Bre­vi in cro­na­ca e vi­ta ve­ra Il ci­ne­ma di Mun­giu

In­con­tri Uno scrit­to­re ita­lia­no rag­giun­ge a Bu­ca­re­st uno dei re­gi­sti più si­gni­fi­ca­ti­vi dei no­stri an­ni, Cri­stian Mun­giu. Par­la­no di co­me na­sce un’ope­ra: «Non dai te­mi né dai per­so­nag­gi, ma dal­le sto­rie», di­ce l’au­to­re di «4 me­si, 3 set­ti­ma­ne, 2 gior­ni». C

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di PAO­LO GIOR­DA­NO

Sog­get­to «La mia pre­oc­cu­pa­zio­ne scri­ven­do il lun­go­me­trag­gio più re­cen­te era di ca­pi­re per qua­le ti­po di mon­do dob­bia­mo pre­pa­ra­re i no­stri fi­gli»

In­ter­ro­ga­ti­vo «Al­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni ser­ve un’edu­ca­zio­ne mol­to di­ver­sa a se­con­da che deb­ba­no vi­ve­re qui o all’este­ro. Il film na­sce da que­sto di­lem­ma: che fa­re­sti?»

In ci­ma al­le li­bre­rie dell’uf­fi­cio di Cri­stian Mun­giu, a Bu­ca­re­st, so­no af­fa­stel­la­ti i pre­mi. Cer­co con lo sguar­do la Pal­ma d’oro (per 4 me­si, 3 set­ti­ma­ne, 2 gior­ni, l’odis­sea di un abor­to clan­de­sti­no ne­gli an­ni del re­gi­me co­mu­ni­sta), ma non rie­sco a tro­var­la.

C’è in­ve­ce una mi­nia­tu­ra in pla­sti­li­na, mul­ti­co­lo­re, la ri­co­stru­zio­ne del set di Ol­tre le col­li

ne, sto­ria del ri­con­giun­gi­men­to di due ra­gaz­ze uni­te da un le­ga­me mor­bo­so, una del­le qua­li è di­ve­nu­ta no­vi­zia in una co­mu­ni­tà or­to­dos­sa. Su un ca­len­da­rio so­no ap­pun­ta­ti dei chio­di­ni co­lo­ra­ti per di­stin­gue­re gli im­pe­gni: il fe­sti­val di ci­ne­ma che Mun­giu pre­sie­de, le in­com­ben­ze del­la sua ca­sa di pro­du­zio­ne (Mo­bra Films), le usci­te este­re dell’ul­ti­mo lun­go­me­trag­gio,

Un pa­dre, una fi­glia: un’al­tra pic­co­la odis­sea, quel­la di un me­di­co (Ro­meo) che si pie­ga al­la cor­ru­zio­ne e ai fa­vo­ri­ti­smi, pur di as­si­cu­ra­re al­la fi­glia Eli­za gli stu­di all’este­ro, do­po che un’ag­gres­sio­ne ha ri­schia­to di com­pro­met­te­re il suo esa­me di ma­tu­ri­tà.

«Non co­min­cio dai per­so­nag­gi — di­ce Mun­giu — né dai te­mi né da qual­co­sa che vo­glio di­re. Co­min­cio sem­pre dal­le sto­rie». Il suo ab­bi­glia­men­to — una ma­gliet­ta ne­ra, un pa­io di jeans, dei san­da­li di cuo­io — è es­sen­zia­le, qua­si mo­na­sti­co, al pa­ri del­lo spa­zio che ci cir­con­da. «So­no in­te­res­sa­to al­le vi­cen­de che han­no un li­vel­lo per­so­na­le, ma an­che uno so­cia­le. Da gio­va­ne ho la­vo­ra­to co­me gior­na­li­sta e og­gi me­sco­lo ciò che leg­go sui quo­ti­dia­ni al vis­su­to per­so­na­le e di chi mi è vi­ci­no. Il pro­ta­go­ni­sta di Un pa­dre, una fi­glia, per esem­pio, con­di­vi­de mol­te del­le mie pre­oc­cu­pa­zio­ni, spe­cial­men­te ri­guar­do ai fi­gli, ma al­me­no tre o quat­tro de­gli epi­so­di che com­pa­io­no nel film li ho let­ti sui gior­na­li. Uno è quel­lo di una don­na che è sta­ta vio­len­ta­ta nel cen­tro di Bu­ca­re­st do­po es­se­re sta­ta tra­sci­na­ta lun­go la stra­da per mezz’ora, in mez­zo al­la gen­te, sen­za che nes­su­no in­ter­ve­nis­se».

