Un ro­man­zo am­bien­ta­to nel fu­tu­ro apo­ca­lit­ti­co af­fron­ta le no­stre pau­re: il vir­tua­le oscu­ra sem­pre di più il rea­le? La de­mo­cra­zia si sta svuo­tan­do di ogni con­te­nu­to? Se­gui­re la cor­ren­te spe­gne l’idea del­la li­ber­tà?

Corriere della Sera - Io Donna - - Storia Di Copertina Di Foto Di Per Io Donna -

In que­sta vi­sio­ne a tin­te fo­sche, una “mi­ne­stra trop­po sa­la­ta” la de­fi­ni­sce l’au­to­re, la fi­gu­ra for­te è una don­na, An­ne­li­se. Agen­te di po­li­zia, in­fil­tra­ta nel­le set­te, è lei a sco­pri­re l’esi­sten­za dell’ul­ti­mo al­be­ro.

Ci­ni­ca, spie­ta­ta, bef­far­da, ca­pa­ce di spa­ra­re e se ne­ces­sa­rio di uc­ci­de­re, mol­to spes­so più “ma­schi­le” del pro­ta­go­ni­sta Giu­lio Bran­don, sco­pre len­ta­men­te una vo­ca­zio­ne a es­se­re don­na che si na­scon­de sot­to i ruo­li e le per­so­na­li­tà che vol­ta per vol­ta è co­stret­ta a in­ter­pre­ta­re: “Ave­va im­pa­ra­to che il flus­so men­ta­le è un pae­sag­gio col­li­no­so: ci si po­te­va con­cen­tra­re su­gli av­val­la­men­ti o sul­le som­mi­tà per spe­ri­men­ta­re lam­pi di pre­sen­za che in­de­bo­li­va­no la coa­zio­ne del­la cor­ren­te”. Se­gui­re la cor­ren­te fa par­te dell’ar­te di vi­ve­re, a pat­to che non si spen­ga l’idea in­sa­na del­la li­ber­tà. E del­la ver­ti­gi­ne del­la li­ber­tà fa par­te an­che l’idea che a sal­va­re – o tentare di sal­va­re – il mondo sia una don­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.