Ser­gio Ru­bi­ni sfi­da Dra­cu­la «So­no un esor­ci­sta »

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di EMI­LIA CO­STAN­TI­NI

Pal­co­sce­ni­ci Il re­gi­sta di­ri­ge (e in­ter­pre­ta) una ri­du­zio­ne del ca­po­la­vo­ro di Bram Sto­ker: un viag­gio not­tur­no ver­so l’igno­to ac­com­pa­gna­to da lu­pi che ulu­la­no e tre­ni che pas­sa­no. «Il Vam­pi­ro è una me­ta­fo­ra del­la mor­te. In que­sto te­sto ci so­no mol­ti te­mi at­tua­li: l’eu­ta­na­sia, l’oscil­la­zio­ne tra scien­za e su­per­sti­zio­ne, la lot­ta con il ma­le den­tro e fuo­ri di noi...»

Do­po De­lit­to/Ca­sti­go, dal ca­po­la­vo­ro di Do­stoe­v­skij, toc­ca a Dra­cu­la, dal ro­man­zo di Bram Sto­ker. La pas­sio­ne di Ser­gio Ru­bi­ni di por­ta­re in sce­na la gran­de let­te­ra­tu­ra sta di­ven­tan­do una co­stan­te. «Da ra­gaz­zo mi so­no for­ma­to con que­sti li­bri — spie­ga l’at­to­re a “la Let­tu­ra” —. Dal­le sto­rie rac­con­ta­te dal­lo scrit­to­re rus­so, mi ero su­bi­to sen­ti­to ac­cet­ta­to, all’epo­ca, per tut­te le de­for­mi­tà, le ano­ma­lie, le con­trad­di­zio­ni in es­se espres­se e di cui mi sen­ti­vo por­ta­to­re. Dra­cu­la è un mio vec­chio amo­re, mi ha sem­pre af­fa­sci­na­to, per­ché rap­pre­sen­ta il ma­le in as­so­lu­to, che ci tra­vol­ge, che ci se­du­ce...».

Lo spet­ta­co­lo, pro­dot­to dal Nuo­vo Tea­tro di Mar­co Bal­sa­mo, de­but­ta il 5 mar­zo al­la Per­go­la di Fi­ren­ze, dal 3 apri­le sa­rà all’Am­bra Jo­vi­nel­li di Ro­ma, con la re­gia del­lo stes­so Ru­bi­ni, che fir­ma an­che l’adat­ta­men­to sce­ni­co con Car­la Ca­val­luz­zi.

La ri­scrit­tu­ra di un ca­po­la­vo­ro let­te­ra­rio può es­se­re ri­schio­sa...

«Cer­to, il ri­schio è sem­pre in ag­gua­to... Pre­ci­so su­bi­to, pe­rò, che adat­ta­re que­sti ro­man­zi dal pun­to di vi­sta dram­ma­tur­gi­co non na­sce dal­la fru­stra­zio­ne di non riu­sci­re a tro­va­re piè­ce in­te­res­san­ti da in­ter­pre­ta­re, ma so­lo dal de­si­de­rio di ap­pro­fon­dir­li in un luo­go che, a mio av­vi­so, è il più adat­to: il tea­tro è la ter­ra del­la spe­ri­men­ta­zio­ne, del­la ri­cer­ca. In que­sto ca­so, co­me nel pre­ce­den­te, non ab­bia­mo ope­ra­to una sem­pli­ce ri­du­zio­ne... non è fa­ci­le, di­rei per­si­no che è im­pos­si­bi­le ri­dur­re, re­strin­ge­re li­bri di cen­ti­na­ia di pa­gi­ne. Ci sia­mo con­cen­tra­ti su al­cu­ni per­so­nag­gi, quel­li che ri­te­ne­va­mo i prin­ci­pa­li, ta­glian­do­ne al­tri. Sto­ker per­met­te di far­lo, per­ché la sua scrit­tu­ra apre mil­le pi­ste da per­cor­re­re».

La pi­sta prin­ci­pa­le dell’ope­ra è quel­la di un viag­gio not­tur­no ver­so l’igno­to, tra lu­pi che ulu­la­no, ban­chi di neb­bia, tre­ni che pas­sa­no, ca­val­li im­biz­zar­ri­ti dal­le na­ri­ci in­fuo­ca­te, e tan­te cro­ci al­li­nea­te lun­go il per-

cor­so. «Non Lo po­treb­be spet­ta­co­lo es­se­re è do­mi­na­to al­tri­men­ti. dall’oscu­ri­tà? Il per­so­nag­gio del Vam­pi­ro in­te­res­san­te è una af­fron­tar­lo gran­de me­ta­fo­ra dal pun­to del­la di mor­te. vi­sta psi­co­lo­gi­co Mi sem­bra dell’oscu­ri­tà re ir­lan­de­se è dell’ani­ma. sta­to scrit­to Il ro­man­zo al­la fi­ne dell’Ot­to­cen­to, go­ti­co del­lo scrit­to- po­co pri­ma dell’av­ven­to del­le teo­rie di Freud sul­la sco­per­ta dell’in­con­scio, ma è già in­tri­so di quel­le teo­rie, in qual­che mo­do ne è il pre­cur­so­re». In che sen­so?

