I die­ci pec­ca­ti quo­ti­dia­ni se­con­do Pa­pa Fran­ce­sco

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - di LUI­GI ACCATTOLI

Mer­co­le­dì pros­si­mo, 13 mar­zo, sa­ran­no tra­scor­si sei an­ni dall’ele­zio­ne di Ber­go­glio co­me suc­ces­so­re del di­mis­sio­na­rio Ra­tzin­ger. Mer­co­le­dì scor­so, 6 mar­zo, la Chie­sa cat­to­li­ca è en­tra­ta nel pe­rio­do li­tur­gi­co del­la Qua­re­si­ma, ca­ro al Pon­te­fi­ce­con­fes­so­re. Ab­bia­mo pro­va­to a ri­co­strui­re la predicazio­ne dell’ex ar­ci­ve­sco­vo di Bue­nos Ai­res sui pec­ca­ti. Per­ché una co­sa è chia­ra: ha rot­ta­ma­to i ma­nua­li di mo­ra­le (per esem­pio sul ses­so). E un’al­tra an­che: si com­por­ta co­me un par­ro­co

Le cri­ti­che van­no a Ber­go­glio co­me le mo­sche al mie­le e una del­le più in­si­sten­ti di­ce: que­sto Pa­pa sva­lu­ta il pec­ca­to e of­fre una mi­se­ri­cor­dia a co­sto ze­ro. I so­ste­ni­to­ri ne­ga­no che fac­cia que­sto ma non pos­so­no ne­ga­re che la predicazio­ne di Fran­ce­sco sul pec­ca­to sia nuo­va. Tre so­no le no­vi­tà più vi­sto­se.

La pri­ma no­vi­tà ri­guar­da il lin­guag­gio: Fran­ce­sco — che è sta­to elet­to 266° Pa­pa il 13 mar­zo di sei an­ni fa — ha rot­ta­ma­to quel­lo dei ma­nua­li di mo­ra­le. Non di­stin­gue i pec­ca­ti in ve­nia­li, mor­ta­li, con­tro na­tu­ra, che gri­da­no ven­det­ta. Par­la co­me il par­ro­co che di­ce a chi in­con­tra per via: «Vie­ni a con­fes­sar­ti».

La se­con­da no­vi­tà è nel ro­ve­scia­men­to del­la clas­si­fi­ca per gra­vi­tà ri­spet­to ai mo­ra­li­sti d’an­tan: quel­li con­si­de­ra­va­no co­me pri­mi tra i pec­ca­ti quel­li ses­sua­li, che in­ve­ce Fran­ce­sco con­si­de­ra co­me i più lie­vi.

La ter­za no­vi­tà, la più in­te­res­san­te per chi os­ser­va da fuo­ri, è nel­la pro­po­sta di una fit­ta ca­si­sti­ca di pec­ca­ti quo­ti­dia­ni, cioè del­la vi­ta d’ogni gior­no, sui qua­li i con­fes­so­ri mai fa­ce­va­no do­man­de.

Qui a fian­co ne pro­po­nia­mo die­ci, di que­sti pec­ca­ti quo­ti­dia­ni, for­mu­lan­do­li con le pa­ro­le con cui li in­di­ca il Pa­pa: dal chiu­de­re la por­ta ai bi­so­gno­si e fa­re i bul­li con i de­bo­li, a get­ta­re il ci­bo avan­za­to e «ve­ne­ra­re la dea la­men­te­la». In mez­zo ci so­no mol­te fat­ti­spe­cie pec­ca­mi­no­se: scar­ta­re l’an­zia­no, li­ti­ga­re da­van­ti ai fi­gli, ac­cet­ta­re bu­sta­rel­le, spen­na­re il pros­si­mo (cioè spar­la­re di chi ci vi­ve ac­can­to), fa­re fin­ta d’es­se­re cri­stia­ni, an­da­re dal­la car­to­man­te.

