I tre in­cu­bi dell’Eu­ro­pa

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - di MAR­CEL­LO FLO­RES

I Pae­si dell’Ue vi­vo­no in pa­ce, go­do­no di li­ber­tà e pro­spe­ri­tà co­me mai pri­ma. Ep­pu­re, os­ser­va lo sto­ri­co Ian Ker­shaw, so­no in pre­da ai fan­ta­smi dell’in­si­cu­rez­za per i po­stu­mi del­la cri­si fi­nan­zia­ria, dei for­ti flus­si mi­gra­to­ri, dell’al­len­tar­si del­le re­la­zio­ni con gli Usa

No­to so­prat­tut­to co­me bio­gra­fo di Adolf Hi­tler, lo sto­ri­co in­gle­se Ian Ker­shaw ha ap­pe­na pub­bli­ca­to il vo­lu­me Rol­ler-Co

aster, che usci­rà in Ita­lia nel 2019 da La­ter­za con il ti­to­lo L’Eu­ro­pa nel vor­ti­ce. Si trat­ta di una sto­ria del no­stro con­ti­nen­te dal 195o al 2017 che com­ple­ta il sag­gio

del 2015 All’in­fer­no e ri­tor­no (La­ter­za, 2016), sul pe­rio­do 1914-1949.

Pro­fes­sor Ker­shaw, lei ha scrit­to che il nuo­vo li­bro le ha po­sto più pro­ble­mi del pre­ce­den­te. Que­sto so­lo per la com­ples­si­tà dei fat­ti nar­ra­ti o, for­se, per­ché ne è sta­to te­sti­mo­ne e ne ha una me­mo­ria per­so­na­le?

«No, la que­stio­ne non ha nul­la a che fa­re con la mia vi­ta in que­sta epo­ca. Ho cer­ca­to di scri­ve­re co­me se si trat­tas­se di qual­sia­si al­tro pe­rio­do sto­ri­co, il più og­get­ti­va­men­te pos­si­bi­le. Ho in­clu­so al­cu­ni ri­fe­ri­men­ti a espe­rien­ze per­so­na­li, ma so­lo co­me no­te a piè di pa­gi­na, al di fuo­ri del te­sto. La dif­fi­col­tà nel­lo scri­ve­re il li­bro è sor­ta in­nan­zi­tut­to per­ché non c’è un uni­co te­ma che do­mi­na i qua­si set­tant’an­ni che par­to­no nel 1950, di­ver­sa­men­te dal pre­ce­den­te vo­lu­me, in cui il te­ma del­la guer­ra ne de­ter­mi­na­va la strut­tu­ra. La di­vi­sio­ne dell’Eu­ro­pa cau­sa­ta dal­la cor­ti­na di fer­ro ha ag­giun­to una ul­te­rio­re dif­fi­col­tà, non so­lo per l’epo­ca in cui esi­ste­va il bloc­co co­mu­ni­sta. In ag­giun­ta, ho do­vu­to pro­va­re a tes­se­re in­sie­me in una so­la sto­ria le di­ver­se sto­rie na­zio­na­li. Per far­lo ho im­pa­ra­to mol­to dal­la mia igno­ran­za». Il suo li­bro è una sto­ria di col­pi di sce­na tra due pe­rio­di di in­si­cu­rez­za: la mi­nac­cia del­la guer­ra nu­clea-

re ne­gli an­ni Cin­quan­ta e la per­va­si­va in­cer­tez­za dei no­stri gior­ni. Po­chi sto­ri­ci han­no sot­to­li­nea­to co­me lei l’im­por­tan­za del ri­schio ato­mi­co, e que­sto è un aspet­to in­no­va­ti­vo del suo la­vo­ro. Che co­sa pen­sa del­la de­ci­sio­ne di Do­nald Trump di can­cel­la­re il trat­ta­to sul di­sar­mo nu­clea­re con la Rus­sia?

«So­no al­lar­ma­to dall’azio­ne di Trump, co­me lo so­no per la mag­gior par­te di ciò che ha fat­to da quan­do è di­ven­ta­to pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti. Non so­no in gra­do di giu­di­ca­re fi­no a che pun­to que­sto pas­so sia sta­to pro­vo­ca­to, co­me so­stie­ne la Ca­sa Bian­ca, dal­le vio­la­zio­ni del trat­ta­to da par­te di Mo­sca. Ma il ri­schio ov­vio è che la mos­sa di Trump po­treb­be fa­cil­men­te por­ta­re a una rin­no­va­ta e pe­ri­co­lo­sa cor­sa agli ar­ma­men­ti, che coin­vol­ge­reb­be que­sta vol­ta an­che la Ci­na».

Lei giu­di­ca il pe­rio­do at­tua­le in Eu­ro­pa co­me il più pa­ci­fi­co, più pro­spe­ro e più li­be­ro nel­la sua lun­ga sto­ria, ma al­lo stes­so tem­po gli at­tri­bui­sce la mag­gio­re in­si­cu­rez­za dal­la fi­ne del­la Se­con­da guer­ra mon­dia­le: po­treb­be spie­ga­re me­glio que­sta ap­pa­ren­te con­trad­di­zio­ne?

«Nes­su­na con­trad­di­zio­ne. È una real­tà che l’Eu­ro­pa, do­po se­co­li di guer­re, è ades­so lar­ga­men­te pa­ci­fi­ca (seb­be­ne il con­flit­to in Ucrai­na an­co­ra per­si­sta), che la sua pro­spe­ri­tà è più gran­de che mai (an­che se di­stri­bui­ta in mo­do di­se­gua­le) e che la li­ber­tà è più dif­fu­sa di pri­ma (mal­gra­do i go­ver­ni au­to­ri­ta­ri di al­cu­ni Pae­si). Pe­rò la si­tua­zio­ne in­ter­na­zio­na­le è in­sta­bi­le. L’Eu­ro­pa non può più fa­re af­fi­da­men­to su­gli Sta­ti Uni­ti co­me una vol­ta. È mi­nac­cia­ta da mo­vi­men­ti po­pu­li­sti na­zio­na­li nel­la

mag­gior par­te dei Pae­si. L’Eu­ro­zo­na po­treb­be non es­se­re ab­ba­stan­za for­te da re­si­ste­re a una nuo­va cri­si eco­no­mi­ca (che mol­ti esper­ti pre­ve­do­no). Le atro­ci­tà ter­ro­ri­sti­che in di­ver­si Pae­si han­no ag­giun­to un sen­so di in­si­cu­rez­za. Il dan­no am­bien­ta­le è un’ul­te­rio­re pre­oc­cu­pa­zio­ne cre­scen­te. E mol­ti spe­ri­men­ta­no l’in­si­cu­rez­za quo­ti­dia­na in for­me di la­vo­ro pre­ca­rio».

Lei ha scrit­to che il 1968 ha se­gna­to un’epo­ca di cam­bia­men­to di va­lo­ri e che la sua ere­di­tà è più in­di­ret­ta che di­ret­ta. Da co­sa trae que­sto giu­di­zio?

«In un sen­so di­ret­to il 1968 è sta­to am­pia­men­te un fal­li­men­to. Nel sen­so che po­che spe­ran­ze e aspi­ra­zio­ni di co­lo­ro che pre­se­ro par­te ai mo­vi­men­ti di pro­te­sta si so­no rea­liz­za­te. L’“al­tro 1968” — la Pri­ma­ve­ra di Pra­ga — fu an­ch’es­so un fal­li­men­to: il mo­vi­men­to in­no­va­to­re fu bru­tal­men­te sop­pres­so e il po­te­re so­vie­ti­co con­so­li­da­to. In­di­ret­ta­men­te, tut­ta­via, l’im­pat­to du­ra­tu­ro del 1968 è sta­to si­gni­fi­ca­ti­vo. La spin­ta ver­so una mag­gio­re de­mo­cra­tiz­za­zio­ne, la pro­mo­zio­ne dei di­rit­ti uma­ni, l’ugua­glian­za del­le don­ne e la li­ber­tà ses­sua­le han­no gua­da­gna­to slan­cio al­lo­ra, an­che se in ogni ca­so re­sta­va mol­ta stra­da da fa­re».

