«Ul­ti­mo li­ve per spe­gne­re le Lu­ci»

Va­sco Bron­di al Na­zio­na­le con il con­cer­to d’ad­dio del suo pro­get­to mu­si­ca­le

Corriere della Sera (Brescia) - - TEMPO LIBERO MILANO - Raf­fael­la Oli­va

Era il 2008 quan­do Va­sco Bron­di pub­bli­ca­va «Can­zo­ni da spiag­gia de­tur­pa­ta» fir­man­do­si Le Lu­ci del­la Cen­tra­le Elet­tri­ca. Que­sto il no­me del suo pro­get­to mu­si­ca­le che nel cor­so di un de­cen­nio ha sa­pu­to da­re vo­ce al­la ge­ne­ra­zio­ne de­gli «an­ni ze­ro» con un can­tau­to­ra­to che man ma­no si è evo­lu­to, la­scian­do­si al­le spal­le le chi­tar­re spor­che e l’es­sen­zia­li­tà de­gli ini­zi per da­re spa­zio a me­lo­die ario­se, ar­ran­gia­men­ti com­ples­si e im­pre­zio­si­ti da suo­ni pro­ve­nien­ti da luo­ghi lon­ta­ni, te­sti me­no clau­stro­fo­bi­ci. So­no le ca­rat­te­ri­sti­che di «Ter­ra», di­sco di due an­ni fa che se­gna la fi­ne di un per­cor­so: Bron­di ha de­ci­so di spe­gne­re Le Lu­ci del­la Cen­tra­le Elet­tri­ca e do­ma­ni chiu­de­rà il cer­chio a Mi­la­no, con un sold out al Tea­tro Na­zio­na­le (p.zza Pie­mon­te 12, ore 21, bi­gliet­ti esau­ri­ti) e un con­cer­to pen­sa­to sul­la fal­sa­ri­ga del­la re­cen­te rac­col­ta «2008/2018. Tra la via Emi­lia e la via Lat­tea». «La­vo­ra­re a quel dop­pio al­bum mi ha aiu­ta­to a ren­der­mi con­to di co­me la mu­si­ca di Le Lu­ci si sia tra­sfor­ma­ta nel tem­po», spie­ga il can­tau­to­re di Fer­ra­ra. «Tut­to era par­ti­to da una cit­ta­di­na di pro­vin­cia, ma la pe­ri­fe­ria si è poi al­lar­ga­ta e l’im­ma­gi­na­rio si è espan­so fi­no a in­glo­ba­re col­li­ne, mon­ta­gne, al­tre na­zio­ni, con­ti­nen­ti, il pia­ne­ta Ter­ra. Ora si cam­bia, ma non è una scel­ta ra­zio­na­le la mia, sen­to che è giu­sto co­sì: il bel­lo del mio la­vo­ro è che ti im­po­ne di evol­ver­ti e a vol­te per riu­scir­ci bi­so­gna met­ter­si in una con­di­zio­ne di ob­bli­go». Co­me di­re: ab­ban­do­no la «com­fort zo­ne» e ve­dia­mo che suc­ce­de. Di cer­to Bron­di ha tan­te carte da gio­car­si, lui che, ol­tre ad aver in­ci­so cin­que di­schi, ha scrit­to li­bri e fu­met­ti. «Ho da­to via a Le Lu­ci nel 2008, ma i miei ri­fe­ri­men­ti ri­sa­li­va­no agli an­ni 90 e al pas­sa­to, pen­so ai CCCP e a Bat­tia­to». Il 34en­ne non sa co­sa l’aspet­ta ades­so, ma dal­le sue pa­ro­le si ca­pi­sce che non ac­can­to­ne­rà la mu­si­ca. «Non è che ci si deb­ba aspet­ta­re chis­sà qua­li sor­pre­se, non fa­rò un di­sco tech­no per stu­pi­re tut­ti, con­ti­nue­rò per la mia stra­da», pre­ci­sa. «Ciò che so per cer­to è che que­sto me­stie­re per me non ha nes­sun sen­so se in­te­so co­me cor­sa all’ac­cre­sci­men­to di un pub­bli­co e del pro­prio sta­tus so­cia­le».

Pop d’au­to­re Va­sco Bron­di ha in­ci­so sot­to lo pseu­do­ni­mo col­let­ti­vo «Le Lu­ci del­la cen­tra­le elet­tri­ca»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.