La chia­ve per in­ter­pre­ta­re la predicazio­ne ber­go­glia­na sul pec­ca­to va cer­ca­ta nel­la sua pas­sio­ne per la con­fes­sio­ne. Confessa e si confessa in San Pie­tro nel­le ce­le­bra­zio­ni pe­ni­ten­zia­li del­la Qua­re­si­ma, pe­rio­do li­tur­gi­co nel qua­le la Chie­sa cat­to­li­ca è en­tra­ta mer­co­le­dì 6 (og­gi, do­me­ni­ca 10 mar­zo, per il ri­to am­bro­sia­no). Gli ul­ti­mi Pa­pi con­fes­sa­va­no, ma Fran­ce­sco è l’uni­co che si confessa da­van­ti al po­po­lo. Si con­si­de­ra un pec­ca­to­re e l’ha det­to già quan­do do­vet­te ri­spon­de­re al­la do­man­da se ac­cet­ta­va l’ele­zio­ne a Pa­pa: «So­no pec­ca­to­re, ma con­fi­dan­do nel­la mi­se­ri­cor­dia e nell’in­fi­ni­ta pa­zien­za di No­stro Si­gno­re Ge­sù Cri­sto e in spi­ri­to di pe­ni­ten­za ac­cet­to».

Fran­ce­sco ap­pa­re sin­ce­ro quan­do — nel­le in­ter­vi­ste — ri­co­no­sce di ave­re «tan­ti di­fet­ti» e di «pren­de­re can­to­na­te». «Pre­go di non fa­re del­le stu­pi­dag­gi­ni e ne fac­cio», ha det­to una vol­ta. A chi lo in­ter­ro­ga sul­le in­com­pren­sio­ni di cui è vit­ti­ma ri­spon­de: «Pen­so che a cau­sa dei miei pec­ca­ti do­vrei es­se­re ca­pi­to an­che me­no».

Non ab­bia­mo dun­que sol­tan­to un Pa­pa che pre­di­ca sul «mi­ste­ro del pec­ca­to», ma an­che un con­fes­so­re che pri­ma di chia­mar­ci a pe­ni­ten­za s’in­gi­noc­chia lui e per pri­mo confessa i suoi pec­ca­ti. «Il mi­glior con­fes­so­re è di so­li­to quel­lo che si confessa me­glio», ha det­to una vol­ta ai preti di Ro­ma.

«Nel­le co­se dell’amo­re non si dà ma­te­ria lie­ve», sen­ten­zia­va­no i mo­ra­li­sti: «In re ve­ne­rea non da­tur par­vi­tas ma­te­riae» . Ma Pa­pa Ber­go­glio scom­bi­na la clas­si­fi­ca e di­ce a Do­mi­ni­que Wol­ton (nel vo­lu­me Dio è un poe­ta, Rizzoli, 2018, a pa­gi­na 154) che «i pec­ca­ti più lie­vi so­no quel­li del­la car­ne». Que­sta è la spie­ga­zio­ne che Fran­ce­sco of­fre di quel suo ro­ve­scia­men­to: «I pec­ca­ti del­la car­ne non so­no ne­ces­sa­ria­men­te (sem­pre) i più gra­vi. Per­ché la car­ne è de­bo­le. I pec­ca­ti più pe­ri­co­lo­si so­no quel­li del­lo spi­ri­to: l’or­go­glio, la va­ni­tà».

Nell’en­ci­cli­ca Lau­da­to si’ co­sì se­gna­la le col­pe ca­pi­ta­li dell’uma­ni­tà con­tem­po­ra­nea: «Og­gi il pec­ca­to si ma­ni­fe­sta con tut­ta la sua for­za di di­stru­zio­ne nel­le guer­re, nel­le di­ver­se for­me di vio­len­za e mal­trat­ta­men­to, nell’ab­ban­do­no dei più fra­gi­li, ne­gli at­tac­chi con­tro la na­tu­ra».

Il con­cet­to di «pec­ca­to con­tro la crea­zio­ne» Fran­ce­sco lo pren­de dal Pa­triar­ca di Co­stan­ti­no­po­li Bar­to­lo­meo che da an­ni va con­du­cen­do una crea­ti­va predicazio­ne bi­bli­ca sul­la «sal­va­guar­dia del Crea­to». Nell’en­ci­cli­ca «sul­la cu­ra del­la ca­sa co­mu­ne» Fran­ce­sco fa mol­ti ri­fe­ri­men­ti a Bar­to­lo­meo, il «ca­ro Pa­triar­ca ecu­me­ni­co con il qua­le con­di­vi­dia­mo la spe­ran­za nel­la pie­na co­mu­nio­ne ec­cle­sia­le». In par­ti­co­la­re ne ri­por­ta, ap­pro­van­do­la, que­st’af­fer­ma­zio­ne a mo­do di som­ma­rio: «Che gli es­se­ri uma­ni di­strug­ga­no la di­ver­si­tà bio­lo­gi­ca nel­la crea­zio­ne di Dio; che gli es­se­ri uma­ni com­pro­met­ta­no l’in­te­gri­tà del­la ter­ra e con­tri­bui­sca­no al cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, spo­glian­do la ter­ra del­le sue fo­re­ste na­tu­ra­li o di­strug­gen­do le sue zo­ne umi­de; che gli es­se­ri uma­ni in­qui­ni­no le ac­que, il suo­lo, l’aria: tut­ti que­sti so­no pec­ca­ti». Fran­ce­sco nell’en­ci­cli­ca fa sua an­che que­st’al­tra pa­ro­la di Bar­to­lo­meo, che ha una più di­ret­ta va­len­za dot­tri­na­le: «Un cri­mi­ne con­tro la na­tu­ra è un cri­mi­ne con­tro noi stes­si e un pec­ca­to con­tro Dio».

Quel­la di Pa­pa Ber­go­glio non è una predicazio­ne che ten­de a fa­re si­ste­ma e il suo — co­me di­ce egli stes­so — è un «pen­sie­ro in­com­ple­to», cioè aper­to, in ri­cer­ca. Suc­ce­de co­sì che egli sia vit­ti­ma di ogni pos­si­bi­le con­flit­to in­ter­pre­ta­ti­vo. Ba­sta stac­ca­re un te­ma dal con­te­sto e tra­la­scia­re il re­sto per far­ne un tra­di­to­re — po­nia­mo — del­la tra­di­zio­ne cat­to­li­ca.

I tra­di­zio­na­li­sti in­fat­ti l’ac­cu­sa­no di ba­na­liz­za­re il «de­lit­to d’abor­to» ep­pu­re ha af­fer­ma­zio­ni du­ris­si­me sull’abor­to. «E ho pen­sa­to all’abi­tu­di­ne di man­da­re via i bam­bi­ni pri­ma del­la na­sci­ta, que­sto cri­mi­ne or­ren­do: li man­da­no via per­ché è me­glio co­sì, per­ché sei più co­mo­do, è una re­spon­sa­bi­li­tà gran­de — è un pec­ca­to gra­vis­si­mo, no? — è una re­spon­sa­bi­li­tà gran­de»: co­sì ha par­la­to una vol­ta in un’in­ter­vi­sta a TV2000. Più re­cen­te­men­te ha par­la­to co­sì al­la fol­la di piaz­za

Pa­pa Fran­ce­sco in pre­ghie­ra du­ran­te le gior­na­te con­tro la pe­do­fi­lia con­vo­ca­te in Va­ti­ca­no, il 23 feb­bra­io scor­so (fo­to Vin­cen­zo Pin­to/Afp)

San Pie­tro: «È giu­sto far fuo­ri una vi­ta uma­na per ri­sol­ve­re un pro­ble­ma? Non è giu­sto far fuo­ri un es­se­re uma­no, ben­ché pic­co­lo, per ri­sol­ve­re un pro­ble­ma. È co­me af­fit­ta­re un sicario». Tra que­ste due usci­te ha evo­ca­to ad­di­rit­tu­ra le pra­ti­che eu­ge­ne­ti­che del Ter­zo Rei­ch: «Il se­co­lo scor­so tut­to il mon­do era scan­da­liz­za­to per quel­lo che fa­ce­va­no i na­zi­sti per cu­ra­re la pu­rez­za del­la raz­za. Og­gi fac­cia­mo lo stes­so ma con i guan­ti bian­chi: è di mo­da, abi­tua­le, quan­do in gra­vi­dan­za si ve­de che for­se il bam­bi­no non sta be­ne: la pri­ma of­fer­ta è “lo man­dia­mo via?”. L’omi­ci­dio dei bam­bi­ni».