Al cen­tro dei tuoi film c’è sem­pre la vio­len­za su­bi­ta da una ra­gaz­za. «Non di­rei che Un pa

dre, una fi­glia sia un film su una ra­gaz­za. È piut­to­sto un film sull’ave­re cin­quant’an­ni e su co­me la vi­ta ap­pa­re da quel pic­co dell’esi­sten­za. Eli­za avreb­be po­tu­to es­se­re un ma­schio». Pe­rò non lo è. «Cre­do che ab­bia a che fa­re con il fat­to che le don­ne so­no più fra­gi­li, più espo­ste al­la so­cie­tà. Ma è una spie­ga­zio­ne che rie­sco a tro­va­re a po­ste­rio­ri, non mi gui­da dal prin­ci­pio. Par­lo di es­se­ri uma­ni, non di­vi­do le per­so­ne tra ma­schi e fem­mi­ne. Poi le pro­spet­ti­ve cam­bia­no da un film all’al­tro. Se c’è una co­sa che li ac­co­mu­na dav­ve­ro è il fat­to che cor­ri­spon­do­no sem­pre al­la mia età e al­la mia vi­sio­ne dell’esi­sten­za nel mo­men­to in cui li sto scri­ven­do. Per esem­pio il mio pri­mo — Oc­ci

dent, un in­trec­cio di sto­rie tra­gi­co­mi­che a pro­po­si­to di emi­gra­zio­ne — era il pun­to di vi­sta di un tren­ten­ne che si sen­te la­scia­to in­die­tro, per­ché gran par­te del­la sua ge­ne­ra­zio­ne se n’è an­da­ta all’este­ro». Tu non te ne sei an­da­to dal­la Ro­ma­nia, in­ve­ce. «No. An­che se qual­che oc­ca­sio­ne l’ho avu­ta. Ne­gli an­ni Set­tan­ta mio pa­dre ri­ce­vet­te una bor­sa di stu­dio ne­gli Sta­ti Uni­ti e al­la fi­ne del­la per­ma­nen­za gli of­fri­ro­no la pos­si­bi­li­tà di ri­ma­ne­re là. Pren­de­re o la­scia­re, per­ché se fos­se tor­na­to il re­gi­me non lo avreb­be più la­scia­to par­ti­re. Mia ma­dre era riu­sci­ta a rag­giun­ger­lo nell’ul­ti­mo me­se. Se fos­se­ro ri­ma­sti ne­gli Sta­ti Uni­ti, mia so­rel­la e io non avrem­mo po­tu­to rag­giun­ger­li, ci sa­reb­be­ro vo­lu­ti al­me­no due an­ni per ot­te­ne­re la do­cu­men­ta­zio­ne ne­ces­sa­ria. Era uno dei mo­di in cui il co­mu­ni­smo pu­ni­va chi de­ci­de­va di an­dar­se­ne. Io ave­vo quat­tro an­ni, mia so­rel­la ot­to e mia ma­dre non sop­por­ta­va l’idea di la­sciar­ci, co­sì so­no tor­na­ti».

