Corriere della Sera - Io Donna

Quel­lo che le don­ne rac­con­ta­no

Tom­ma­so Zor­zi e la nuo­va map­pa del de­si­de­rio femminile

- An­to­nel­la Bac­ca­ro abac­ca­ro@cor­rie­re.it

Qual­che an­no fa, quan­do il fe­no­me­no in­ter­na­zio­na­le Mi­ka esplo­se an­che sul­la sce­na ita­lia­na gra­zie a X Fac­tor, scris­si un ar­ti­co­lo che al­lo­ra mi par­ve mol­to ar­di­to. So­ste­ne­vo che la gra­zia del can­tan­te li­ba­ne­se era ta­le da in­na­mo­ra­re. Ai tem­pi si par­la­va mol­to del me­tro­se­xual, cioè dell’uo­mo dal­la per­so­na­li­tà me­no de­fi­ni­ta, op­po­sta al ma­schio Alfa. Men­tre i gay ap­pa­ri­va­no an­co­ra gli ami­ci idea­li del­le don­ne sin­gle, quel­li con cui an­da­re a fa­re shop­ping, spet­te­go­la­re, fa­re va­can­za. Ma, ri­fe­ren­do­mi a Mi­ka, io non par­la­vo di sem­pli­ce af­fi­ni­tà d’ani­mo ma del­la pos­si­bi­li­tà con­cre­ta che noi don­ne po­tes­si­mo in­na­mo­rar­ci di uno co­me lui: un gay. A di­stan­za di qual­che an­no, mi sem­bra che quell’ipo­te­si non sia più co­sì pe­re­gri­na. Cer­to, non ho da­ti. Mi ri­fe­ri­sco, co­me fac­cio spes­so, a quel­lo che ve­do in­tor­no a me o è te­sti­mo­nia­to da fe­no­me­ni me­dia­ti­ci. Ne ci­to due, an­co­ra una vol­ta nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo. Il pri­mo è il co­ming out di Ga­briel Gar­ko, l’in­ter­pre­te di fic­tion a lun­go con­si­de­ra­to dal­le don­ne un sex sym­bol. L’at­to­re nel tem­po è sta­to spes­so og­get­to di vo­ci che al­lu­de­va­no al­la sua pre­sun­ta omo­ses­sua­li­tà, ma sol­tan­to og­gi Gar­ko ha de­ci­so di non smen­tir­le più, di­chia­ran­do­si e scom­met­ten­do sul fat­to che que­sto non oscu­re­rà il suo fa­sci­no e il suc­ces­so pres­so il pub­bli­co femminile. E, a giu­di­ca­re da co­me la sua con­fes­sio­ne è sta­ta ac­col­ta, po­treb­be ave­re ra­gio­ne.

Il se­con­do ca­so ri­guar­da la po­po­la­ri­tà cre­scen­te di un al­tro per­so­nag­gio: il gio­va­ne in­fluen­cer Tom­ma­so Zor­zi, omo­ses­sua­le di­chia­ra­to e pa­la­di­no di mol­te battaglie a fa­vo­re del­la co­mu­ni­tà gay. Zor­zi, gra­zie al­la sua per­so­na­li­tà e a un ta­len­to in­na­to per lo spet­ta­co­lo, è en­tra­to nel­la ca­sa del Gran­de Fra­tel­lo Vip col suo ama­to pa­io di scar­pe tac­co 12 aran­cio­ne e ne sta ri­vo­lu­zio­nan­do lo sche­ma, che ha sem­pre vi­sto i pro­ta­go­ni­sti ete­ro­di­ret­ti da una mac­chi­na au­to­ria­le po­ten­tis­si­ma. Tom­ma­so sui so­cial ri­sul­ta ama­tis­si­mo dai gay ma, a sor­pre­sa, an­che dal­le don­ne, che lo tro­va­no af­fa­sci­nan­te. Le pri­me a di­chia­ra­re che è lui l’uo­mo più ses­sual­men­te de­si­de­ra­bi­le del­la ca­sa (do­ve è l’uni­co gay) so­no sta­te pro­prio le con­cor­ren­ti. Il mo­del­lo ma­schi­le è cam­bia­to. I ma­cho so­no av­vi­sa­ti.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy