IL SI­GNI­FI­CA­TO DEL MARTIRIO

Corriere della Sera - La Lettura - - Percorsi Geografie - Di MAR­CO RIZ­ZI

Il ter­mi­ne mar­ti­re è di so­li­to as­so­cia­to al­la mor­te. Mar­ti­re è chi vie­ne uc­ci­so, o si la­scia uc­ci­de­re, in no­me di una fe­de, di un idea­le, di un’ami­ci­zia. Dall’11 set­tem­bre in poi, nel­la se­man­ti­ca del ter­mi­ne è en­tra­ta poi a far par­te l’idea di una vio­len­za in­flit­ta an­che ad al­tri, non so­lo su­bi­ta. Nel­la sua ori­gi­ne cri­stia­na, pe­rò, la pa­ro­la ave­va un si­gni­fi­ca­to più spe­ci­fi­co e ri­stret­to. Nel con­te­sto ur­ba­no del­la vi­ta del­la Chie­sa dei pri­mi tre se­co­li, mar­ti­re era chi ren­de­va pub­bli­ca te­sti­mo­nian­za del­la pro­pria fe­de di fron­te al tri­bu­na­le ro­ma­no, ri­ce­ven­do una pu­ni­zio­ne che so­lo in al­cu­ni ca­si com­por­ta­va la pe­na ca­pi­ta­le. A que­sta ori­gi­na­ria ac­ce­zio­ne ri­man­da­no le vi­cen­de di An­ton Lu­li, un ge­sui­ta, e Gjo­va­lin Ze­zaj, un lai­co, a lun­go in­car­ce­ra­ti nell’Al­ba­nia di En­ver Hox­ha per la lo­ro te­sti­mo­nian­za cri­stia­na e in­fi­ne li­be­ra­ti nel 1989. Leg­ge­re la sto­ria del­le lo­ro vi­te, narrata da Ro­ber­to Mo­roz­zo del­la Roc­ca e An­drea Gio­van­nel­li nel li­bro Mar­ti­ri d’Al­ba­nia (La Scuo­la, pp. 224, € 15,50) ci aiu­ta a ri­da­re il giu­sto si­gni­fi­ca­to a una pa­ro­la che si è ve­nu­ta ca­ri­can­do di trop­pe al­tre con­no­ta­zio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.