Si di­reb­be che fo­ste par­te di un’éli­te. «In re-

al­tà del­la pic­co­la bor­ghe­sia. Mio pa­dre era un pro­fes­so­re di on­co­lo­gia, mia ma­dre un’in­se­gnan­te, era­no i pri­mi del­la fa­mi­glia a es­se­re istrui­ti. Non era­va­mo ric­chi ma non ab­bia­mo mai do­vu­to pre­oc­cu­par­ci per il ci­bo, co­me po­te­va ac­ca­de­re ne­gli an­ni del re­gi­me. Po­te­vo con­cen­trar­mi su ciò che vo­le­vo fa­re nel­la vi­ta sen­za l’as­sil­lo di co­me so­prav­vi­ve­re. Ho stu­dia­to lin­gue nel­la cit­tà do­ve so­no na­to, Ia­si, e per un po’ ho in­se­gna­to in­gle­se. Scri­ve­vo su que­sto gior­na­le stu­den­te­sco: era pre­ser­va­to dal re­gi­me co­me l’esem­pio del fat­to che esi­stes­se an­co­ra la li­ber­tà di stam­pa, sem­pli­ce­men­te per­ché la sua ti­ra­tu­ra era mol­to bas­sa, sei­mi­la co­pie. Ma ve­ni­va let­to da mol­te più per­so­ne. Ave­va­mo co­me uni­ca re­stri­zio­ne quel­la di non scri­ve­re di Ceau­se­scu in pri­ma pa­gi­na. Do­po il 1989 i miei col­le­ghi e io ci sia­mo sen­ti­ti in­ve­sti­ti di una re­spon­sa­bi­li­tà. Ave­vo 21 an­ni e ho co­min­cia­to a la­vo­ra­re sul se­rio co­me gior­na­li­sta. In quel mo­men­to era il mas­si­mo, la gen­te ti fer­ma­va per stra­da per chie­der­ti di rac­con­ta­re “la ve­ri­tà”. Tut­ti ave­va­no que­sto bi­so­gno di espri­mer­si e di es­se­re ascol­ta­ti».

Nep­pu­re da re­gi­sta hai pen­sa­to di an­dar­te­ne. «Quan­do tor­nai in Ro­ma­nia do­po la pro­mo­zio­ne del mio pri­mo film, tro­vai un mes­sag­gio di Den­nis Hop­per. Vo­le­va svi­lup­pa­re il sog­get­to di una sto­ria am­bien­ta­ta du­ran­te il co­mu­ni­smo e il co­pro­dut­to­re ro­me­no gli ave­va det­to che ser­vi­va qual­cu­no del po­sto in gra­do di scri­ver­la in in­gle­se. L’uni­co che riu­sci­ro­no a tro­va­re ero io. An­dai con Hop­per ne­gli Sta­ti Uni­ti, nel­la sua ca­sa di Wil­ming­ton, Nor­th Ca­ro­li­na. Lui do­ve­va di­vi­der­si fra quat­tro la­vo­ri: sta­re con il fi­glio di uno dei suoi ma­tri­mo­ni pre­ce­den­ti, con la sua nuo­va gio­va­ne mo­glie, gio­ca­re a golf e la se­ra la­vo­ra­re al­la sce­neg­gia- tu­ra. È sta­to il pe­rio­do più lun­go che ho tra­scor­so lon­ta­no. For­se l’oc­ca­sio­ne è ar­ri­va­ta trop­po tar­di, chis­sà. Ma ades­so sen­to che è qui che pos­so rea­liz­za­re i film che vo­glio. Al­tro­ve non avrei la stes­sa li­ber­tà. Nel si­ste­ma ame­ri­ca­no hai dei fi­nan­zia­to­ri pri­va­ti, il tuo film de­ve al­me­no an­da­re in pa­ri con quan­to è sta­to spe­so. Qui non pos­so an­da­re in pa­ri, per­ché non esi­ste un mer­ca­to. E co­mun­que, se te ne vai, sa­rai sem­pre un ti­zio dell’Eu­ro­pa dell’Est che se n’è an­da­to. Se fos­si sta­to uno dei tan­ti aspi­ran­ti re­gi­sti espa­tria­ti a Los An­ge­les, Den­nis Hop­per non mi avreb­be mai cer­ca­to, lo ha fat­to per­ché ero qui».

