Corriere della Sera - Io Donna

STEFANIA DIDONE

Ha la­scia­to il “pic­co­lo mon­do” da di­ri­gen­te ed è par­ti­ta in cer­ca di LI­BER­TÀ. In bar­ca, con il pa­ra­ca­du­te. E aspet­ta­te­la al­la pros­si­ma

- di Va­len­ti­na Ra­viz­za

Vo­le­va la leg­gen­da, sin dai tem­pi del­le Re­pub­bli­che ma­ri­na­re, che la bel­lis­si­ma po­le­na fos­se la pri­ma e l’ uni­ca donna a bor­do del­la na­ve. Ma Stefania Didone, skip­pe re ar­ma­tri­ce, non è su­per­sti­zio­sa e con la sua L eti­ci ado sol, il ve­lie­ro del 1958 che ha re­stau­ra­to in­sie­me al com­pa­gno, van­ta di­ver­si po­di e vit­to­rie nel­le re­ga­te d’ epo­ca del Me­di­ter­ra­neo, co me­la Cor­si­ca Clas­si c che ogni an­no fa il gi­ro dell’ Î le­de Beau­té. «C’èmol­to più­ma­schi­li­smo nel­mon­do del la­vo­ro» as­si­cu­ra, spe­cie nel suo: lau­rea­ta in In­ge­gne­ria al Po­li­tec­ni­co di Mi­la­no« quan­do an­co­ra non c’ era­no nean­che i ba­gni per don­ne», og­gi aiu­ta azien dei­ta­lia nea ven­de­re all’ este­ro e azien­de asia­ti­che a ven­de­re in Ita­lia. Lei che aO­rien­te c’ era già vo­la­ta per l’ al­tra gran­de pas­sio­ne, il pa­ra­ca­du­ti­smo, sem­pre in­se­guen­do il de­si­de­ri odi« usci­re dal mio­pic­co­lo­mon­do».

Co­me usci­ta è un po’ estre­ma, non cre­de?

(ri­de) Ave­vo bi­so­gno di una sfi­da per­so­na­le! Ar­chi­via­ta l’ uni­ver­si­tà, do­po ot­to an­ni­di la­vo­ro ero di­ri­gen­te, che in Ita­lia per una 32 en­ne è una co­sa ab­ba­stan­za dif­fi­ci­le, e quin­di sen­ti­vo di aver mes­so al­le spal­le tut­ti gli obiet­ti­vi che­mi ero­po­sta. Un gior­no, at­ter­ran­do co­nun ae­reo pri­va­to in un pic­co­lo ae­ro­por­to, vi­di scen­de­re al­cu­ni pa­ra­ca­du­ti­sti e fua­mo­re apri­ma vi­sta.

Da lì al­le com­pe­ti­zio­ni ita­lia­ne e in­ter­na­zio­na­li il pas­so non è bre­ve.

Per 10 an­ni ci ho de­di­ca­to ogni mio mo­men­to li­be­ro, ar­ri­van­do a fa­re 10 sal­ti o 10 round nel­la gal­le­ria del vento al gior­no. L’emo­zio­ne più gran­de è sta­ta d iv en­ta­re­jum­pm aster de­gli al­lie­vi: in­se­gna­re agli al­tri a vo­la­re, ve­der­li lan­ciar­si da so­li do­po quat­tro o cin­que sal­ti in­sie­me è una sod­di­sfa­zio­ne in­cre­di­bi­le.

E la pau­ra più gran­de?

Mi è ca­pi­ta­to che il pa­ra­ca­du­te si apris­se ma­le e quin­di di do­ver­lo sgan­cia­re per usa­re quel­lo d’emer­gen­za. Op­pu­re di pren­de­re un cal­cio in­vo­lon­ta­rio da un com­pa­gno in usci­ta dall’ ae­reo e ve­de­re tut­to ne­ro per un at­ti­mo, quan­do scen­di a 180 chi­lo­me­trio­ra­ri no­nè il­mas­si­mo… Pe­rò so­no con­vin­ta che sia uno sport si­cu­ro, nel ri­spet­to del­le re­go­le.

Per un in­ci­den­te qual­che an­no fa ha per­so pe­rò il suo com­pa­gno di squa­dra e di vi­ta Gual­tie­ro Ri­nau­do.

È sta­to uno stop im­por­tan­te, per­ché ho per­so uno dei miei pun­ti di ri­fe­ri­men­to. Per lui ho aper­to una on­lus che fi­nan­zia il Cen­tro trau­ma­to­lo­gi­co or­to­pe­di­co di To­ri­no, ma gra­zie a lui­mi so­no an­che av­vi­ci­na­ta al­la ve­la.

Sem­pre al­la ri­cer­ca dell’adre­na­li­na?

È di­ver­so. Sta­re in mez­zo al ma­re è co me­sta­re in­mez­zoal­cie­lo: per­di i pun­ti di ri­fe­ri­men­to, e poi ri­tro­vi te stes­so quan­do­toc­chi ter­ra.

La pros­si mas fi­da?

Ho adoc­chia­to una nuo­va bar­ca, più gros­sa e più vec­chia, da ri­si­ste­ma­re, che an­dreb­be por­ta­ta qui dal Ca­na­da at­tra­ver­san­do l’ Ocea­no. Pe­rò pri­ma de­vo tro­va­re qual­cu­no che s’ in­na­mo­ri del­la L eti­ci ado Sol: non la ven­do se non so­no si­cu­ra che l’ ac­qui­ren­te non la voglia mo­der­niz­za­re. Nel cas­set­to pe­rò c’ è an­che il so­gno di pren­de­re il bre­vet­to da eli­cot­te­ri sta. Mi man­ca tan­to l’ aria…

 ??  ?? Stefania Didone, skip­per e ar­ma­tri­ce, du­ran­te la re­ga­ta Cor­si­ca Clas­sic del 2017.
Stefania Didone, skip­per e ar­ma­tri­ce, du­ran­te la re­ga­ta Cor­si­ca Clas­sic del 2017.
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy