Gli an­ni di piom­bo non fan­no ru­mo­re

Ele­na Rau­sa rac­con­ta un epos fa­mi­lia­re nel qua­le il si­len­zio è una pre­ci­sa scel­ta

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Narrativa Italiana - Di DEMETRIO PAOLIN

Ele­na Rau­sa con Ognu­no ri­co­no­sce i suoi (Ne­ri Poz­za), se­con­do ro­man­zo, con­ti­nua il suo ten­ta­ti­vo di au­to­bio­gra­fia del­la na­zio­ne. Se il pri­mo li­bro, Mar­ta nel­la cor­ren­te, ave­va co­me nu­cleo trau­ma­ti­co la guer­ra par­ti­gia­na e la de­por­ta­zio­ne, in que­ste pa­gi­ne l’au­tri­ce guar­da al pe­rio­do del ter­ro­ri­smo.

Sia­mo ne­gli an­ni No­van­ta e Ca­te­ri­na ogni gior­no va da Mi­che­le, ri­co­ve­ra­to in ospe­da­le in sta­to ve­ge­ta­ti­vo, per par­lar­gli. Ca­te­ri­na ha due ge­ni­to­ri, San­dro e Te­re­sa, e ha cre­du­to per mol­ti an­ni che Mi­che­le fos­se suo fra­tel­lo. In real­tà il ra­gaz­zo è sta­to ab­ban­do­na­to quan­do ave­va quat­tro me­si da An­na, so­rel­la di San­dro, e ma­dre na­tu­ra­le del ra­gaz­zo.

Ca­te­ri­na, se­du­ta ac­can­to a Mi­che­le, pro­va a rian­no­da­re i fi­li del­la vi­ta fa­mi­lia­re di que­ste per­so­ne, stret­ta­men­te le­ga­ta al­la vi­ta so­cia­le e po­li­ti­ca dell’Ita­lia. Nel ro­man­zo ogni epi­so­dio na­sce da una fo­to­gra­fia: Ca­te­ri­na, vo­ce nar­ran­te, pro­ce­de nel­la sto­ria fo­ca­liz­zan­do­si su pic­co­li par­ti­co­la­ri che con il pas­sa­re del­le pa­gi­ne si al­lar­ga­no e si col­le­ga­no a epi­so­di del­la vi­ta ci­vi­le del Pae­se. Il da­to vi­si­vo in Ognu­no ri­co­no­sce i suoi è pre­pon­de­ran­te, nel­le pa­gi­ne si sus­se­guo­no me­ta­fo­re, si­mi­li­tu­di­ni ed ele­men­ti nar­ra­ti­vi le­ga­ti al ve­de­re (sin dal ti­to­lo mon­ta­lia­no), si pos­so­no se­gna­la­re di­ver­se de­scri­zio­ni di co­lo­ri di ve­sti­ti, di in­ter­ni, di po­stu­re e di mo­vi­men­ti; as­sen­te in­ve­ce la sfe­ra le­ga­ta all’udi­to.

È un ro­man­zo sen­za ru­mo­re e que­sto si­len­zio per­va­si­vo s’in­car­na nel fra­tel­lo/cu­gi­no che as­si­ste al rac­con­to dell’epos fa­mi­lia­re. Ci si in­ter­ro­ga sul va­lo­re di que­sto co­pro­ta­go­ni­sta mu­to e si può sup­por­re che es­so sia una sor­ta di fi­gu­ra del- l’Ita­lia: Mi­che­le è l’Ita­lia a cui vie­ne rac­con­ta­ta la pro­pria in­fan­zia e la gio­vi­nez­za e che rac­co­glie tut­to con pas­si­vi­tà sen­za nep­pu­re mo­stra­re un mi­ni­mo se­gna­le di vi­ta. È la sfin­ge con cui gli scrit­to­ri e gli in­tel­let­tua­li na­ti nei Set­tan­ta, e tra que­sti an­che la Rau­sa, si scon­tra­no con una sor­ta di apa­tia che scon­cer­ta.

Il si­len­zio, pe­rò, non è so­lo un da­to acu­sti­co, ma an­che una pre­ci­sa scel­ta nar­ra­ti­va, le­ga­ta al­la re­ti­cen­za e rap­pre­sen­ta­ta in que­ste pa­gi­ne dal­la sto­ria di An­na, no­do rea­le del ro­man­zo: la don­na, in car­ce­re per ter­ro­ri­smo, mai dis­so­cia­ta e cu­sto­de

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.