Ep­pu­re mol­ti re­gi­sti ita­lia­ni am­bi­sco­no a gi­ra­re i pro­pri film ne­gli Sta­ti Uni­ti, e lo fan­no. «Non so­lo gli ita­lia­ni. Ma guar­dan­do i lo­ro film “ame­ri­ca­ni”, pen­si dav­ve­ro che sia­no mi­glio­ri di quel­li ita­lia­ni? Io di­rei di no. Se ti muo­vi fuo­ri da ciò che co­no­sci be­ne, fi­ni­rai pro­ba­bil­men­te per co­strui­re qual­co­sa che vi­ve sul mar­gi­ne del­la real­tà. È ve­ro, ne­gli Sta­ti Uni­ti ci so­no de­gli at­to­ri fan­ta­sti­ci, ma de­vi co­no­sce­re a fon­do ciò di cui par­li. Se fos­si ca­pa­ce di tro­va­re quel­lo che cer­co là, ci an­drei. Ma vi­vo tra que­ste stra­de». Al­la fi­ne del re­gi­me Ro­meo, il pro­ta­go­ni­sta di Un pa­dre, una fi­glia, è tor­na­to in Ro­ma­nia con l’idea di mi­glio­ra­re le co­se. Ma da ge­ni­to­re, og­gi, non de­si­de­ra al­tro per la fi­glia che man­dar­la a stu­dia­re a Ox­ford. «La mia pre­oc­cu­pa­zio­ne prin­ci­pa­le scri­ven­do il film era di ca­pi­re per qua­le ti­po di mon­do dob­bia­mo pre­pa­ra­re i no­stri fi­gli. Han­no bi­so­gno di un’edu­ca­zio­ne mol­to di­ver­sa se pen­si che do­vran­no so­prav­vi­ve­re qui op­pu­re se cre­di che do­vran­no an­da­re all’este­ro. Il film na­sce da que­sto di­lem­ma: tu che co­sa fa­re­sti? In­se­gne­re­sti lo­ro co­se pra­ti­che per so­prav­vi­ve­re op­pu­re pro­ve­re­sti a spie­ga­re che la so­prav­vi­ven­za non è co­sì im­por­tan­te, che ciò che im­por­ta è co­me vi­vi, sa­pe­re nel pro­fon­do che stai fa­cen­do la co­sa giu­sta? Per un ge­ni­to­re non è af­fat­to fa­ci­le».

Tu che co­sa sce­gli? «Non so­no coe­ren­te. Di­co le stes­se stu­pi­dag­gi­ni che tut­ti i ge­ni­to­ri di­co­no ma non rie­sco a ri­sol­ve­re ogni si­tua­zio­ne co­sì. Non è pos­si­bi­le vi­ve­re con lo stes­so li­vel­lo eti­co in tut­to, con la vo­lon­tà co­stan­te di mo­di­fi­ca­re la real­tà in me­glio, ma de­vi de­di­ca­re a quel­lo sfor­zo al­me­no una par­te di ener­gia. Che co­sa pos­sia­mo cam­bia­re ve­ra­men­te di que­sto mon­do che non ci pia­ce, se l’uni­ca so­lu­zio­ne che sap­pia­mo tro­va­re è quel­la egoi­sti­ca di man­da­re i no­stri fi­gli a vi­ve­re in un po­sto mi­glio­re e di pre­pa­rar­li a que­sto fin dall’ini­zio? E co­mun­que, non sei sol­tan­to tu ge­ni­to­re a edu­ca­re i tuoi fi­gli. La so­cie­tà li istrui­sce mol­to più di te. A vol­te ciò che di­ci non cor­ri­spon­de af­fat­to a quan­to spe­ri­men­ta­no fuo­ri».

