ser­to che abi­tia­mo og­gi. Par­lar­ne è un at­to di uma­na re­si­sten­za. Quel­la di Bre­scia è una da­ta ze­ro, l’idea è di far­lo cir­cui­ta­re nel­la pros­si­ma sta­gio­ne. Ol­tre ai no­mi in par­te no­ti, ag­giun­go an­che Re­naud, ul­ti­mo dei ma­le­det­ti che nel 1985 cau­sò un caso di­plo­ma­ti­co tra Fran­cia e Gran Bre­ta­gna per il suo sin­go­lo Miss Mag­gie (That­cher). Da noi è com­ple­ta­men­te sco­no­sciu­to. Qual­che an­no fa ho pub­bli­ca­to un di­sco, Can­ti ri­bel­li, pro­prio con le sue can­zo­ni, ma non ha avu­to al­cun im­pat­to sul no­stro mer­ca­to. L’Ita­lia ri­ma­ne un Pae­se an­glo­fo­no e io so­no una mo­sca bian­ca tra i miei col­le­ghi. An­che se va det­to che il can­tau­to­ra­to ita­lia­no non sa­reb­be mai esi­sti­to sen­za quel­lo fran­ce­se, ba­sti pen­sa­re a co­me De An­drè è de­bi­to­re di Bras­sens. Noi dob­bia­mo mol­to ai cu­gi­ni fran­co­fo­ni, ma spes­so ci di­men­ti­chia­mo di que­sto Il mio non è tea­tro can­zo­ne se­con­do l’ac­ce­zio­ne co­mu­ne, pre­fe­ri­sco chia­mar­la nar­ra­zio­ne mu­si­ca­le, rac­con­to e can­to sen­za vo­ler fa­re il pro­fes­so­re. Con me ci sa­rà una gio­va­ne pia­ni­sta bre­scia­na , Ot­ta­via Ma­ri­ni, che vie­ne dal mon­do clas­si­co».

L’in­gres­so è li­be­ro, ma è pre­fe­ri­bi­le pre­no­ta­re: fa­ce­book.com/di­stil­le­ria­mol­loy.

Echi d’Ol­tral­pe

Lo spet­ta­co­lo apre fi­ne­stre su un mon­do fuo­ri mo­da nel de­ser­to che abi­tia­mo og­gi. Par­lar­ne è un at­to di uma­na re­si­sten­za. Il can­tau­to­ra­to ita­lia­no non sa­reb­be mai esi­sti­to sen­za quel­lo fran­ce­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.