L’uo­mo per­de la li­ber­tà Ri­pren­dia­mo­ci i da­ti che in­ter­net ha ru­ba­to

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Dal­la no­stra in­via­ta a Wa­shing­ton VIVIANA MAZZA

Può es­se­re ras­si­cu­ran­te, spie­ga­va Eli Pa­ri­ser nel 2011 nel li­bro Il Fil­tro (il Sag­gia­to­re), ac­cen­de­re il com­pu­ter e tro­var­si in un’iso­la fe­li­ce in cui tut­ti la pen­sa­no co­me te: stes­se idee po­li­ti­che, stes­sa fe­de re­li­gio­sa, stes­si gu­sti in cu­ci­na. Non ti de­vi mai con­fron­ta­re con chi la pen­sa di­ver­sa­men­te. Nel di­cem­bre 2009 Goo­gle ave­va co­min­cia­to a «fil­tra­re» i ri­sul­ta­ti del­le ri­cer­che, a se­con­da del­le abi­tu­di­ni de­gli uten­ti. Fa­ce­book, Ap­ple, Mi­cro­soft era­no a cac­cia di da­ti de­gli uten­ti in ba­se ai qua­li per­so­na­liz­za­re «l’espe­rien­za». Ma Pa­ri­ser fu tra i pri­mi a no­ta­re che vi­ve­re in una «bol­la» ha un im­pat­to sul­la de­mo­cra­zia. Die­tro le quin­te, inol­tre, una schie­ra di azien­de sta­va map­pan­do i no­stri da­ti per­so­na­li, dal­le pre­fe­ren­ze po­li­ti­che agli ac­qui­sti onli­ne, per ven­der­li agli in­ser­zio­ni­sti. Ma un al­tro mon­do (sui so­cial) è pos­si­bi­le?

In que­sti set­te an­ni ci so­no sta­te enor­mi vio­la­zio­ni del­la pri­va­cy da par­te dei gi­gan­ti del web, fa­ke news e in­ter­fe­ren­ze rus­se nel vo­to in Usa. Se l’aspet­ta­va?

«Non ave­vo pre­vi­sto che ci fos­se­ro ado­le­scen­ti ma­ce­do­ni pron­ti a far sol­di con l e f a ke news o hac­ker r uss i c he avreb­be­ro uti­liz­za­to la per­so­na­liz­za­zio­ne del­le no­ti­zie co­me un’ar­ma. La cen­tra­li­tà di que­ste piat­ta­for­me nel­le no­stre vi­te è in­cre­di­bil­men­te au­men­ta­ta. Nel 2011 Fa­ce­book era im­por­tan­te per i gio­va­ni, ma non era una fon­te pri­ma­ria di no­ti­zie per mi­liar­di di per­so­ne. Pe­rò, in que­sti an­ni è cre­sciu­ta an­che la con­sa­pe­vo­lez­za sul fun­zio­na­men­to del mon­do di­gi­ta­le, in­clu­so il fat­to che ci so­no al­go­rit­mi che per­so­na­liz­za­no le in­for­ma­zio­ni. È uno svi­lup­po mol­to po­si­ti­vo, ma può por­ta­re an­che a una cer­ta esa­ge­ra­zio­ne nell’at­tri­bui­re al­la “bol­la” i fe­no­me­ni che ci cir­con­da­no. Se elen­chia­mo le ra­gio­ni per cui Do­nald Trump ha vin­to le ele­zio­ni, per esem­pio, non met­te­rei in­ter­net al pri­mo po­sto, e nem­me­no al se­con­do o al ter­zo. La de­ma­go­gia esi­ste­va già mol­to pri­ma dei so­cial me­dia».