I tuoi fi­gli han­no sei e un­di­ci an­ni. Sen­ti che la pa­ter­ni­tà ha cam­bia­to il tuo la­vo­ro? «Più che il la­vo­ro, ha cam­bia­to com­ple­ta­men­te la mia vi­ta. Ora tut­to ciò che vo­glio fa­re pos­so far­lo nel po­co tem­po che mi ri­ma­ne la se­ra, do­po es­ser­mi oc­cu­pa­to dei bam­bi­ni. Non so­no il ge­ne­re di ar­ti­sta che pas­sa il tem­po a pen­sa­re esclu­si­va­men­te al­la sua ar­te. So­no più un ge­ni­to­re che un ar­ti­sta. I miei ul­ti­mi due film non so­no sta­ti gi­ra­ti a Bu­ca­re­st, si è trat­ta­to di una de­ci­sio­ne pra­ti­ca, per­ché quan­do stai gi­ran­do è trop­po dif­fi­ci­le smet­te­re la se­ra i pan­ni del re­gi­sta e ri­tor­na­re il pa­dre “ci­vi­le”. Con 4 me

si... era an­co­ra pos­si­bi­le per­ché mio fi­glio ave­va due an­ni. Ades­so, se or­ga­niz­zo un fe­sti­val a Bu­ca­re­st, lo fac­cio quan­do i miei fi­gli han­no le va­can­ze per­ché in quel pe­rio­do so­no via con i non­ni. Re­sto a ca­sa tut­te le se­re dell’an­no, tran­ne quan­do so­no co­stret­to a viag­gia­re. Ma non viag­gio qua­si più. Quel ti­po di vi­ta era me­ra­vi­glio­so ma è fi­ni­to per me. A vol­te ho por­ta­to i miei fi­gli nel­le tra­sfer­te, que­st’an­no a Can­nes per esem­pio, ma non mi pia­ce. È stra­vol­gen­te per lo­ro. So­no abi­tua­ti al fat­to che tut­ta la mia at­ten­zio­ne sia per lo­ro, quin­di se mi de­di­co ad al­tro non ca­pi­sco­no». In­ve­ce di Bu­ca­re­st, per

Un pa­dre, una fi­glia hai scel­to Vic­to­ria, in Tran­sil­va­nia. «L’ho sco­per­ta du­ran­te le ri­cer­che di Ol­tre le col­li­ne ma non l’ho usa­ta in quel film. C’era qual­co­sa di vi­si­vo che mi ha at­trat­to fin dall’ini­zio. Non è una nor­ma­le cit­ta­di­na che si è svi­lup­pa­ta a par­ti­re da un vil­lag­gio. È una cit­tà ar­ti­fi­cia­le, co­strui­ta ne­gli an­ni Cin­quan­ta co­me co­lo­nia per l’estra­zio­ne di qual­che ma­te­ria­le dal­le mon­ta­gne. I te­de­schi han­no ti­ra­to su i pri­mi edi­fi­ci, poi so­no ar­ri­va­ti i

Crea­zio­ne «Se c’è una co­sa che ac­co­mu­na i miei la­vo­ri è che cor­ri­spon­do­no sem­pre al­la mia vi­sio­ne dell’esi­sten­za nel mo­men­to in cui li scri­vo»

Me­to­do «Il ci­ne­ma ha a che fa­re con lo scor­re­re del tem­po. Quan­do gi­ri una so­la in­qua­dra­tu­ra per sce­na l’espe­rien­za che mo­stri è a suo mo­do au­ten­ti­ca»

rus­si a so­sti­tuir­li. Non c’era una chie­sa fi­no al 1989 e le fun­zio­ni re­li­gio­se si te­ne­va­no in un ga­ra­ge. Ave­vo in men­te Vic­to­ria men­tre scri­ve­vo. I miei film so­no for­te­men­te con­di­zio­na­ti dal fat­to di gi­ra­re so­lo pia­ni-se­quen­za, un’in­qua­dra­tu­ra per sce­na, ov­ve­ro nes­sun mon­tag­gio “in­ter­no”: per que­sto lo spa­zio che im­ma­gi­no in scrit­tu­ra de­ve es­se­re esat­ta­men­te quel­lo in cui va­do in­fi­ne a gi­ra­re».