Lei ha det­to che è fa­ci­le, al­la lu­ce de­gli even­ti suc­ces­si­vi, re­tro­da­ta­re l’ine­vi­ta­bi­li­tà del col­las­so del co­mu­ni­smo. Ha an­che sot­to­li­nea­to l’im­por­tan­za del ruo­lo per­so­na­le di Mi­khail Gor­ba­ciov. Quan­to è im­por­tan­te, nel­la sto­ria, il ruo­lo di una sin­go­la per­so­na, al­me­no nel­la re­cen­te sto­ria d’Eu­ro­pa?

«Cer­ca­re di va­lu­ta­re il pe­so re­la­ti­vo del ruo­lo dell’in­di­vi­duo e dei fat­to­ri strut­tu­ra­li non per­so­na­li nel­lo spie­ga­re i prin­ci­pa­li cam­bia­men­ti è una que­stio­ne cen­tra­le nel mo­do in cui gli sto­ri­ci in­ter­pre­ta­no qual­sia­si era del pas­sa­to. Non esi­ste una for­mu­la ma­te­ma­ti­ca per ri­sol­ve­re il pro­ble­ma. Ma è pos­si­bi­le va­lu­ta­re fi­no a che pun­to, in cer­ti mo­men­ti chia­ve, un in­di­vi­duo agi­sce con­tro pe­san­ti for­ze po­li­ti­che o ar­go­men­ta­zio­ni con­trap­po­ste per spin­ge­re all’at­tua­zio­ne di de­ci­sio­ni che in­fluen­za­no in mo­do de­ci­si­vo il cor­so del­la sto­ria. Nel­la se­con­da me­tà del XX se­co­lo, il ruo­lo per­so­na­le in­di­spen­sa­bi­le svol­to da un cer­to nu­me­ro di in­di­vi­dui (ad esem­pio Kon­rad Ade­nauer, Char­les de Gaul­le, Mar­ga­ret That­cher, Hel­mut Ko­hl), che non era­no sem­pli­ce­men­te agen­ti di fat­to­ri im­per­so­na­li, vie­ne su­bi­to in men­te. Ma l’esem­pio più ov­vio è Gor­ba­ciov. I pro­ble­mi dell’eco­no­mia so­vie­ti­ca ne­gli an­ni Ot­tan­ta era­no se­ri e cre­scen­ti. Tut­ta­via, gli esper­ti con­cor­da­no sul fat­to che, sen­za Gor­ba­ciov, non c’era mo­ti­vo per cui quel si­ste­ma non po­tes­se con­ti­nua­re per un po’ di tem­po. Il suo ruo­lo per­so­na­le fu in­di­spen­sa­bi­le per il crol­lo del co­mu­ni­smo sia nel­la stes­sa Urss, sia nel bloc­co so­vie­ti­co tra il 1985 e il 1991».

Che co­sa può di­re sul ruo­lo del co­mu­ni­smo nel XX se­co­lo, do­po il suo fal­li­men­to nel 1989-91? Lei ha sot­to­li­nea­to il suo im­pat­to sul­la sto­ria d’Eu­ro­pa e del mon­do. In que­st’ot­ti­ca quan­to è uti­le uti­liz­za­re la ca­te­go­ria di to­ta­li­ta­ri­smo? È ap­pli­ca­bi­le a tut­ta la sto­ria del co­mu­ni­smo o so­lo all’epo­ca di Sta­lin e, da que­sto pun­to di vi­sta, il re­gi­me so­vie­ti­co è com­pa­ra­bi­le con il na­zi­smo e il fa­sci­smo?

