Man­ca una lu­ce per squar­cia­re il buio

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di ERMANNO PACCAGNINI

Non è mol­to tem­po che da uno scrit­to­re ho sen­ti­to la­men­ta­re la for­te pre­do­mi­nan­za che nel­la nar­ra­ti­va ita­lia­na at­tua­le ha la rap­pre­sen­ta­zio­ne del rea­le ri­spet­to al fan­ta­sti­co. Do­ve, be­nin­te­so, per fan­ta­sti­co il ri­fe­ri­men­to an­da­va a quel­la tra­di­zio­ne che po­te­va ben es­se­re rias­sun­ta nell’an­to­lo­gia con­ti­nia­na Ita­lie ma­gi­que. E cre­do sia un po’ que­sta la di­co­to­mia che reg­ge l’an­da­men­to di una nar­ra­ti­va ita­lia­na ca­pa­ce di of­fri­re an­che buo­ni ri­sul­ta­ti in en­tram­bi i cam­pi; an­che se sem­pre più di fre­quen­te si no­ta un ce­di­men­to sul pia­no del­la «pa­ro­la-sca­vo», sa­cri­fi­ca­ta a tra­me, co­stru­zio­ni, de­nun­ce.

Ciò che in­ve­ce mi pa­re dav­ve­ro de­fi­ci­ta­rio è quan­to con­se­gue al muo­ver­si in que­ste due con­trap­po­ste ti­po­lo­gie, pe­ral­tro det­ta­te dal­le real­tà che stia­mo vi­ven­do: os­sia uno sguar­do che sap­pia an­da­re ol­tre la sem­pli­ce rap­pre­sen­ta­zio­ne. Man­ca nel­la nar­ra­ti­va di og­gi l’uto­pia: in­ten­den­do con ta­le ter­mi­ne l’as­sil­lo, il di­lem­ma, la do­man­da del «pos­si­bi­le». Di una «al­te­ri­tà». Non quin­di qual­co­sa che di­ven­ga og­get­to di nar­ra­zio­ne, ma che si fac­cia so­stan­za stes­sa del­la nar­ra­zio­ne. Uto­pia co­me quel «non luo­go» ta­le so­lo per­ché non vi­si­bi­le, sfug­gen­te, da co­glie­re e tra­dur­re in una pa­ro­la la cui pre­gnan­za sia in gra­do di squar­cia­re il buio: quel­lo che ogni ve­ro au­to­re vi­ve e por­ta in sé co­me de­mo­ne, e che spes­so de­po­si­ta in­con­scia­men­te nel­la sua scrit­tu­ra not­tur­na. E quel­lo che ogni real­tà cir­co­stan­te sa co­sì ben ce­la­re. Uto­pia co­me con­di­zio­ne stes­sa del nar­ra­re, in quan­to in­ter­ro­ga­zio­ne, dub­bio, ma­ce­ra­zio­ne: mai pe­rò esi­bi­ta, in quan­to con­su­stan­zia­ta nel­la pa­ro­la nar­ra­ti­va.

È quel pas­sag­gio at­tra­ver­so il qua­le non si vi­vo­no gli at­teg­gia­men­ti di mo­ra­li­tà, o ad­di­rit­tu­ra di mo­ra­li­smo più o me­no ma­sche­ra­to, ta­lo- ra nar­ra­ti­va­men­te com­pia­ciu­to, che so­stan­zia­no e as­sai spes­so in­gol­fa­no le tan­te nar­ra­zio­ni che han­no per og­get­to la real­tà (di ie­ri, di og­gi, di do­ma­ni). Al con­tra­rio, è un pas­sag­gio che ri­chie­de all’ori­gi­ne una di­men­sio­ne eti­ca: di un’eti­ca del do­lo­re co­me del­la gio­ia, del­la sof­fe­ren­za co­me del­la sal­vez­za, o dell’ab­bat­ti­men­to quan­do que­sta non in­ter­ven­ga. Uto­pia co­me eti­ca del di­sve­la­men­to, in quan­to do­ve­re di ve­ri­tà. An­che di una ve­ri­tà ne­ga­ti­va. Di una ve­ri­tà da igno­mi­nia. Uto­pia co­me «luo­go» del­la au­ten­ti­ci­tà e dei con­ti che ci si tro­va a fa­re col suo ve­nir me­no, co­sì co­me di fron­te al­la per­so­na­le per­di­ta di in­no­cen­za. E in­ten­do ov­via­men­te qual­co­sa di as­sai più pro­fon­do del­la ve­ri­tà og­get­ti­va. Quel qual­co­sa che sap­pia an­da­re ol­tre e dis­se­mi­na­re nel te­sto quan­to pos­sa ali­men­ta­re an­che il let­to­re. Per­ché uto­pia di­vie­ne il «non luo­go» nel qua­le si an­ni­da­no cer­te do­man­de es­sen­zia­li che spes­so spa­ven­ta­no il so­lo pen­sar­le; per­si­no il so­lo so­spet­ta­re che pos­sa­no esi­ste­re. Do­man­de rin­vian­ti a quel­le «ra­gio­ni ul­ti­me» che so­no pe­rò le ra­gio­ni del con­fron­to quo­ti­dia­no quan­do la pen­na in­ten­de scar­di­na­re e per­fo­ra­re la real­tà, co­sì ri­do­nan­do un «nuo­vo mon­do».

È quel qual­co­sa, di vol­ta in vol­ta di­ver­so, che si può co­glie­re ad esem­pio nel­la Sto­ria del­la co­lon­na in­fa­me di Man­zo­ni co­me nel dram­ma del­la dia­spo­ra rac­con­ta­to da Ar­tu­ro Lo­ria, del Te­sto­ri di In exi­tu co­me nell’ul­ti­mo Scia­scia. Co­me nel Ma­gris di Non luo­go a pro­ce­de­re. Per dir­la con Ma­gris, uto­pia co­me di­men­sio­ne mo­ra­le in­te­sa co­me «esi­gen­za di fa­re i con­ti con la dram­ma­ti­ci­tà dell’esi­sten­za e le sue con­trad­di­zio­ni». Col Ma­le e con la sua stes­sa am­bi­gui­tà. E con quan­to ne con­se­gue in ter­mi­ni di «re­spon­sa­bi­li­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.