I pia­ni-se­quen­za so­no un vin­co­lo mol­to for­te che im­po­ni a te stes­so. «Che cos’è lo spe­ci­fi­co del ci­ne­ma? Io cre­do che sia qual­co­sa che ha a che fa­re con lo scor­re­re del tem­po. Quan­do hai a di­spo­si­zio­ne una so­la in­qua­dra­tu­ra per sce­na, an­che se la­vo­ri con de­gli at­to­ri che han­no im­pa­ra­to del­le bat­tu­te, l’espe­rien­za che stai mo­stran­do è a suo mo­do au­ten­ti­ca. La dif­fi­col­tà mag­gio­re nel ci­ne­ma è di ge­sti­re il po­ten­zia­le enor­me che i film han­no di ma­ni­po­la­re. È pos­si­bi­le ri­spet­ta­re le pro­prie re­go­le eti­che? Op­pu­re è so­lo una fal­sa im­pres­sio­ne che esi­sta­no del­le re­go­le? Nell’istan­te in cui si­ste­mi la mac­chi­na da pre­sa in un cer­to pun­to e rac­con­ti una cer­ta sto­ria stai già in­di­riz­zan­do l’at­ten­zio­ne del pub­bli­co. Ma all’in­ter­no del­la ma­ni­po­la­zio­ne ci so­no un’in­fi­ni­tà di al­tre scel­te che puoi pren­de­re e che co­sti­tui­sco­no il tuo di­scor­so per­so­na­le. Per esem­pio, se met­tes­si la mu­si­ca den­tro un mio film e le emo­zio­ni fos­se­ro vei­co­la­te da quel­la mu­si­ca, mi ver­go­gne­rei. Pri­ma di gi­ra­re 4 me­si... ho mes­so in di­scus­sio­ne tut­te le scel­te nor­ma­li che si fan­no da re­gi­sti. Mi chie­de­vo il per­ché di ogni pas­sag­gio, ri­fiu­ta­vo gli au­to­ma­ti­smi. Puoi ot­te­ne­re rit­mo an­che sen­za un mon­tag­gio ra­pi­do? Puoi ar­ri­va­re all’emo­zio­ne an­che sen­za i vio­li­ni? Lo sti­le è il ri­sul­ta­to del­le in­nu­me­re­vo­li pic­co­le scel­te che com­pi».

Pia­ni-se­quen­za in ogni sce­na, nien­te mu­si­ca e in più gli at­to­ri non al­za­no mai la vo­ce. «Io non gri­do e non sop­por­to le per­so­ne che lo fan­no. Mi sen­to mol­to stra­no vi­ci­no a qual­cu­no che ur­la, co­me se aves­si la boc­ca pie­na di sab­bia. E poi, gli at­to­ri so­no ca­pa­ci di su­sci­ta­re una quan­ti­tà di si­gni­fi­ca­ti re­con­di­ti se par­la­no a vo­ce bas­sa. Il Ro­meo di Un pa­dre, una fi­glia, per esem­pio, è un per­so­nag­gio ma­ni­po­la­to­rio e ri­sul­ta mol­to più con­vin­cen­te pro­prio per­ché si espri­me in to­no som­mes­so».

Agli at­to­ri è per­mes­so di im­prov­vi­sa­re? «Il set non è il mo­men­to dell’im­prov­vi­sa­zio­ne. Le pos­si­bi­li­tà de­vo­no es­se­re sta­te esa­mi­na­te pri­ma. E poi, io pas­so co­sì tan­to tem­po in più di lo­ro a ri­flet­te­re su ogni det­ta­glio, sul­le in­ter­con­nes­sio­ni del­la sto­ria, sui per­so­nag­gi. Mol­te del­le in­for­ma­zio­ni non glie­le tra­smet­to nep­pu­re, non ne han­no bi­so­gno. Mi ba­sta che fac­cia­no ciò che io ho in men­te per la sce­na. Ma non è fa­ci­le con­vin­ce­re le per­so­ne a fi­dar­si di te. Co­me tut­ti, gli at­to­ri si di­fen­do­no dall’es­se­re ri­di­co­li e il lo­ro me­stie­re li espo­ne pa­rec­chio. La co­sa che fac­cio sem­pre è di re­ci­ta­re per lo­ro, leg­go le bat­tu­te per­ché sap­pia­no che co­sa de­si­de­ro. Rie­sco a tra­smet­te­re mol­to più di quan­to non fa­rei spie­gan­do». Ol­tre ai dia­lo­ghi, in Un pa­dre, una fi­glia squil­la in con­ti­nua­zio­ne un te­le­fo­no cel­lu­la­re. «Il te­le­fo­no squil­la per­ché il pro­ta­go­ni­sta na­scon­de qual­co­sa. E quan­do na­scon­di qual­co­sa hai sem­pre l’im­pres­sio­ne che qual­cu­no in­tor­no a te lo sap­pia, che ti stia cer­can­do. Ro­meo è per­se­gui­ta­to da un sen­so di col­pa».

