La me­mo­ria dei luo­ghi so­prav­vi­ve al ter­re­mo­to

Corriere della Sera - Io Donna - - Icone Di -

Sai, tut­ti mi chie­do­no: al­le 3,36 di quel 24 ago­sto del 2016, co­sa ac­cad­de di pre­ci­so nel­la tua ca­sa di Pog­gio Vi­tel­li­no, ad Ama­tri­ce? Sta­vo per chie­der­te­lo an­che io.

Fac­cio la gior­na­li­sta e co­no­sco le re­go­le: quel­lo che ti­ra e at­ti­ra è la pau­ra, è il fu­mo del­le ma­ce­rie, l’odo­re del­la mor­te… Pe­rò io que­sto li­bro per Ne­ri Poz­za - Ama­tri­ce non c’è più, ma c’è an­co­ra - l’ho scrit­to per an­da­re ol­tre. Per­ché il ter­re­mo­to di­strug­ge, spaz­za via… e tut­ta­via non rie­sce a le­sio­na­re nien­te di ciò che re­sta nel no­stro cuo­re. La me­mo­ria è più for­te di qual­sia­si ma­gni­tu­do.

Si udì qual­co­sa di si­mi­le ad un tuo­no pro­lun­ga­to, ini­ziò a tre­ma­re tut­to, i pa­vi­men­ti si apri­ro­no: Elena Po­li­do­ri, il ma­ri­to Fi­lip­po Cec­ca­rel­li - en­tram­bi fir­me di Re­pub­bli­ca - la fi­glia Fran­ce­sca Ro­ma­na e il bas­sot­to Pe­pi­to, era­no nel lo­ro bel­lis­si­mo ca­sa­le in pie­tra del Sei­cen­to.

Sia­mo so­prav­vis­su­ti. De­sti­no, mi­ra­co­lo, fai tu. La no­stra ca­sa, che quel­la not­te co­mun­que re­stò in pie­di, sia pu­re fe­ri­ta, sbi­len­ca, ven­ne poi giù il 30 ot­to­bre suc­ces­si­vo, con una scos­sa an­co­ra più for­te: ero al te­le­fo­no con la si­gno­ra che ac­cu­di­va il giar­di­no, lei ur­la­va e io sen­ti­vo il ru­mo­re sor­do del­le pie­tre che crol­la­va­no… Pe­rò, ec­co, ti di­co: non è que­sto che vo­glio ri­cor­da­re. Io ho vo­lu­to sal­va­re in un li­bro tut­ta la mia me­mo­ria, il ri­cor­do di un for­mi­da­bi­le cra­te­re tra quat­tro re­gio­ni - La­zio, Abruz­zo, Um­bria e Mar­che - che, pri­ma an­co­ra d’es­se­re si­smi­co, è sta­to pie­no di cul­tu­ra, sto­ria, tra­di­zio­ni…

Con­ti­nua.

Ora Ama­tri­ce è un tap­pe­to di ma­ce­rie al­te un me­tro e mezzo, la gen­te vi­ve in de­so­lan­ti ca­set­te, le mon­ta­gne pa­io­no in­com­ben­ti e me­no ami­che­vo­li: ma io non di­men­ti­co la bel­lez­za di cer­ti po­me­rig­gi, nel­la piaz­zet­ta die­tro la Tor­re Ci­vi­ca, con i pa­sto­ri che si tra­sfor­ma­va­no in poe­ti e, in ver­si, nar­ra­va­no sto­rie d’amo­re e d’av­ven­tu­ra…

Quan­do, in quell’al­ba tre­men­da, in­sie­me ad al­tri cro­ni­sti giun­si ad Ama­tri­ce, il par­ro­co ci dis­se: è tut­to fi­ni­to.

Per me­si, è sta­to an­che il mio pen­sie­ro. Poi, un gior­no, guar­dan­do nel mio cuo­re, ho ri­tro­va­to tut­to e tut­ti…

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.