«Tut­te le pau­re dei per­so­nag­gi di Dra­cu­la par­to­no dall’in­con­scio, ma Sto­ker non ne era con­sa­pe­vo­le, gli man­ca­va la giu­sta chia­ve di let­tu­ra. Ec­co che le ra­gio­ni dei ma­les­se­ri ven­go­no in­ter­cet­ta­te fuo­ri dai per­so­nag­gi stes­si. In al­tri ter­mi­ni: lo psi­coa­na­li­sta af­fer­ma che il ma­le, che sca­te­na i no­stri in­cu­bi, lo ab­bia­mo den­tro di noi; Sto­ker di­ce che ci ag­gre­di­sce dall’ester­no, da un’en­ti­tà che, qui, rien­tra nel­la sfe­ra del­lo spi­ri­ti­smo».

A com­pie­re il viag­gio è il pro­cu­ra­to­re lon­di­ne­se Jo­na­than Har­ker (in­ter­pre­ta­to da Lui­gi Lo Ca­scio), in­ca­ri­ca­to di re­car­si in Tran­sil­va­nia per cu­ra­re l’ac­qui­sto di un ap­par­ta­men­to a Lon­dra da par­te di un clien­te al­to­lo­ca­to, un cer­to Con­te Dra­cu­la.

«Il gio­va­ne av­vo­ca­to ac­cet­ta con en­tu­sia­smo l’in­ca­ri­co, at­tra­ver­sa un mo­men­to po­si­ti­vo del­la car­rie­ra ed è fe­li­ce­men­te spo­sa­to con Mi­na (Mar­ghe­ri­ta La­ter­za). Ma non può im­ma­gi­na­re, non è a co­no­scen­za del­la ter­ri­bi­le av­ven­tu­ra che lo at­ten­de, quan­do ver­rà a tro­var­si nel fa­ti­di­co ca­stel­lo: una scia­gu­ra da cui, all’ini­zio, riu­sci­rà eroi­ca­men­te a scap­pa­re per tor­na­re in pa­tria, ma che al­la fi­ne gli fa­rà ve­ni­re i ca­pel­li bian­chi». Nel ca­stel­lo in­con­tre­rà un clien­te mol­to par­ti­co­la­re, im­per­so­na­to da Ge­no Dia­na.

«È un bell’uo­mo ele­gan­te, che par­la in slo­vac­co».

Per­ché?

«Per ren­der­lo più di­stan­te, più astrat­to. L’ho im­ma­gi­na­to co­me un guer­rie­ro a ri­po­so, con ori­gi­ni an­ti­chis­si­me, ere­de di At­ti­la, in­som­ma un ti­po in­tri­so di ar­cai­ci­tà. Sfug­ge all’ico­no­gra­fia clas­si­ca, è lo stra­nie­ro per de­fi­ni­zio­ne, co­lui che si im­pos­ses­sa del­la vi­ta de­gli al­tri, è un se­dut­to­re: la mor­te è do­ta­ta di un suo in­trin­se­co ero­ti­smo. E in­fat­ti, quan­do Jo­na­than tor­na a Lon­dra per riab­brac­cia­re la sua ama­ta, si ren­de con­to che Dra­cu­la è già ar­ri­va­to in cit­tà, lo ha mi­ste­rio­sa­men­te pre­ce­du­to». In che mo­do si ac­cor­ge del­la sua pre­sen­za?