Un al­tro ele­men­to ri­cor­ren­te nei tuoi film. Jo­se­ph Brod­sky, cre­sciu­to an­ch’egli sot­to il co­mu­ni­smo, scris­se: «Ec­co il trion­fo de­fi­ni­ti­vo del si­ste­ma: che tu lo vin­ca op­pu­re ti ci uni­sca, ti sen­ti­rai ugual­men­te col­pe­vo­le». «Le per­so­ne qui non pen­sa­no al­le pro­prie vi­te in ter­mi­ni di co­mu­ni­smo e non-co­mu­ni­smo. È una di­stin­zio­ne for­ma­le che vie­ne fat­ta ades­so. Se leg­gi gli ar­ti­co­li sul ci­ne­ma ro­me­no tro­ve­rai ovun­que que­sto ste­reo­ti­po, ma per noi è ri­di­co­lo. An­che 4 me­si..., che tut­ti han­no in­ter­pre­ta­to co­me un film sul co­mu­ni­smo, era prin­ci­pal­men­te un film su di me, sui miei vent’an­ni, che per ra­gio­ni sto­ri­che ho tra­scor­so sot­to il re­gi­me». Quin­di re­sta­re, con­ti­nua­re a es­se­re

Cri­stian Mun­giu non la­scia nul­la al ca­so, tut­to è pia­ni­fi­ca­to: «Il set non è il mo­men­to dell’im­prov­vi­sa­zio­ne. E poi, io pas­so più tem­po de­gli at­to­ri a ri­flet­te­re su ogni det­ta­glio, sul­le in­ter­con­nes­sio­ni del­la sto­ria, sui per­so­nag­gi. Mol­te del­le in­for­ma­zio­ni non glie­le tra­smet­to nep­pu­re, non ne han­no bi­so­gno. Mi ba­sta che fac­cia­no ciò che io ho in men­te per la sce­na. De­vo­no fi­dar­si»

«un re­gi­sta ro­me­no» com­por­ta an­che del­le li­mi­ta­zio­ni. «La li­mi­ta­zio­ne ap­par­tie­ne agli al­tri, non a me. Pen­so che do­vrem­mo pren­de­re in con­si­de­ra­zio­ne che an­che i film gi­ra­ti in lin­gue di­ver­se dal­la no­stra pos­sa­no ave­re dei si­gni­fi­ca­ti uni­ver­sa­li. Ma non suc­ce­de co­sì spes­so. Dal ci­ne­ma dell’Est Eu­ro­pa mol­ti si aspet­ta­no an­co­ra le esa­ge­ra­zio­ni dei film di Ku­stu­ri­ca de­gli an­ni No­van­ta e si la­men­ta­no quan­do non le tro­va­no. Non ab­bia­mo bi­so­gno di esa­ge­ra­re, la real­tà è ab­ba­stan­za spet­ta­co­la­re co­sì com’è».

