Anna ma­gna­ni, l’ico­na su­pre­ma

Corriere della Sera - Io Donna - - An­ni Da Ce­le­bra­re -

«se ri­de­va, era la ri­sa­ta d’una bac­can­te; se pian­ge­va era il pian­to d’una la­men­ta­tri­ce lu­ca­na», di­ce­va di lei In­dro Montanelli. Coc­teau l’ave­va de­fi­ni­ta “la spet­ti­na­ta più af­fa­sci­nan­te d’ita­lia”. Popolarissima, ico­na su­pre­ma de­gli an­ni del­la ri­co­stru­zio­ne, anna ma­gna­ni era l’aman­te del re­gi­sta ro­ber­to ros­sel­li­ni. Lui l’ave­va re­sa in­di­men­ti­ca­bi­le co­me Pi­na, che in Ro­ma città aper­ta rin­cor­re il ca­mion do­ve i te­de­schi hanno ca­ri­ca­to il suo uo­mo (fo­to so­pra) e vie­ne fal­cia­ta dal mi­tra: la se­quen­za più fa­mo­sa del neo­rea­li­smo. se­pa­ra­ti en­tram­bi, anna e ro­ber­to vi­ve­va­no all’ho­tel ex­cel­sior a ro­ma, il lo­ro rap­por­to fin trop­po vi­va­ce, fat­to di liti mo­vi­men­ta­te da piat­ti che vo­la­no e gran­de pas­sio­ne, fin­ché Ro­ber­to non la la­sciò in mo­do in­de­co­ro­so, di­cen­do­le che scen­de­va un mo­men­to per por­ta­re a spas­so i ca­ni e cor­ren­do in­ve­ce all’ae­ro­por­to per rag­giun­ge­re la sua nuo­va fiam­ma, Ingrid Berg­man. la sfi­la­ta nel cor­so del­la qua­le la con­tes­sa Pia Bel­len­ta­ni uc­ci­de l’aman­te, l’in­du­stria­le Car­lo Sac­chi. È il pri­mo ve­ro scan­da­lo del do­po­guer­ra.

Ne se­gui­ran­no al­tri me­no tra­gi­ci. La can­tan­te Mi­na nel 1963 ha un fi­glio da un uo­mo che non è suo ma­ri­to, l’at­to­re Cor­ra­do Pa­ni, co­sa che le co­sta un an­no di ostra­ci­smo te­le­vi­si­vo. L’at­tri­ce Ste­fa­nia San­drel­li nel 1964 ha Aman­da dal can­tan­te Gi­no Pao­li, che è già spo­sa­to. Nel be­ne e nel ma­le, nel la­vo­ro, nel­lo spet­ta­co­lo, nella mo­da, nella cultura, nella po­li­ti­ca, le don­ne dal 1948 so­no sem­pre più pre­sen­ti, protagoniste. E og­gi?

«L’ita­lia re­sta per cer­ti ver­si un Pae­se ma­schi­li­sta, re­si­sto­no di­scri­mi­na­zio­ni e vio­len­ze. Ma l’asce­sa del­le ita­lia­ne è or­mai inar­re­sta­bi­le» scri­ve Caz­zul­lo. «La con­di­zio­ne di una gio­va­ne ita­lia­na è og­gi in­com­pa­ra­bil­men­te mi­glio­re di quella di una sua coe­ta­nea del 1948. Il de­bi­to di gra­ti­tu­di­ne che tut­ti noi, uo­mi­ni com­pre­si, ab­bia­mo per le don­ne del­la Ri­co­stru­zio­ne, per le no­stre ma­dri e le no­stre non­ne, è im­men­so». Co­me dar­gli tor­to?

Ste­fa­nia San­drel­li, og­gi set­tan­ta­duen­ne, in Se­dot­ta e ab­ban­do­na­ta, di­ret­to da Pie­tro Germi e usci­to nel 1964, lo stes­so an­no in cui ha avu­to la fi­glia Aman­da da Gi­no Pao­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.