LO SCAN­DA­LO È (QUA­SI) FI­NI­TO

Il pet­te­go­lez­zo? Co­sì dif­fu­so da per­de­re for­za. C’è da brin­da­re!

Corriere della Sera - Io Donna - - Shopping - Di

Se c’è una co­sa che è sta­ta de­po­ten­zia­ta dal­la con­tem­po­ra­nei­tà è il pet­te­go­lez­zo. È co­sì dif­fu­so, tut­ti so­no co­sì abi­tua­ti a ve­ni­re a sa­pe­re i fat­ti de­gli al­tri per­ché li hanno let­ti su un­si­to o un­so­cial o un­grup­po wha­tsapp, o li hanno ma­ga­ri ad­di­rit­tu­ra vi­sti e fo­to­gra­fa­ti e dif­fu­si, che or­mai il pet­te­go­lez­zo si con­fon­de con l’in­di­scre­zio­ne: è cioè di­ven­ta­to co­me­le no­ti­zie da­te due mi­nu­ti pri­ma che di­ven­ti­no uf­fi­cia­li, una sor­ta di in­do­lo­re an­ti­ci­pa­zio­ne gior­na­li­sti­ca. Co­me ha scrit­to il fi­lo­so­fo Gian­ni Vat­ti­mo, nella so­cie­tà tra­spa­ren­te, os­sia quella dei media, sa­pe­re tut­to di tut­ti equi­va­le a non sa­pe­re nien­te.

So­no al por­to di An­zio, se­du­ta con Carolina al ta­vo­lo del mio­ri­sto­ran­te pre­fe­ri­to, sor­seg­gian­do un­vi­no bianco lo­ca­le. Ci co­no­scia­mo da quan­do ve­ni­va­mo qui al ma­re da ra­gaz­zi­ne, con le famiglie. «Pen­sa al­la for­tu­na del­le ado­le­scen­ti di ades­so» mi di­ce. «La li­be­ra­zio­ne dal pet­te­go­lez­zo che da ra­gaz­zi­ne ci ha fat­to tan­to sof­fri­re. Al­lo­ra ba­sta­va qual­cu­no che in­si­nuas­se che eri una ragazza fa­ci­le, poi la vo­ce gi­ra­va e ci co­strui­va­no so­pra che eri nin­fo­ma­ne, che tuo fra­tel­lo era omo­ses­sua­le, che tuo pa­dre era un­la­dro… e lo stig­ma so­cia­le di nin­fo­ma­ne, omo­ses­sua­le, la­dro re­sta­va in­col­la­to per sem­pre ai mal­ca­pi­ta­ti. Ma og­gi non c’è più nes­su­na in­si­nua­zio­ne che scan­da­liz­zi, e dun­que l’effetto ma­le­fi­co spe­ci­fi­co del pet­te­go­lez­zo, che era crea­re di­sap­pro­va­zio­ne e ver­go­gna, è sva­ni­to. In se­con­do luo­go, due mi­nu­ti do­po ci sa­reb­be un nuo­vo pet­te­go­lez­zo, più estremo, ma­ga­ri fe­sti­ni por­no con bon­da­ge, con tan­to di fo­to­gra­fie su in­sta­gram e fil­ma­to su you tu­be, e le pre­ce­den­ti in­si­nua­zio­ni ver­reb­be­ro di­men­ti­ca­te. In­som­ma, lo scan­da­lo non c’è più».

For­se ha ra­gio­ne Carolina. Nem­me­noes­se­re fo­to­gra­fa­ta con il se­de­re pie­no di cel­lu­li­te, se sei una fa­mo­sa at­tri­ce, è più scan­da­lo­so. Qual­sia­si co­sa che non vor­re­sti si sa­pes­se, ti ba­sta tra­sfor­mar­la in un­mo­vi­men­to #qual­co­sa, e co­sì puoi aver­la vin­ta su chi ti de­ni­gra. Ab­bia­mo fi­ni­to la bot­ti­glia, e dob­bia­mo an­co­ra ini­zia­re a man­gia­re. Ne or­di­nia­mo una se­con­da. «Ti pre­go» di­co a Carolina «evi­ta di po­sta­re la no­stra fo­to con due bot­ti­glie di vi­no. Non vo­glio che pen­si­no che so­no un’al­co­liz­za­ta». Di fat­to, è l’ul­ti­ma ac­cu­sa ri­ma­sta ai pet­te­go­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.