«Da­gli ef­fet­ti ne­ga­ti­vi su Mi­na, la tro­va af­fet­ta da una stra­na ma­lat­tia: ha cri­si di son­nam­bu­li­smo ap­pa­ren­te­men­te in­spie­ga­bi­li. Te­me che que­sto pos­sa ave­re con­se­guen­ze ne­ga­ti­ve sul­la lo­ro unio­ne, per­ciò si ri­vol­ge a uno psi­chia­tra, il dot­tor Seward (Ro­ber­to Sa­le­mi), che ac­cet­ta di pren­der­la in cu­ra. E sic­co­me an­che Jo­na­than è as­sa­li­to da cri­si di an­sia e di an­go­scia, la cop­pia di sposi vie­ne ac­col­ta in un’ala del ma­ni­co­mio. Pre­sto, pe­rò, Seward sen­te di non ave­re gli stru­men­ti giu­sti per ri­sol­ve­re la si­tua­zio­ne, dun­que è co­stret­to a chie­de­re aiu­to a un suo ami­co».

sing, E qui l’an­ta­go­ni­sta en­tra in sce­na di Dra­cu­la. il pro­fes­sor Abra­ham Van Hel

me­ta­fi­si­co «È il per­so­nag­gio olan­de­se, che co­no­sci­to­re ho ri­ta­glia­to dell’oc­cul­ti­smo, per me: fi­lo­so­fo esper­to Un uo­mo di fe­no­me­ni di scien­za... so­pran­na­tu­ra­li».

«Sì, ma che ha ma­tu­ra­to, nel­la sua vi­ta, la con­sa­pe­vo­lez­za che la scien­za non sia tut­to: non tut­to è spie­ga­bi­le scien­ti­fi­ca­men­te, in ma­nie­ra ra­zio­na­le. Van Hel­sing è a suo mo­do uno spre­giu­di­ca­to, aper­to a tut­to, pron­to an­che a met­te­re le ma­ni nel­la su­per­sti­zio­ne, nel mi­ste­ro eso­ti­co... in­som­ma è uno che, as­su­men­do­si il com­pi­to di estir­pa­re il ma­le, va al di là del­la real­tà og­get­ti­va. Lo si po­treb­be de­fi­ni­re una spe­cie di esor­ci­sta». Per­ché ha scel­to un ti­po del ge­ne­re per sé?

«Per­ché io fir­mo la re­gia del­la mes­sin­sce­na e Van Hel­sing è a suo mo­do il re­gi­sta che ge­sti­sce que­sta cor­da­ta di per­so­ne che si sbrac­cia­no per af­fron­ta­re il ma­le, per gua­ri­re dal ma­le: il mo­stro che si an­ni­da den­tro tut­ti noi. Ma an­che per­ché io so­no il più an­zia­no di tut­ta la com­pa­gnia, dun­que mi pa­re un ruo­lo adat­to al­la mia età ana­gra­fi­ca». Lei non si può de­fi­ni­re vec­chio a 59 an­ni...

«No, ma cer­ta­men­te non più gio­va­ne. Ora mi si of­fre la pos­si­bi­li­tà di guar­da­re al­la mor­te, te­ma cen­tra­le del te­sto, con uno sguar­do di­ver­so da un ra­gaz­zo: è lo sguar­do ma­tu­ro di chi sa che al­la mor­te de­ve co­min­cia­re a pen­sar­ci, a far­ci i con­ti, a met­ter­ci le ma­ni... il tem­po che pas­sa la av­vi­ci­na ine­so­ra­bil­men­te, oc­cor­re pren­der­la in con­si­de­ra­zio­ne, per sa­per­la fron­teg­gia­re e ac­cet­ta­re». L’at­tua­li­tà di un ro­man­zo go­ti­co è pos­si­bi­le?

«In que­sto ro­man­zo­ne so­no rac­chiu­si mol­ti te­mi at­tua­li. Uno fra tut­ti l’eu­ta­na­sia. Mi­na è con­ta­mi­na­ta in ma­nie­ra ir­re­ver­si­bi­le, è una ma­la­ta ter­mi­na­le ed espri­me il mo­do in cui ci si po­ne di fron­te al pro­gre­di­re di una ma­lat­tia. A un cer­to pun­to del­la sua do­lo­ro­sa di­sce­sa nell’Ade, chie­de­rà a Jo­na­than di uc­ci­der­la». C’è an­che un al­tro te­ma mol­to at­tua­le...

«L’oscil­la­zio­ne tra scien­za e su­per­sti­zio­ne. Le cor­sie de­gli ospe­da­li so­no af­fol­la­te non so­lo di me­di­ci e in­fer­mie­ri, ma pu­re di ef­fi­gi re­li­gio­se, san­ti­ni, ma­don­ne di Lour­des, im­ma­gi­ni di pa­dri pii... Quan­do si è ma­la­ti ci sen­tia­mo im­po­ten­ti, la ra­gio­ne si arrende, af­fi­dan­do­si ad al­tro in cer­ca di aiu­to: al­la spi­ri­tua­li­tà, e an­che al­la ma­gia... tut­to si con­fon­de ed en­tra in gio­co la sug­ge­stio­ne, che in cer­ti for­tu­na­ti ca­si — per­ché no? — può ad­di­rit­tu­ra con­tri­bui­re al­la gua­ri­gio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.