La dram­ma­tur­ga che scar­di­na la fa­mi­glia

Corriere della Sera - La Lettura - - Maschere Teatro - Di MAU­RI­ZIO PORRO

Lu­cia Ca­la­ma­ro pub­bli­ca una com­me­dia (e la por­ta in sce­na con Sil­vio Or­lan­do) sull’im­pos­si­bi­li­tà del­le re­la­zio­ni fa­mi­lia­ri. In que­ste pa­gi­ne la sua poe­ti­ca tea­tra­le — l’at­to crea­ti­vo, i fan­ta­smi, le os­ses­sio­ni — dia­lo­ga con quel­la di Em­ma Dan­te Lu­cia Ca­la­ma­ro «Io scri­vo per gli at­to­ri, de­vo sa­pe­re chi so­no e che co­sa pen­sa­no. Sil­vio Or­lan­do è una del­le mie im­ma­gi­ni mi­to­lo­gi­che» Em­ma Dan­te «Io scri­vo con gli at­to­ri, non per lo­ro. So­no ba­star­da nel mo­do di con­ce­pi­re la scrit­tu­ra e vi­ve­re le sto­rie at­tra­ver­so i cor­pi dei miei at­to­ri»

Il tea­tro lo si at­ten­de, guar­da, ap­plau­de, lo si por­ta a ca­sa ma ogni tan­to lo si leg­ge an­che. Ci so­no col­la­ne edi­to­ria­li ri­ma­ste sto­ri­che, co­me quel­la Ei­nau­di fon­da­ta da Pao­lo Gras­si; edi­to­ri co­me Cue­press che pro­pon­go­no te­sti del­la nuo­va dram­ma­tur­gia so­prat­tut­to fem­mi­ni­le ( Il cie­lo non è un fon­da­le di Da­ria De­flo­rian e An­to­nio Ta­glia­ri­ni e Tu es li­bre di Fran­ce­sca Ga­rol­la); e Mar­si­lio che dal 7 mar­zo man­da in li­bre­ria nel­la col­la­na Goc­ce il te­sto di Lu­cia Ca­la­ma­ro Si no­ta all’im­bru­ni­re (So­li­tu­di­ne da pae­se spo­po­la­to), che de­but­ta con Sil­vio Or­lan­do la stes­sa se­ra del 7 a Nar­ni e poi ar­ri­va al Pic­co­lo di Mi­la­no dal 12 al 31 mar­zo.

Lu­cia Ca­la­ma­ro è una del­le au­tri­ci di pun­ta del­la sce­na ita­lia­na — mac­chi­na glo­ba­le che scri­ve i te­sti, li di­ri­ge e a vol­te li re­ci­ta. Nel suo car­net Guer­ra nel 2004, Cat­ti­vi mae­stri nel 2005, Au­to­bio­gra­fia del­la ver­go­gna nel 2008, Dia­rio del tem­po nel 2014 e nel mez­zo il ca­so L’ori­gi­ne del mon­do, che ha vin­to me­ri­ta­ta­men­te tre pre­mi Ubu con pun­te di gra­di­men­to al­tis­si­me a Ro­ma, Mi­la­no, Pa­ri­gi. È la fir­ma di un so­da­li­zio qua­si psi­co­so­ma­ti­co con Da­ria De­flo­rian, che ha por­ta­to al­la na­sci­ta dell’ag­get­ti­vo ca­la­ma­re­sco, che na­tu­ral­men­te all’au­tri­ce fa an­che pia­ce­re pur di non ri­ma­ne­re im­pri­gio­na­ta in una for­mu­la, in un co­di­ce, co­me quan­do si di­ce fel­li­nia­no per in­di­ca­re il cir­co e le tet­to­ne.

No, ca­la­ma­re­sco è un ag­get­ti­vo in evo­lu­zio­ne. Cer­to con que­sti te­sti Ca­la­ma­ro ha aper­to la stra­da a una dram­ma­tur­gia fem­mi­ni­le che è sta­ta nel pa­no­ra­ma ita­lia­no del tut­to as­sen­te — si ri­cor­da­no giu­sto Ia­ia Fia­stri, agen­te spe­cia­le del­la dit­ta Ga­ri­nei & Gio­van­ni­ni scom­par­sa al­la fi­ne dell’an­no scor­so, o la Ginz­burg che spo­sa­va per al­le­gria, ma era un pre­sti­to dal­la let­te­ra­tu­ra.

Pri­ma di que­sta no­vi­tà — Si no­ta all’im­bru­ni­re (So­li­tu­di­ne da pae­se spo­po­la­to) — che com­pa­re ora con­tem­po­ra­nea­men­te in sce­na e sul­la pa­gi­na, l’au­tri­ce de­di­ta al­lo scar­di­na­men­to dei ruo­li fa­mi­lia­ri ave­va scrit­to La vi­ta fer­ma e rac­col­to al­cu­ni suoi la­vo­ri nel vo­lu­me Il ri­tor­no del­la ma­dre a cu­ra di Re­na­to Pa­laz­zi (Edi­to­ria & Spet­ta­co­lo, 2013).