«Al­cu­ni aspet­ti del­la cri­ti­ca co­mu­ni­sta al ca­pi­ta­li­smo so­no so­prav­vis­su­ti al­la ca­du­ta dell’Urss e han­no per­si­no ac­qui­si­to nuo­va ri­le­van­za in se­gui­to al crol­lo fi­nan­zia­rio del 2008. Aspet­ti del pen­sie­ro co­mu­ni­sta so­no sta­ti in­cor­po­ra­ti in al­cu­ni mo­vi­men­ti po­li­ti­ci di si­ni­stra, na­ti di re­cen­te, co­me Po­de­mos in Spa­gna, Sy­ri­za in Gre­cia e l’at­tua­le Par­ti­to la­bu­ri­sta in Gran Bre­ta­gna, sen­za che que­sti stes­si grup­pi di­ven­tas­se­ro co­mu­ni­sti. Tut­ta­via, la fi­ne dell’Urss ha si­gni­fi­ca­to che il co­mu­ni­smo non avreb­be mai più po­tu­to es­se­re quel­lo di una vol­ta. In quan­to si­ste­ma eco­no­mi­co, so­cia­le e po­li­ti­co, il co­mu­ni­smo so­vie­ti­co si è ri­ve­la­to un fal­li­men­to. Quel­la va­rian­te del co­mu­ni­smo non po­treb­be mai più ot­te­ne­re un so­ste­gno di mas­sa co­me al­ter­na­ti­va al­let­tan­te ai si­ste­mi co­strui­ti sul­la de­mo­cra­zia plu­ra­li­sta, a sua vol­ta so­ste­nu­ta da un’eco­no­mia di mer­ca­to ca­pi­ta­li­sta. Nel trat­ta­re la sto­ria del si­ste­ma so­vie­ti­co, il con­cet­to di to­ta­li­ta­ri­smo — con­fron­tan­do im­pli­ci­ta­men­te se non, co­me tal­vol­ta ac­ca­de, espli­ci­ta­men­te il re­gi­me so­vie­ti­co con il na­zi­smo — ha a mio av­vi­so, nel mi­glio­re dei ca­si, so­lo un’uti­li­tà li­mi­ta­ta. Ho evi­ta­to di usar­lo nei miei scrit­ti, aven­do af­fron­ta­to le de­bo­lez­ze del con­cet­to, poi­ché a mio av­vi­so sol­le­va più pro­ble­mi di quan­ti ne ri­sol­va».

Lei so­stie­ne che l’ere­di­tà del pas­sa­to gio­ca un ruo­lo cru­cia­le nel pla­sma­re le iden­ti­tà na­zio­na­li, più in Eu­ro­pa che ne­gli Usa. Co­me spie­ga l’asce­sa dei par­ti­ti so­vra­ni­sti e xe­no­fo­bi?

«È un pro­ble­ma com­ples­so. Il po­pu­li­smo na­zio­na­li-

sta sta­va già gua­da­gnan­do ter­re­no in al­cu­ni Pae­si ad­di­rit­tu­ra ne­gli an­ni Ot­tan­ta. Gli ef­fet­ti del­la dein­du­stria­liz­za­zio­ne e del­la glo­ba­liz­za­zio­ne han­no aiu­ta­to nel lun­go pe­rio­do a pro­muo­ve­re la ri­cer­ca di un esclu­si­vi­smo na­zio­na­le o di un’iden­ti­tà et­ni­ca co­me ri­spo­sta al­le po­ten­ti for­ze in­ter­na­zio­na­li vi­ste co­me la cau­sa dell’in­de­bo­li­men­to del­le vec­chie certezze. Per dir­la in ter­mi­ni più bre­vi, l’im­pat­to del­la cri­si eco­no­mi­ca do­po il 2008, se­gui­ta im­me­dia­ta­men­te da al­ti e in­con­trol­la­ti li­vel­li di im­mi­gra­zio­ne in Eu­ro­pa nel pe­rio­do 2015-16, ha pro­dot­to un raf­for­za­men­to mol­to acu­to del sen­so dell’iden­ti­tà cul­tu­ra­le e un’ac­cre­sciu­ta ani­mo­si­tà nei con­fron­ti del­le “éli­te” eu­ro­pee ri­te­nu­te re­spon­sa­bi­li del­la dop­pia cri­si. “Bru­xel­les”, la lea­der­ship te­de­sca nel­la po­li­ti­ca eu­ro­pea e gli stes­si mi­gran­ti po­treb­be­ro ser­vi­re da ca­pro espia­to­rio per i par­ti­ti po­pu­li­sti e xe­no­fo­bi».

