Abass a 360 gra­di «Rin­gra­zio Al­lah Amo la mia Ita­lia e igno­ro i raz­zi­sti»

Corriere della Sera (Brescia) - - DA PRIMA PAGINA - Ber­tel­li

Ha 25 anni, gio­ca nel­la Ger­ma­ni, ha la te­sta di un sag­gio den­tro un fi­si­co scol­pi­to nel mar­mo. È mu­sul­ma­no, fi­glio di ge­ni­to­ri afri­ca­ni, ma è na­to in Ita­lia e qui è cre­sciu­to co­me uo­mo e co­me atle­ta, si­no a rag­giun­ge­re (a so­li 18 anni) la ma­glia del­la na­zio­na­le. «Abi» spie­ga la sua sto­ria e l’Ita­lia che vor­reb­be.

La te­sta di un vec­chio sag­gio, mol­to più ma­tu­ro dei 25 anni che in­di­ca la car­ta d’iden­ti­tà. Il fi­si­co esplo­si­vo che si ab­bi­na a uno sti­le di gio­co con le mo­ven­ze di un bal­le­ri­no. La ma­glia az­zur­ra ta­tua­ta sul­la pel­le nera. Ita­lia­no, non per col­pa sua so­lo dai 18 anni, e mu­sul­ma­no pra­ti­can­te. Awudu Abass, pi­la­stro del­la Ger­ma­ni, è un gio­ca­to­re spe­cia­le an­che per le sue con­trad­di­zio­ni, ta­li in real­tà so­lo per chi os­ser­va il mon­do con gli oc­chi vi­zia­ti dal pre­giu­di­zio. È la pro­va vi­ven­te che si può es­se­re l’uno e l’al­tro, sen­za una bar­rie­ra che di­vi­da co­sa è giu­sto da co­sa è sba­glia­to.

A pro­po­si­to di giu­sto e sba­glia­to, le ul­ti­me due vit­to­rie han­no cam­bia­to la sta­gio­ne?

«Po­treb­be es­ser­ci sta­ta la svol­ta. At­ten­zio­ne, pe­rò: era­va­mo già con­vin­ti di aver tro­va­to la qua­dra­tu­ra pri­ma del­la scon­fit­ta a Tren­to, cui se­gui­ro­no quel­le con An­dor­ra e Brin­di­si. Ab­bia­mo par­la­to mol­to tra di noi e la­vo­ra­to du­ro: ora (do­ma­ni, al­le 12, de­li­ca­ta tra­sfer­ta a Pi­sto­ia), il grup­po sta in­gra­nan­do e stia­mo ri­spon­den­do be­ne al­le ri­chie­ste del coa­ch».

É cam­bia­to il vo­stro gio­co? «In at­tac­co non ci ca­pi­va­mo, c’era­no tan­ti gio­ca­to­ri da in­te­gra­re e po­co tem­po per far­lo. Man­ca­va flui­di­tà, nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne in­ve­ce sia­mo sta­ti noi a im­por­re il rit­mo au­men­tan­do l’ag­gres­si­vi­tà di­fen­si­va. Poi, di­cia­mo­lo: ab­bia­mo per­so tre ga­re sul­la si­re­na, fos­se­ro an­da­te in al­tro mo­do non si sa­reb­be mai par­la­to di cri­si. Ogni tan­to bi­so­gna par­ti­re in sa­li­ta: i ve­ri uo­mi­ni si ve­do­no men­tre sca­la­no le mon­ta­gne, non in di­sce­sa».

Di­cem­bre è già un me­se de­ci­si­vo?

«Nel ba­sket lo è sem­pre. Si de­ci­do­no le qua­li­fi­ca­zio­ni in Eu­ro­pa, c’è l’ac­ces­so in Cop­pa Ita­lia da con­qui­sta­re. Ma, se gio­chia­mo co­sì, so­no ot­ti­mi­sta per i no­stri obiet­ti­vi».

Quan­do ve­di az­zur­ro, co­me a Bre­scia con la Li­tua­nia, ti sca­te­ni: co­sa scat­ta?

