Per una ci­vil­tà eco-so­ste­ni­bi­le Il ca­ta­stro­fi­smo pro­dut­ti­vo

Si è fat­to mol­to af­fol­la­to, ne­gli ul­ti­mi tem­pi, il fron­te de­gli scien­zia­ti ar­ri­va­ti al­la con­clu­sio­ne che il no­stro mo­del­lo di svi­lup­po ab­bia su­pe­ra­to l’or­lo del ba­ra­tro eco­lo­gi­co. E che dun­que l’uma­ni­tà do­vreb­be in­ter­ro­gar­si su co­me af­fron­ta­re l’ine­vi­ta­bi

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di FA­BIO DEOT­TO

«La cosa più ef­fi­ca­ce che una per­so­na può fa­re per con­tra­sta­re il ri­scal­da­men­to glo­ba­le, è sui­ci­dar­si ». Que­ste pa­ro­le, pro­nun­cia­te sen­za trac­cia di iro­nia, so­no quel­le che il gior­na­li­sta ame­ri­ca­no Roy Scran­ton ha scel­to per ac­com­pa­gna­re l’usci­ta del suo nuo­vo sag­gio, We’re Doo­med, Now What? («Sia­mo con­dan­na­ti, e ades­so?»), in cui esplo­ra le ra­gio­ni per cui il ri­scal­da­men­to glo­ba­le è or­mai de­sti­na­to a cam­bia­re per sem­pre il mon­do in cui vi­via­mo. Con­tra­ria­men­te a quan­to le sue pa­ro­le po­treb­be­ro far pen­sa­re, pe­rò, Scran­ton non in­car­na lo ste­reo­ti­po del pre­di­ca­to­re al­lu­ci­na­to che si in­ca­te­na agli al­be­ri ur­lan­do che «la fi­ne è vi­ci­na»; ap­par­tie­ne piut­to­sto a un fron­te sem­pre più nu­tri­to di stu­dio­si che ne­gli ul­ti­mi an­ni so­no giun­ti al­la con­clu­sio­ne che l’uma­ni­tà ab­bia già su­pe­ra­to l’or­lo del ba­ra­tro, e che dun­que do­vreb­be co­min­cia­re a in­ter­ro­gar­si su co­me af­fron­ta­re l’ine­vi­ta­bi­le di­sce­sa.

L’esta­te è un pe­rio­do idea­le per par­la­re di ri­scal­da­men­to glo­ba­le. I no­ti­zia­ri, le ri­vi­ste e gli ac­count so­cial tor­na­no ad oc­cu­par­si dell’ar­go­men­to, le stes­se per­so­ne che di so­li­to fan­no spal­luc­ce di­fron­te all’ aci­di­fi­ca­zio­ne de­gli ocea­ni e al­lo scio­gli­men­to dei ghiac­ci, so­no più di­spo­ste a in­te­res­sar­si (e pre­oc­cu­par­si). Il mo­ti­vo è sem­pli­ce: fa cal­do, un cal­do chia­ra­men­te ano­ma­lo, qua­si in­tol­le­ra­bi­le. Que­st’an­no, poi, la gra­vi­tà del­la si­tua­zio­ne è an­co­ra più evi­den­te: ad Ate­ne gli in­cen­di han­no uc­ci­so un cen­ti­na­io di per­so­ne, in Ca­li­for­nia i wil­d­fi­re han­no rag­giun­to un’esten­sio­ne ine­di­ta nel­la sto­ria. Non so­lo: gli al­la­ga­men­ti in Giap­po­ne han­no co­stret­to al­la fu­ga più di un mi­lio­ne di abi­tan­ti, l’Eu­ro­pa è sta­ta tra­vol­ta da un’on­da­ta di cal­do re­cord, e in­tan­to la ca­lot­ta po­la­re ar­ti­ca sta fa­cen­do la fi­ne del ghiac­cio nel gin to­nic.

Di fron­te a cam­pa­nel­li d’al­lar­me co­me que­sti, fi­no a po­co tem­po fa si for­ma­va­no due fron­ti: da un la­to chi sce­glie­va di igno­ra­re o ne­ga­re la que­stio­ne, dall’al­tro chi si im­pe­gna­va a lot­ta­re. Og­gi, con l’ac­cor­do di Pa­ri­gi in bi­li­co, sem­pre più per­so­ne si schie­ra­no su un ter­zo fron­te: quel­lo del ca­ta­stro­fi­smo pro­dut­ti­vo. Tra que­ste c’è il fi­lo­so­fo ame­ri­ca­no Ti­mo­thy Mor­ton che, nel suo sag­gio Ipe­rog­get­ti (usci­to que­st’an­no in Ita­lia per Ne­ro Edi­zio­ni), ar­ri­va a so­ste­ne­re che il «no­stro» mon­do sia già fi­ni­to. Per se­co­li, so­stie­ne Mor­ton, l’uma­ni­tà ha agi­to nel­la con­vin­zio­ne di po­ter eser­ci­ta­re una sor­ta di con­trol­lo sul­la Na­tu­ra — in­te­sa co­me piat­ta­for­ma che ne ga­ran­ti­sce la so­prav­vi­ven­za — quan­do in real­tà il con­cet­to stes­so di Na­tu­ra, o di am­bien­te, è il­lu­so­rio: l’uo­mo è so­lo una del­le com­po­nen­ti in­ter­con­nes­se del mon­do in cui vi­ve, e per­tan­to non è nel­la po­si­zio­ne di eser­ci­ta­re al­cun ef­fet­ti­vo con­trol­lo su di es­so. Se da un la­to è ve­ro che la ci­vil­tà uma­na, a par­ti­re dal­la ri­vo­lu­zio­ne in­du­stria­le, ha in­ne­sca­to una se­rie di mu­ta­men­ti ma­cro­sco­pi­ci, che se­con­do al­cu­ni sta de­cre­tan­do il pas­sag­gio a una nuova era geo­lo­gi­ca (il co­sid­det­to An­tro­po­ce­ne), dall’al­tro non ha al­cu­na pos­si­bi­li­tà di gui­da­re la di­re­zio­ne di que­sta tra­sfor­ma­zio­ne.

Per quan­to que­sto con­cet­to di «fi­ne del mon­do» ab­bia una con­no­ta­zio­ne più on­to­lo­gi­ca che eco­lo­gi­ca, la teo­ria de­gli ipe­rog­get­ti di Mor­ton può aiu­tar­ci a ca­pi­re per­ché po­trem­mo ave­re già su­pe­ra­to il pun­to di non ri­tor­no. Per «ipe­rog­get­to» si in­ten­de un’en­ti­tà tal­men­te di­stri­bui­ta nel­lo spa­zio e nel tem­po da non po­ter es­se­re in­cor­ni­cia­ta o os­ser­va­ta dall’ester­no. Il ri­scal­da­men­to glo­ba­le, in que­sto sen­so, non è una sor­ta di mac­chi­na­rio in­qui­nan­te che può es­se­re ac­ce­so o spen­to, è il pro­dot­to di un ven­ta­glio di va­ria­bi­li in­ter­di­pen­den­ti co­sì am­pio da non po­ter es­se­re in­qua­dra­to in un so­lo sguar­do. In pa­ro­le po­ve­re: il ri­scal­da­men­to glo­ba­le è di per sé in­vi­si­bi­le, l’unica cosa trac­cia­bi­le so­no i suoi ef­fet­ti, che spes­so si ma­ni­fe­sta­no quan­do è trop­po tar­di. Ba­sti pen­sa­re che se an­che og­gi riu­scis­si­mo a bloc­ca­re ogni emis­sio­ne di ani­dri­de car­bo­ni­ca, ci po­treb­be­ro vo­le­re se­co­li per­ché quel­la esi­sten­te ven­ga rias­sor­bi­ta.

I pri­mi al­lar­mi sul cam­bia­men­to cli­ma­ti­co ri­sal­go­no

agli an­ni Ot­tan­ta. E già al­lo­ra gli scien­zia­ti, co­me i po­li­ti­ci, pre­fi­gu­ra­va­no sce­na­ri ca­ta­stro­fi­ci: estin­zio­ni di mas­sa, cit­tà av­vol­te in neb­bie ir­re­spi­ra­bi­li, co­ste al­la­ga­te, sic­ci­tà e ca­re­stie. Tut­te co­se che di fat­to stan­no suc­ce­den­do ma che ri­sul­ta­no mol­to me­no vi­si­bi­li di quan­to pre­ven­ti­va­to. L’er­ro­re di quel­le nar­ra­zio­ni era la­scia­re in­ten­de­re che si­mi­li tra­sfor­ma­zio­ni sa­reb­be­ro av­ve­nu­te dal­la se­ra al­la mat­ti­na, men­tre so­no il pro­dot­to di una tran­si­zio­ne non li­nea­re, di­stri­bui­ta nel­lo spa­zio e nel tem­po, e per­ciò im­pos­si­bi­le da in­cor­ni­cia­re.

Gli stu­di più au­to­re­vo­li, tra cui uno pub­bli­ca­to da Adrian Raf­te­ry su «Na­tu­re Cli­ma­te Chan­ge» nel 2017, so­sten­go­no che ab­bia­mo so­lo il 5% di pro­ba­bi­li­tà di man­te­ne­re il ri­scal­da­men­to glo­ba­le en­tro i fa­mi­ge­ra­ti 2 gra­di al di so­pra del li­vel­lo pre-in­du­stria­le, e an­che in quel ca­so gli ef­fet­ti tan­to pa­ven­ta­ti sa­reb­be­ro sem­pli­ce­men­te spal­ma­ti su un pe­rio­do più lun­go. Per ot­te­ne­re un si­mi­le ri­sul­ta­to, ad ogni mo­do, sa­reb­be­ro ne­ces­sa­ri enor­mi sa­cri­fi­ci: non si trat­ta di cam­bia­re lam­pa­di­ne, al­ter­na­re tar­ghe e spe­gne­re con­di­zio­na­to­ri, ma di ri­con­ce­pi­re il no­stro mo­do di sta­re al mon­do. E da­to che ben po­chi, tra i gran­di at­to­ri del pa­no­ra­ma mon­dia­le, sem­bra­no di­spo­sti a que­sto sa­cri­fi­cio, i pro­no­sti­ci non so­no buo­ni. Stan­do ai dati dell’In­ter­go­vern­men­tal Pa­nel on Cli­ma­te Chan­ge, lo scenario più ot­ti­mi­sti­co pre­ve­de un au­men­to di 3 gra­di, il che por­te­reb­be a un in­nal­za­men­to de­gli ocea­ni ta­le da som­mer­ge­re mol­te cit­tà co­stie­re.

È tut­to per­du­to, dun­que? No­no­stan­te la gra­vi­tà del­la si­tua­zio­ne, an­che tra i più al­lar­mi­sti mol­ti ri­fiu­ta­no di get­ta­re la spu­gna. Ma po­nia­mo che i ca­ta­stro­fi­sti co­me Mor­ton e Scran­ton ab­bia­no ragione: ipo­tiz­zia­mo di aver già su­pe­ra­to il pun­to di non ri­tor­no. Che cosa ci ri­ma­ne da fa­re?

Nel sag­gio Cli­ma­te Le­via­than, Geoff Mann e Joel Wai­n­w­right pre­fi­gu­ra­no uno scenario geo­po­li­ti­co in cui l’ina­sprir­si del­le ca­ta­stro­fi am­bien­ta­li por­te­rà le so­cie­tà ca­pi­ta­li­ste a crea­re una nuova for­ma di go­ver­no pla­ne­ta­rio (un «le­via­ta­no cli­ma­ti­co», ap­pun­to) che in­tro­dur­rà mi­su­re au­to­ri­ta­rie «nell’in­te­res­se del­la vi­ta sul­la Ter­ra», che in real­tà ser­vi­ran­no a ga­ran­ti­re al­le éli­te di sal­va­guar­da­re il pro­prio sti­le di vi­ta. Mann e Wai­n­w­right so­sten­go­no sia ne­ces­sa­rio an­ti­ci­pa­re que­sto scenario crean­do un mo­vi­men­to glo­ba­le dal bas­so — ispi­ra­to al­la Bloc­ka­dia teo­riz­za­ta da Nao­mi Klein nel suo Una ri­vo­lu

zio­ne ci sal­ve­rà — che «sov­ver­ta la po­li­ti­ca eco­no­mi­ca fos­si­le e ca­pi­ta­li­sta in no­me di una nuova re­la­zio­ne con la co­mu­ni­tà e l’am­bien­te».

La que­stio­ne del­la «sal­va­guar­dia del­lo sti­le di vi­ta oc­ci­den­ta­le», del re­sto, è cen­tra­le per ca­pi­re co­me mai, no­no­stan­te de­cen­ni di al­lar­mi, an­co­ra fa­ti­chia­mo a le­va­re le ruo­te del­la so­cie­tà glo­ba­le dal pan­ta­no del­le emis­sio­ni sre­go­la­te. Per­ché se è ve­ro che la re­spon­sa­bi­li­tà mag­gio­re ri­ca­de su im­pre­se e go­ver­ni, è an­che ve­ro che spes­so an­che noi sia­mo di­spo­sti a ben­dar­ci gli oc­chi pur di non ab­ban­do­na­re il no­stro sti­le di vi­ta.

Nel 2016, Leo­nar­do DiCa­prio ha col­la­bo­ra­to a un do­cu­men­ta­rio in­ti­to­la­to Be­fo­re the Flood, il cui obiet­ti­vo era mo­stra­re gli ef­fet­ti già vi­si­bi­li del ri­scal­da­men­to glo­ba­le. Da un pun­to di vi­sta espo­si­ti­vo, l’ope­ra fun­zio­na: si pas­sa dai ghiac­ci sciol­ti dell’Ar­ti­co ca­na­de­se all’ele­va­zio­ne del­le stra­de per evi­ta­re gli al­la­ga­men­ti a Mia­mi, ai ci­mi­te­ri di co­ral­lo sul fon­da­le dei Caraibi. A un trat­to, pe­rò, la pel­li­co­la pren­de una pie­ga sur­rea­le. DiCa­prio de­ci­de di mo­stra­re al­cu­ne se­quen­ze del­le ri­pre­se sul set di Re­ve­nant: la trou­pe si ri­tro­va nel­la sno­w­belt ca­na­de­se, do­ve do­vreb­be gi­ra­re del­le se­quen­ze nel­la ne­ve, il pro­ble­ma è che la ne­ve non c’è più. Per ov­via­re all’in­con­ve­nien­te, il re­gi­sta Iñár­ri­tu e i col­le­ghi pen­sa­no be­ne di tra­sfe­ri­re l’in­te­ro ba­rac­co­ne nel­la Ter­ra del Fuo­co, dall’al­tra par­te del mon­do: una trou­pe di 200 per­so­ne tra­spor­ta­ta per qua­si 14 mi­la chi­lo­me­tri. Il pas­sag­gio si con­clu­de con DiCa­prio e Iñár­ri­tu che ri­flet­to­no con sguar­do me­sto su co­me pro­ba­bil­men­te i lo­ro ni­po­ti non avran­no la for­tu­na di ve­de­re la ne­ve. A nessuno dei due pas­sa per l’an­ti­ca­me­ra del cer­vel­lo che, per po­ter es­se­re lì a la­men­tar­si del ri­scal­da­men­to glo­ba­le, han­no im­mes­so un enor­me quan­ti­ta­ti­vo di CO2 nell’at­mo­sfe­ra.

Que­sto aned­do­to sfio­ra il grot­te­sco, ma la stes­sa ten­den­za si tro­va ovun­que in Oc­ci­den­te. Il pun­to su cui i ca­ta­stro­fi­sti pro­dut­ti­vi con­cor­da­no è che lo sti­le di vi­ta dei Pae­si più ric­chi non sia so­ste­ni­bi­le, non lo sia mai sta­to e lo sa­rà sem­pre di me­no. L’uti­liz­zo spre­giu­di­ca­to di com­bu­sti­bi­li fos­si­li, l’abi­tu­di­ne a pren­de­re ae­rei e spo­star­si in au­to, la cli­ma­tiz­za­zio­ne di qual­sia­si am­bien­te, il con­su­mo di suo­lo e di fo­re­ste per col­ti­va­zio­ni in­ten­si­ve, la pro­por­zio­ne di car­ne ros­sa nel­la die­ta: que­sto «mon­do», in un cer­to sen­so, è già fi­ni­to. Nel suo sag­gio del 2013, Lear­ning to Die in the An­th­ro

po­ce­ne, Roy Scran­ton for­ni­sce uno spun­to di ra­gio­na­men­to in­te­res­san­te, per quan­to non del tut­to con­di­vi­si­bi­le. «Im­pa­ra­re a mo­ri­re co­me in­di­vi­dui si­gni­fi­ca ri­nun­cia­re al­le no­stre pre­di­spo­si­zio­ni e al­le no­stre pau­re. Im­pa­ra­re a mo­ri­re co­me ci­vil­tà si­gni­fi­ca ri­nun­cia­re a que­sto par­ti­co­la­re mo­do di vi­ve­re e a con­cet­ti co­me iden­ti­tà, li­ber­tà, suc­ces­so e pro­gres­so». L’es­se­re uma­no fa i con­ti con la mor­te fin dal­le ori­gi­ni del­la sto­ria, ma non si è mai tro­va­to a do­ver fa­re i con­ti con la pos­si­bi­le fi­ne del­la pro­pria ci­vil­tà. Que­sta in­cer­ta fa­se di tran­si­zio­ne po­treb­be es­se­re l’oc­ca­sio­ne per svi­lup­pa­re una nuova eti­ca dei con­su­mi che ten­ga con­to del­la ve­ri­tà, or­mai inag­gi­ra­bi­le, che an­che la so­cie­tà in cui vi­via­mo ha una da­ta di sca­den­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.