Si può di­re che il sen­so di col­pa ab­bia un ca­rat­te­re re­li­gio­so al­lo­ra? «Non lo so. Non so­no re­li­gio­so in sen­so stret­to, non va­do in chie­sa». E in sen­so la­to? «C’è sta­to un pe­rio­do del­la vi­ta nel qua­le mi so­no mes­so a leg­ge­re di re­li­gio­ne e ho ca­pi­to che è an­che gra­zie a es­sa se si so­no tra­man­da­ti mol­ti dei va­lo­ri che mi ap­par­ten­go­no. E ho un mo­do di pen­sa­re al Be­ne e al Ma­le, al mo­do in cui il Ma­le si in­si­nua nel­la real­tà, che for­se mi por­ta vi­ci­no al­la re­li­gio­ne. Quan­do cre­sci dei fi­gli, poi, di­ven­ta es­sen­zia­le ca­pi­re che co­sa di­re lo­ro». E tu che co­sa di­ci? «Non che l’uni­ver­so è sta­to crea­to in set­te gior­ni. Pe­rò rac­con­to lo­ro che c’era que­st’uo­mo, un uo­mo che è esi­sti­to ve­ra­men­te e che ha cer­ca­to di dif­fon­de­re dei va­lo­ri che so­no va­li­di an­che og­gi». Eti­ca e an­co­ra eti­ca, in­som­ma. «La pri­ma se­quen­za di Un pa­dre, una fi­glia ha per me un si­gni­fi­ca­to vi­si­vo im­por­tan­te: mo­stra una pe­ri­fe­ria cu­pa, pa­laz­zi so­vie­ti­ci fra i qua­li dei la­vo­ra­to­ri sca­va­no una bu­ca. In ge­ne­re si pen­sa che ogni film est-eu­ro­peo co­min­ci con un’im­ma­gi­ne di pa­laz­zi so­vie­ti­ci ma non si trat­ta di que­sto. Né del­la bu­ca. Ho scel­to quell’in­qua­dra­tu­ra per via dell’edi­fi­cio al cen­tro. Una par­te del­la sua fac­cia­ta, al se­con­do pia­no, è pit­tu­ra­ta di ver­de. L’uo­mo che ci abi­ta nel­la real­tà non è riu­sci­to a con­vin­ce­re gli al­tri con­do­mi­ni a ri­strut­tu­ra­re ma lui lo ha fat­to. Da so­lo. Co­sì il suo ap­par­ta­men­to è ver­de, men­tre tut­ti gli al­tri re­sta­no gri­gi e de­ca­den­ti. È l’esem­pio di co­me ognu­no di noi può tro­va­re una so­lu­zio­ne per se stes­so, sal­var­si, ma di co­me que­sto non sal­ve­rà an­che la na­ve che sta af­fon­dan­do».

Qui so­pra: Pao­lo Gior­da­no a Bu­ca­re­st con il re­gi­sta Cri­stian Mun­giu (Ia­si, Ro­ma­nia, 27 apri­le 1968) vin­ci­to­re nel 2007 del­la Pal­ma d’oro al fe­sti­val di Can­nes con 4 me­si, 3set­ti­ma­ne, 2 gior­ni (ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co di Alex Gal­mea­nu)

Qui so­pra: Cri­stian Mun­giu (1968) den­tro l’Ho­tel Asto­ria, do­ve so­no sta­te gi­ra­te le se­quen­ze prin­ci­pa­li di 4 me­si,3 set­ti­ma­ne, 2 gior­ni (2007). Og­gi l’al­ber­go è ab­ban­do­na­to e qua­si in ro­vi­na. Nel­la pa­gi­na ac­can­to: il re­gi­sta den­tro la ex-pri­gio­ne nel cen­tro di Bu­ca­re­st do­ve ha gi­ra­to una sce­na di Rac­con­tidell’età dell’oro (2009), il film com­po­sto di set­te epi­so­di che rac­con­ta­no con umo­ri­smo il re­gi­me co­mu­ni­sta di Ceau­se­scu, fir­ma­ti da cin­que di­ver­si re­gi­sti ro­me­ni

Nell’il­lu­stra­zio­ne di An­ge­lo Ru­ta un fo­to­gram­ma di Un pa­dre,una fi­glia di Cri­stian Mun­giu. A mag­gio il film ha vin­to il pre­mio per la re­gia al fe­sti­val di Can­nes, dal 30 ago­sto nel­le sa­le ita­lia­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.