Gli ar­ti­sti non cam­bia­no il mondo, ma la­scia­no pic­co­le lu­ci...

Corriere della Sera - Io Donna - - Pioniere -

Go­ran Bre­go­vic ' è un mu­si­ci­sta che cre­de nel­la con­ta­mi­na­zio­ne del­le cul­tu­re. Il mondo sem­bra an­da­re pe­rò in un’al­tra di­re­zio­ne. «Pur­trop­po nel­la sto­ria l’im­pe­ra­ti­vo dell’uo­mo è sta­to spes­so com­bat­te­re o emar­gi­na­re il “di­ver­so”. Og­gi que­sto non può più suc­ce­de­re. La più im­por­tan­te le­zio­ne che un uo­mo può im­pa­ra­re è con­vi­ve­re con la di­ver­si­tà. Que­sto cam­bie­rà com­ple­ta­men­te la no­stra idea di bel­lez­za. Fran­ken­stein fi­no­ra vi­sto co­me un “freak”, per­ché fat­to di di­ver­se par­ti, do­vreb­be es­se­re il nuo­vo idea­le di bel­lez­za del 21esi­mo se­co­lo».

Si tro­va a con­fron­tar­si con il pre­giu­di­zio? Ne ha avu­ti?

Sia­mo tut­ti cre­sciu­ti con al­cu­ni ste­reo­ti­pi. Nel mio Pae­se (la Bo­snia) sia­mo cre­sciu­ti con gran­di pre­giu­di­zi sui te­de­schi che ci han­no oc­cu­pa­to per 4 an­ni, e sui tur­chi che ci han­no oc­cu­pa­to per 500 an­ni. Tut­ta­via, non ho mai in­con­tra­to un tur­co o un te­de­sco che cor­ri­spon­des­se­ro a quan­to mi ave­va­no in­cul­ca­to da pic­co­lo. Lo stes­so suc­ce­de con il po­po­lo gyp­sie, sul qua­le esi­sto­no mol­ti pre­giu­di­zi.

Quan­do­ve­de­la­si­tua­zio­ne in Ita­lia co­sa pen­sa?

Dif­fi­ci­le in­con­tra­re un gi­ta­no che non par­li qual­che pa­ro­la di ita­lia­no. L’ita­lia è sem­pre sta­to un Pae­se ac­co­glien­te, pro­ba­bil­men­te per­ché ha vis­su­to sia pe­rio­di di gran­de splen­do­re che di gran­de po­ver­tà. Non rie­sco adim­ma­gi­na­reun’ita­lia di­ver­sa da quel­la che ho co­no­sciu­to quan­do a 17 an­ni ho vis­su­to a Na­po­li, un pe­rio­do di cui con­ser­vo bel­lis­si­mi ri­cor­di. C’è un epi­so­dio del­la sua car­rie­ra che le è par­ti­co­lar­men­te caro?

Mi so­no ca­ri i tan­ti ar­ti­sti che ho in­con­tra­to. Mi ri­cor­do Cé­sa­ria Évo­ra: quan­do ve­ni­va in stu­dio but­ta­va le scar­pe e si met­te­va a can­ta­re a pie­di nu­di.

Se non aves­se fat­to il suo, qua­le la­vo­ro avreb­be scel­to?

Mai­pen­sa­to di non­fa­re il mu­si­ci­sta. Mi­di­spia­ce no­na­ve­re fat­to ve­re com­pe­ti­zio­ni di pugilato, ma so­no sta­to il pre­si­den­te di un­club di bo­xe a Sa­ra­je­vo pri­ma del­la guer­ra. Il pugilato do­vreb­be es­se­re ri­por­ta­to nel­le scuo­le e in­se­gna­to ai bam­bi­ni. Per­ché in­se­gna a guar­da­re ne­gli oc­chi gli al­tri e a com­bat­te­re se­con­do le re­go­le del­la stra­da.

La mu­si­ca è dav­ve­ro ef­fi­ca­ce per comunicare?

È uno stru­men­to di in­te­gra­zio­ne: ne so­no te­sti­mo­ne du­ran­te i miei con­cer­ti, quan­do ve­do il pub­bli­co che, in­di­pen­den­te­men­te da et­nie e re­li­gio­ni, si emo­zio­na e bal­la can­zo­ni d’amo­re e di guer­ra. Gli ar­ti­sti da so­li non cam­bia­no le co­se, ma pos­so­no la­scia­re lun­go il lo­ro cam­mi­no pic­co­le lu­ci. La stra­da da il­lu­mi­na­re è lun­ga, ma an­che le pic­co­le lu­ci ser­vo­no a ri­schia­ra­re.

So­gni per il fu­tu­ro?

Vor­rei ave­re tem­po per scri­ve­re qual­co­sa di so­li­do, in mo­do che le mie bim­be un domani pos­sa­no es­se­re fie­re di pa­pà Go­ran, fie­re di me.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.