NODI fa­mi­lia­ri

È di­ven­ta­to fa­mo­so nel 1981 con “Tre­no di pan­na”, ma - og­gi più che mai, nell’epo­ca su­per­fi­cia­le dei so­cial - AN­DREA DE CAR­LO crede nell’im­por­tan­za del­la let­te­ra­tu­ra. E ri­ba­di­sce il suo amore per le sto­rie, so­prat­tut­to quel­le che af­fron­ta­no i

Corriere della Sera - Io Donna - - Scrittori Militanti - Di

Giu­lia Cal­li­ga­ro

Il rap­por­to dif­fi­ci­le tra una fi­glia, Mar­ghe­ri­ta, e un pa­dre an­zia­no ri­pie­ga­to sul­la col­le­ra, Achil­le, en­tram­bi cuo­chi in una Ve­ne­zia so­spe­sa tra il pas­sa­to au­reo e il tu­ri­smo in­di­stin­to di og­gi, è il pun­to di par­ten­za di Una di Lu­na, il nuo­vo ro­man­zo di An­drea de Car­lo, il suo pri­mo per la Na­ve di Te­seo. L’au­to­re di bestsel­ler co­me Tre­no di pan­na, Due di due, Gi­ro di ven­to si mi­su­ra dun­que que­sta vol­ta con la sot­ti­le psi­co­lo­gia che strin­ge nodi tra le ge­ne­ra­zio­ni e la ri­cer­ca del­la li­ber­tà, da cui so­lo può ir­ra­diar­si un ve­ro futuro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.