Lei è il più im­por­tan­te stu­dio­so di Hi­tler e si è oc­cu­pa­to del na­zi­smo per tut­ta la sua vi­ta pro­fes­sio­na­le. Lo sto­ri­co Ch­ri­sto­pher Bro­w­ning ha esa­mi­na­to sul­la «New York Re­view of Books» so­mi­glian­ze e dif­fe­ren­ze del­la si­tua­zio­ne at­tua­le con la cri­si che por­tò all’av­ven­to di Hi­tler. Ri­tie­ne uti­le una com­pa­ra­zio­ne con il pas­sa­to per ca­pi­re me­glio la cri­si odier­na?

«Ci so­no cer­ta­men­te al­cu­ne ana­lo­gie con il pe­rio­do tra le due guer­re. Tut­ta­via le dif­fe­ren­ze so­no mag­gio­ri. La de­mo­cra­zia in Eu­ro­pa de­ve og­gi af­fron­ta­re una cri­si rea­le. Ma è mol­to im­pro­ba­bi­le che crol­li co­me av­ven­ne du­ran­te la fa­se fi­na­le del­la Re­pub­bli­ca di Wei­mar. È mag­gio­re il pe­ri­co­lo di un’ero­sio­ne dall’in­ter­no che pro­du­ca de­mo­cra­zie di fac­cia­ta sot­to un do­mi­nio au­to­ri­ta­rio. Le ten­den­ze in Tur­chia e Un­ghe­ria mo­stra­no che co­sa po­treb­be ac­ca­de­re. E i mo­vi­men­ti po­pu­li­sti di og­gi dif­fe­ri­sco­no dai par­ti­ti fa­sci­sti di ie­ri, an­che se sen­za dub­bio at­ti­ra­no l’ap­pog­gio di ve­ri fa­sci­sti. L’as­sen­za di vio­len­za aper­ta e dif­fu­sa è una del­le prin­ci­pa­li dif­fe­ren­ze. In­di­ca­re le dif­fe­ren­ze piut­to­sto che le so­mi­glian­ze non si­gni­fi­ca di­mi­nui­re la mi­nac­cia del po­pu­li­smo na­zio­na­li­sta. Ma nel­la cri­si odier­na non sa­rà di gran­de aiu­to guar­da­re agli an­ni Tren­ta per ot­te­ne­re ri­spo­ste».

LE IL­LU­STRA­ZIO­NI DI QUE­STA PA­GI­NA E DEL­LA SUC­CES­SI­VA SO­NO DI BEP­PE GIA­COB­BE

In al­to: Mi­khail Gor­ba­ciov (1931), lea­der dell’Unio­ne So­vie­ti­ca dal 1985 al 1991, eb­be un ruo­lo fon­da­men­ta­le nel­la ca­du­ta del si­ste­ma co­mu­ni­sta. Qui so­pra: Do­nald Trump (1946) è sta­to elet­to pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti nel 2016. La sua lea­der­ship ha se­gna­to un di­stac­co po­li­ti­co evi­den­te tra gli Usa e l’Unio­ne Eu­ro­pea (fo­to Ar­chi­vio Cor­se­ra)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.