Tut­ta la pol­ve­re del mon­do

Il ver­na­co­lo si­ci­lia­no di Re­na­to Pen­ni­si

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Poesia - Di FRAN­CO MAN­ZO­NI

Gior­no do­po gior­no il pul­vi­sco­lo del tem­po si ac­cu­mu­la su og­get­ti, vol­ti, pro­fu­mi, ve­sti­ti, stan­ze e stra­de. E tut­to di­ven­ta un pre­ci­pi­zio di ce­ne­re, dal qua­le non è pos­si­bi­le esi­mer­si. Per­ché il sen­so del­la fi­ne in­cal­za nel­lo sche­ma del­la Na­tu­ra e l’uo­mo, per­so nel la­bi­rin­to di un mon­do che sfug­ge, as­si­ste iner­me al­la la­ce­ran­te con­su­ma­zio­ne del­la pro­pria esi­sten­za.

Con cru­do rea­li­smo ed echi di Leo­par­di la rac­col­ta dia­let­ta­le Pru­vu­laz­zu ( Pol­ve­re) di Re­na­to Pen­ni­si usci­ta per In­ter­li­nea co­glie acu­ta­men­te le stig­ma­te de­gli abi­tan­ti di Pi­ca­nel­lo, il quar­tie­re di Ca­ta­nia ove il poe­ta è na­to nel 1957. La scel­ta del ver­na­co­lo ap­pa­re qua­si ne­ces­sa­ria per de­scri­ve­re il crol­lo di in­te­ri abi­ta­ti e la con­se­guen­te spa­ri­zio­ne di nu­me­ro­si nu­clei fa­mi­lia­ri. Pro­prio nel­la lin­gua «tet­ta» l’au­to­re è in gra­do di rea­liz­za­re un pre­zio­so af­fre­sco di per­so­nag­gi sen­za tem­po, om­bre di una rap­pre­sen­ta­zio­ne tea­tra­le che via via si sta ine­so­ra­bil­men­te sfi­lac­cian­do nel ri­cor­do, fi­no a toc­ca­re il vuo­to del si­len­zio.

È al­lo­ra che con rab­bia equi­li­bra­ta Pen­ni­si, da più di trent’an­ni poe­ta in lin­gua e in dia­let­to, tro­va mo­do di sca­gliar­si con­tro un’Ita­lia zop­pa, schia­va, re­gno di in­giu­sti­zie. Una poe­sia ci­vi­le che toc­ca l’in­vet­ti­va e i toni dan­te­schi, as­si­sten­do al­lo sfa­ce­lo del­la cul­tu­ra oc­ci­den­ta­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.