La mo­ra­le dei Må­ne­skin, l’al­tra sor­pre­sa di X Fac­tor

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di PAO­LO GIORDANO

La squa­dra che ge­sti­sce il tea­tro Don­na­fu­ga­ta, uno dei più pic­co­li d’Ita­lia e dei più sug­ge­sti­vi, è for­ma­ta da tre don­ne di cui la più gio­va­ne, Co­stan­za Di Quat­tro, ha 31 an­ni e una pas­sio­ne per il tea­tro che con­di­vi­de con le al­tre com­po­nen­ti del­la squa­dra: la so­rel­la Vic­ki, di 32 an­ni, e l’ami­ca di fa­mi­glia Clo­rin­da Arez­zo, di 35.

Le due so­rel­le so­no i di­ret­to­ri ar­ti­sti­ci, Clo­rin­da si oc­cu­pa del coor­di­na­men­to. In­sie­me han­no ri­lan­cia­to, die­ci an­ni fa, quel pic­co­lo gio­iel­lo che, aper­to nel­la pri­ma me­tà dell’Ot­to­cen­to all’in­ter­no del pa­laz­zo di fa­mi­glia dei ba­ro­ni Di Quat­tro, 2 mi­la me­tri a Ra­gu­sa Ibla, è sta­to ri­strut­tu­ra­to a par­ti­re dal Due­mi­la e ri­con­se­gna­to al­la sua fun­zio­ne nel 2005 in una ver­sio­ne in mi­nia­tu­ra ma per­fet­ta: con la bu­ca d’or­che­stra e di pla­tea a di­gra­da­re. «I pri­mi tem­pi non so­no sta­ti fa­ci­li. Non ci pren­de­va­no sul se­rio. Pen­sa­va­no fos­si­mo fi­glie di pa­pà che si oc­cu­pa­va­no di quel tea­tro per pas­sa­tem­po — rac­con­ta Co­stan­za — ma poi han­no vi­sto con qua­le im­pe­gno la­vo­ras­si­mo e i ri­sul­ta­ti che por­ta­va­mo a ca­sa e si so­no ri­cre­du­ti». I ri­sul­ta­ti so­no, tra l’al­tro, una sta­gio­ne di pro­sa che a Ra­gu­sa Ibla ha por­ta­to Giu­sep­pe Pam­bie­ri e Mi­ta Me­di­ci, Tul­lio So­len­ghi e Se­ba­stia­no Lo Mo­na­co e un even­to straor­di­na­rio all’an­no co­me Il bar­bie­re di Si­vi­glia che, rea­liz­za­to in co­pro­du­zio­ne con il Tea­tro al­la Sca­la, è sta­to mes­so in sce­na per tre gior­ni al­la fi­ne del­lo scor­so no­vem­bre. An­che per­ché all’ope­ra le tre pro­fes­sio­ni­ste del Don­na­fu­ga­ta han­no af­fian­ca­to una ine­di­ta mo­stra su­gli amo­ri vis­su­ti da Ver­di, Bel­li­ni e Ros­si­ni, ar­ti­sti dal­la vi­ta sen­ti­men­ta­le com­pli­ca­ta e di­vi­sa su più fron­ti.

Spie­ga Co­stan­za: «A me è toc­ca­to oc­cu­par­mi di Bel­li­ni e non è sta­to fa­ci­le, vi­sto che era il più tur­bo­len­to e sca­te­na­to, con mol­te don­ne che la­scia­va si­ste­ma­ti­ca­men­te, in­ca­ri­can­do po­co co­rag­gio­sa­men­te un ami­co che, quan­do il mu­si­ci­sta era stu­fo del­la re­la­zio­ne, scri­ve­va all’aman­te di tur­no sem­pre la stes­sa let­te­ra: “Bel­li­ni mi in­ca­ri­ca di dir­vi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.