Ma for­se la no­vi­tà è pro­prio il ruo­lo mul­ti­for­me che la dram­ma­tur­ga don­na si è as­sun­ta a con­tat­to stret­to con gli ele­men­ti del­la sce­na, i cor­pi fi­si­ci del tea­tro e de­gli at­to­ri: si ve­da il ca­so sin­to­ma­ti­co di Em­ma Dan­te e del­la sua com­pa­gnia o del­la stes­sa Ca­la­ma­ro che scri­ve i suoi co­pio­ni su mi­su­ra co­me i dra­ma­turg di una vol­ta, non so­lo quel­li de­gli sta­bi­li bre­ch­tia­ni ma an­che, met­ti, Pa­tro­ni Grif­fi che se­gui­va gli estri, le do­ti e le per­so­na­li­tà del­la Com­pa­gnia dei Gio­va­ni per cui scris­se gran par­te del­la sua pro­du­zio­ne.

In più og­gi c’è una ge­ne­ra­zio­ne di nuo­vi dra­ma­turg che si è av­ven­ta­ta con fu­ria vi­ta­le sui clas­si­ci, pro­prio i tra­gi­ci gre­ci, par­ten­do dal­la ge­nia­le San­ta Estasi di An­to­nio La­tel­la con la sto­ria san­gui­no­sa de­gli Atri­di ri­ve­du­ta e cor­ret­ta da gio­va­ni e straordina­ri scrit­to­ri (com­pre­so Cri­so­te­mi, no­vi­tà as­so­lu­ta) per ar­ri­va­re al­la Ifi­ge­nia, li­be­ra­ta! di Car­me­lo Ri­fi­ci e An­ge­la De­mat­tè, fa­cen­do ir­rom­pe­re il tea­tro nel tea­tro. In real­tà la sto­ria del­la nuo­va tra­ge­dia è ap­pe­na co­min­cia­ta, ma ci so­no fir­me di pri­mo pia­no co­me Fa­bri­zio Si­ni­si che si ac­cop­pia­no ai tra­gi­ci, of­fren­do nuo­ve vi­te.

È ve­ro che ci so­no po­chis­si­mi ca­si di dram­ma­tur­ghe e i gre­ci e gli eli­sa­bet­tia­ni era­no tut­ti uo­mi­ni, al­me­no in ap­pa­ren­za, ma pro­prio in no­me di un la­vo­ro co­mu­ne che an­nul­la qua­si i pas­sag­gi tra­di­zio­na­li del tea­tro, og­gi la dram­ma­tur­gia fem­mi­ni­le sta ac­qui­stan­do pe­so. Cer­to, a do­man­da pre­ci­sa le in­te­res­sa­te re­sta­no in­de­ci­se sul gen­der, ri­fiu­ta­no la di­vi­sio­ne, ri­spon­do­no più per ob­bli­go e cor­ret­tez­za pro­fes­sio­na­le: è chia­ro che non cre­do­no a una di­vi­sio­ne. «Non mi van­no i di­bat­ti­ti di ge­ne­re — di­ce Ca­la­ma­ro a “la Let­tu­ra” —. Non mol­te don­ne fan­no tea­tro e ar­te in Ita­lia, ma cre­sce­ran­no, per ora sia­mo po­che e quin­di è an­che dif­fi­ci­le in­di­vi­dua­re una poe­ti­ca che ci con­trad­di­stin­gua». In or­di­ne al­la quan­ti­tà, for­se sì, ma in or­di­ne al­la qua­li­tà, al­lo sti­le, ai tap­pe­ti­ni in­con­sci che sro­to­la, i co­pio­ni di Ca­la­ma­ro so­no in­di­vi­dua­bi­li ec­co­me.

Em­ma Dan­te, uno dei no­mi del­la re­gia

ita­lia­na di og­gi che si spen­de mol­to an­che all’este­ro, in­ter­pel­la­ta da «la Let­tu­ra» per ri­flet­te­re sul te­ma, ri­spon­de: «Ok, per­ché non si di­ce al­lo­ra tea­tro ma­schi­le? Ma for­se c’è qual­co­sa che la don­na cer­ca mol­to più del ma­schio, qual­co­sa che ha a che fa­re con la ma­ter­ni­tà. Par­lo per me, ma cre­do che dal­la ma­dre, dall’in­se­mi­na­zio­ne del cor­po, ini­zi tut­to. Qui sta la pri­ma dif­fe­ren­za con l’uo­mo».

Si no­ta all’im­bru­ni­re è una com­me­dia tut­ta di les­si­ci fa­mi­lia­ri con un pa­ter fa­mi­lias rin­ta­na­to nel pro­prio ego, im­mo­bi­le da tre an­ni per ne­vro­si e ri­fiu­to del mon­do: Ca­la­ma­ro gli fa ar­ri­va­re a do­mi­ci­lio, nel vil­lag­gio spo­po­la­to, i fi­gli e il fra­tel­lo, ad ac­cu­dir­lo e fe­steg­giar­lo per il com­plean­no e an­che per ri­cor­da­re l’as­sen­za del­la ma­dre scom­par­sa, un dop­pio an­ni­ver­sa­rio. «È un uo­mo che vi­ve ac­can­to all’esi­sten­za e non più den­tro la real­tà, si è co­strui­to una ta­na e si os­si­ge­na con la me­mo­ria, te­ma che mi è da sem­pre con-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.