L’or­so, i miei de­mo­ni È un pa­sto­re lu­te­ra­no lo Sher­lock del Nord

Corriere della Sera - La Lettura - - Più Libri Più Liberi - Di ALES­SAN­DRA IADICICCO

Lo sve­de­se Mi­kael Nie­mi ha ri­crea­to in un noir la fi­gu­ra del ri­for­ma­to­re re­li­gio­so Læ­sta­dius

Cu­ci­na­re un or­so e di­vo­rar­lo. Il piat­to for­te ap­pa­rec­chia­to dal­lo sve­de­se Mi­kael Nie­mi vin­ce al pri­mo as­sag­gio le re­mo­re dei più schiz­zi­no­si: im­pos­si­bi­le re­si­ste­re al sa­po­re di una pre­da co­sì fe­ro­ce e sel­vag­gia cat­tu­ra­ta da una tra­ma nar­ra­ti­va po­ten­te. Ri­sul­ta­to: le 500 pa­gi­ne di que­sta sto­ria ar­cai­ca e spie­ta­ta, ma­gi­ca e in­quie­tan­te si fan­no fuo­ri in due-tre gior­ni di let­tu­ra fa­me­li­ca sen­za la­scia­re una bri­cio­la. E i pa­la­ti più fi­ni si lec­che­ran­no i baf­fi, per­ché la scrit­tu­ra di Nie­mi — nar­ra­to­re e poe­ta, so­gna­to­re e sto­ry­tel­ler — sa sfio­ra­re con la non­cha­lan­ce del ve­ro ar­ti­sta le vet­te del li­ri­smo più de­li­ca­to ri­sa­len­do di slan­cio gli abis­si dei mi­ste­ri più oscu­ri. De­fi­ni­re il suo ro­man­zo un gial­lo sto­ri­co è ri­dut­ti­vo: si rac­con­ta, sì, di una se­rie di de­lit­ti, con­su­ma­ti nel pae­si­no lap­po­ne di Pa­ja­la — do­ve Nie­mi è na­to e vi­ve — ver­so me­tà Ot­to­cen­to. Ma la so­lu­zio­ne del gial­lo sta al­la fi­ne del te­sto «co­me l’oli­va nel Mar­ti­ni», per ci­ta­re quan­to Ray­mond Chand­ler di­ce­va dei suoi stes­si noir: ci sta, ma se ne può an­che fa­re a me­no. C’è qual­cos’al­tro che in­chio­da al­la pa­gi­na: la sa­pien­za sma­ga­ta del re­ve­ren­do Læ­sta­dius, il pa­sto­re lu­te­ra­no ri­vo­lu­zio­na­rio fau­to­re nel­la Sve­zia di al­lo­ra del­la cor­ren­te mi­sti­ca del Ri­sve­glio, che si met­te sul­le trac­ce dell’as­sas­si­no; l’in­no­cen­za ani­ma­le, l’umil­tà to­tal­men­te di­sar­ma­ta del pic­co­lo tro­va­tel­lo sa­mi cre­sciu­to dal pa­sto­re, de­vo­to al suo mae­stro, ado­ran­te, scia­gu­ra­ta­men­te in­na­mo­ra­to; una re­li­gio­si­tà in­sie­me op­pri­men­te ed esal­tan­te; l’om­bra del­la fie­ra, l’or­so; il pre­sa­gio del de­mo­nia­co; l’av­vi­len­te evi­den­za dell’uma­na cru­del­tà... So­no so­lo al­cu­ni de­gli in­gre­dien­ti.

Leg­gen­do «Cu­ci­na­re un or­so» si ha la sen­sa­zio­ne di son­da­re un enig­ma più pro­fon­do di quel­lo di una de­tec­ti­ve sto­ry. Co­me le è ve­nu­to in men­te di tra­sfor­ma­re Lars Le­vi Læ­sta­dius in un in­ve­sti­ga­to­re? Non è un po’ ir­ri­ve­ren­te?

«È ve­ro, non è un ti­pi­co gial­lo. In pas­sa­to ho scrit­to un noir, L’uo­mo che mo­rì co­me un sal­mo­ne, con un ca­da­ve­re sul­la pri­ma pa­gi­na, e i po­li­ziot­ti che ac­cor­ro­no a Pa­ja­la per in­da­ga­re sull’omi­ci­dio. Ma in que­sto li­bro de­vi gi­ra­re mol­te pa­gi­ne pri­ma di tro­va­re il mor­to. Io so­no cre­sciu­to a Pa­ja­la vi­ci­no al­la vec­chia ca­sa do­ve Læ­sta­dius tra­scor­se gli ul­ti­mi an­ni e mo­rì nel 1861. Per tut­ta la vi­ta mi so­no sen­ti­to vi­ci­no a lui, ho guar­da­to la sua sta­tua, let­to le sue bio­gra­fie e i suoi scrit­ti, i ro­man­zi di al­tri au­to­ri e le ope­re tea­tra­li ba­sa­te sul­la sua vi­ta. Vo­le­vo scri­ve­re io stes­so di que­st’uo­mo af­fa­sci­nan­te, qual­co­sa di ine­di­to. Poi ho avu­to l’idea di ren­der­lo una spe­cie di Sher­lock Hol­mes del Nord, con Jus­si co­me se­gua­ce. Sul­le pri­me ci ho ri­so su, era una tro­va­ta paz­ze­sca. Ini­zian­do a scri­ve­re mi so­no di­ver­ti­to mol­to».

Læ­sta­dius è do­ta­to di un’au­ra che fa un’im­pres­sio­ne for­tis­si­ma an­che sul let­to­re ita­lia­no che non sa nul­la. Che rap­pre­sen­ta an­co­ra og­gi la sua fi­gu­ra?

«Lars Le­vi Læ­sta­dius era mol­to più che un pa­sto­re: era ca­ri­sma­ti­co, in­tel­li­gen­te, scris­se di bo­ta­ni­ca, agri­col­tu­ra, po­li­ti­ca, stu­diò me­teo­ro­lo­gia, psi­co­lo­gia. Nel 2000 è sta­to elet­to “L’uo­mo del mil­len­nio”, il più gran­de per­so­nag­gio nel Nord del­la Sve­zia ne­gli ul­ti­mi mil­le an­ni. Tan­ti lo ve­do­no co­me un vec­chio du­ro, ri­gi­do. Ma nel mio li­bro vo­le­vo ren­der­lo più vi­vo e più uma­no».

E Jus­si, il pic­co­lo di et­nia sa­mi, cioè lap­po­ne: sem­bra un ani­ma­le sel­va­ti­co e al tem­po stes­so un an­ge­lo. Chi è, che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.