«In­nan­zi­tut­to mi tro­vo mol­to be­ne con il si­ste­ma di Sac­chet­ti: re­spon­sa­bi­liz­za la­scian­do al­lo stes­so tem­po li­ber­tà. Poi, il mio rapporto con la na­zio­na­le è par­ti­co­la­re: io ho sem­pre vo­lu­to in­dos­sa­re quel­la ma­glia, ma ho po­tu­to far­lo so­lo a 18 anni quan­do ho avu­to la cit­ta­di­nan­za...».

È una leg­ge che ha an­co­ra sen­so? La cam­bie­re­sti?

«Sa­pe­vo qua­li fos­se­ro le re­go­le, ma non pen­so ab­bia sen­so che un ra­gaz­zo a 16 anni deb­ba es­se­re co­stret­to a guar­da­re i coe­ta­nei sul com­pu­ter sen­za scen­de­re in cam­po con lo­ro. Il tut­to per­ché è na­to in Ita­lia, ma da ge­ni­to­ri afri­ca­ni. In al­tri sta­ti è di­ver­so, spe­ro che le co­se cam­bi­no».

Che rapporto hai con la re­li­gio­ne?

«So­no mu­sul­ma­no, pre­go 5 vol­te al gior­no, non pra­ti­co il Ra­ma­dan per­ché coin­ci­de sem­pre con il mo­men­to clou del­la sta­gio­ne. È una co­sa mol­to pro­fon­da e per­so­na­le: se so­no pa­ca­to e ri­spet­to­so, lo de­vo an­che all’Islam. Per que­sto, dopo una vit­to­ria o un mo­men­to si­gni­fi­ca­ti­vo del­la mia vi­ta, rin­gra­zio Al­lah».

Ti sei sen­ti­to di­scri­mi­na­to, in pas­sa­to, per que­sto?

«In Ita­lia quel­la fa­se è pas­sa­ta, ades­so pre­va­le la pau­ra per gli im­mi­gra­ti. Sui so­cial leg­go tan­ti brut­ti com­men­ti: mi ha da­to fa­sti­dio la di­scri­mi­na­zio­ne ver­so i gio­ca­to­ri di ori­gi­ne afri­ca­na del­la na­zio­na­le fran­ce­se di cal­cio. Mi so­no im­me­de­si­ma­to in lo­ro». L’Ita­lia è un pae­se raz­zi­sta? «Av­ver­to una ven­ta­ta d‘odio per chi vie­ne de­fi­ni­to di­ver­so. Ma ge­ne­ra­liz­za­re è sba­glia­to. Io, ad esem­pio, so­lo in un pa­io di oc­ca­sio­ni ho vis­su­to epi­so­di par­ti­co­la­ri. In spiag­gia mi ur­la­ro­no «ne­gro di m...» e un ami­co vo­le­va di­fen­der­mi. Lo bloc­cai. Scrol­la­re le spal­le di fron­te all’igno­ran­za è la ri­spo­sta mi­glio­re: la mia fa­mi­glia e la mia re­li­gio­ne mi han­no edu­ca­to a que­sto».

Quan­to ti ha aiu­ta­to la pal­la­ca­ne­stro per far­ti va­le­re?

«Tan­tis­si­mo. In pri­mis, nel no­stro sport, ci so­no sta­ti mol­ti gio­ca­to­ri ne­ri in az­zur­ro pri­ma di me. Il ba­sket è me­no ar­re­tra­to e, se sei for­te nel­lo sport che pra­ti­chi, ac­qui­si­sci più ri­spet­to. A me è ca­pi­ta­to». Co­sa au­spi­chi per il fu­tu­ro? «Vor­rei non fos­se di­scri­mi­na­to chi vie­ne a cer­ca­re un fu­tu­ro. Il raz­zi­smo equi­va­le a un ri­tor­no al pas­sa­to, la mia Ita­lia de­ve guar­da­re avan­ti».

"Ger­ma­ni C’è sta­ta la svol­ta, gli uo­mi­ni ve­ri si ve­do­no in sa­li­ta e non in di­sce­sa

La re­li­gio­ne So­no mu­sul­ma­no Se so­no ri­spet­to­so, lo de­vo all’Islam

L’Ita­lia So­no na­to qui, tro­vo sba­glia­to ot­te­ne­re la cit­ta­di­nan­za a 18 anni

Pi­la­stro Il co­ma­sco, 25 anni, a Bre­scia da lu­glio. è fon­da­men­ta­le per coa­ch Dia­na (LaP­res­se/Mor­ga­no)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.