Mo­sca ha per­so­na­liz­za­to la dif­fu­sio­ne di fa­ke news: mi­ran­do ai con­ser­va­to­ri per con­vin­cer­li a vo­ta­re Trump, ma an­che agli afroa­me­ri­ca­ni per dis­sua­der­li dal re­car­si al­le ur­ne. Col­pi­sce il di­va­rio tra la so­fi­sti­ca­zio­ne rus­sa e l’in­ca­pa­ci­tà ame­ri­ca­na di di­fen­der­si.

«Gli obiet­ti­vi so­no ber­sa­gli fa­ci­li, con po­che di­fe­se dal pun­to di vi­sta del­la gen­te e del­le in­fra­strut­tu­re. Non è ne­ces­sa­rio es­se­re par­ti­co­lar­men­te abi­li. Una del­le ca­rat­te­ri­sti­che del­le no­stre so­cie­tà aper­te è che è fa­ci­le in­di­vi­dua­re le li­nee di frat­tu­ra e le sot­to­cul­tu­re, ca­pi­re co­me pos­so­no es­se­re ma­ni­po­la­te».

C’è sta­ta una si­ste­ma­ti­ca vio­la­zio­ne del­la pri­va­cy. I da­ti per­so­na­li ven­du­ti e u s a t i p e r c a mpa­gne p o l i t i c h e , d a Trump al­la Bre­xit. Fa­ce­book avreb­be con­di­vi­so con 150 azien­de i no­stri no­mi, ami­ci, con­tat­ti, mes­sag­gi pri­va­ti. Chi usa i so­cial può es­se­re tu­te­la­to?

«Si va ver­so una sor­ve­glian­za di mas­sa, ma esi­sto­no an­che ten­den­ze in di­re­zio­ne op­po­sta. Non c’è ra­gio­ne, sul pia­no tec­no­lo­gi­co, per non im­ma­gi­na­re un pa­ra­dig­ma di­ver­so, in cui le per­so­ne ab­bia­no più con­trol­lo sui lo­ro da­ti. Tra al­tri set­te an­ni po­trem­mo guar­da­re a que­st’epo­ca e sor­ri­de­re del fat­to che ab­bia­mo per­mes­so a una man­cia­ta di cor­po­ra­tion di te­ne­re in pu­gno i da­ti di tut­ti, co­me se non ci fos­se al­ter­na­ti­va, men­tre si pos­so­no ot­te­ne­re gli stes­si ri­sul­ta­ti la­scian­do al­la gen­te mol­to più con­trol­lo. Se al­zas­si­mo pa­rec­chio il co­sto che le cor­po­ra­tion de­vo­no so­ste­ne­re se ven­go­no ru­ba­ti i da­ti per­so­na­li de­gli uten­ti (il che suc­ce­de di con­ti­nuo) ci sa­reb­be un in­cen­ti­vo a crea­re un mer­ca­to di­ver­so per la pro­te­zio­ne dei con­su­ma­to­ri: a Fa­ce­book e Goo­gle non con­ver­reb­be più ar­chi­via­re quei da­ti. Non ci si può fi­da­re di lo­ro, per­ché è con i no­stri da­ti che gua­da­gna­no. Ma si può im­ma­gi­na­re un si­ste­ma di­ver­so, in cui a con­ser­var­li sia­no azien­de che ri­spon­do­no a noi. Pen­so che nei pros­si­mi an­ni sa­rà pos­si­bi­le una de­cen­tra­liz­za­zio­ne».

Do­vrem­mo ab­ban­do­na­re Fa­ce­book?

«Se ne par­la mol­to, ma è dif­fi­ci­le, per­ché Fa­ce­book fa­ci­li­ta la con­nes­sio­ne pas­si­va con per­so­ne che non cer­che­rem­mo at­ti­va­men­te: un ser­vi­zio uti­le. Per Fa­ce­book ve­do un’al­tra mi­nac­cia esi­sten­zia­le: sem­pre me­no per­so­ne po­sta­no pub­bli­ca­men­te sul news feed, non so­no più tan­to si­cu­re di vo­ler par­la­re con­ti-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.