Lo stes­so si può di­re dell’eu­ta­na­sia e di al­tri «prin­ci­pi non ne­go­zia­bi­li» del­la tra­di­zio­ne cat­to­li­ca: non usa mai que­sta espres­sio­ne, che era ca­ra al car­di­na­le Rui­ni e che fu usa­ta an­che da Pa­pa Ra­tzin­ger, ma il pre­cet­to del­la di­fe­sa del­la vi­ta lo fa va­le­re con for­za. So­lo che gli met­te al­la pa­ri la di­fe­sa del­la vi­ta in ogni al­tro mo­men­to dell’esi­sten­za: vuo­le che il cri­stia­no di­fen­da il fe­to co­me l’im­mi­gra­to, l’em­brio­ne co­me il con­dan­na­to a mor­te.

Un pec­ca­to che ave­va buo­na piaz­za nel­la mo­ra­le tra­di­zio­na­le e che Ber­go­glio non ri­co­no­sce, tan­to da ci­tar­lo so­lo per con­fu­tar­lo, è quel­lo del­la tra­sgres­sio­ne dei pre­cet­ti ec­cle­sia­sti­ci ri­guar­dan­ti i mo­di di as­sol­ve­re al do­ve­re del­la mes­sa do­me­ni­ca­le, o le re­go­le del di­giu­no e si­mi­li. Per esem­pio: la mes­sa del sa­ba­to va­le per la do­me­ni­ca? In una del­le ome­lie del mat­ti­no al­la Ca­sa San­ta Mar­ta — che so­no il mo­men­to in cui me­glio par­la da par­ro­co — ne ha trat­ta­to ri­cor­dan­do quan­do, «tan­ti an­ni fa», gli si av­vi­ci­nò una si­gno­ra di­cen­do­gli: «Pa­dre, de­vo fa­re una do­man­da per­ché non so se de­vo con­fes­sar­mi o no. Sa­ba­to scor­so sia­mo an­da­ti al­le noz­ze di ami­ci e c’era la mes­sa lì e ab­bia­mo det­to, con mio ma­ri­to: ma sta be­ne, que­sta mes­sa, sa­ba­to se­ra? Sa, pa­dre, che le let­tu­re non era­no quel­le del­la do­me­ni­ca, era­no quel­le del­le noz­ze e io non so se que­sto era va­li­do o io ho pec­ca­to mor­tal­men­te per­ché non so­no an­da­ta do­me­ni­ca all’al­tra mes­sa». Nel por­re quel­la que­stio­ne, ha os­ser­va­to Fran­ce­sco, «quel­la don­na sof­fri­va». «Al­lo­ra — ha con­ti­nua­to — le ho det­to: il Si­gno­re la ama tan­to: lei è an­da­ta lì, ha ri­ce­vu­to la co­mu­nio­ne, è sta­ta con Ge­sù... stia tran­quil­la, il Si­gno­re non è un com­mer­cian­te».

Pec­ca­to dei pec­ca­ti per Fran­ce­sco, pre­so con tut­ta la sua Chie­sa nel­lo tsu­na­mi del­lo scan­da­lo pe­do­fi­lia, è l’abu­so dei chie­ri­ci sui mi­no­ri. Una vol­ta l’ave­va pa­ra­go­na­to al­le «mes­se ne­re», cioè al sa­cri­le­gio del­le co­se sa­cre. Del­la più sa­cra: l’Eu­ca­re­stia.

Co­me non gli ba­stas­se, a con­clu­sio­ne del sum­mit epi­sco­pa­le di feb­bra­io ha det­to che die­tro gli abu­si c’è Sa­ta­na e ha fat­to quell’af­fer­ma­zio­ne fa­cen­do ap­pel­lo al­la sua au­to­ri­tà di Ve­sco­vo di Ro­ma: «Fra­tel­li e so­rel­le, og­gi sia­mo da­van­ti a una ma­ni­fe­sta­zio­ne del ma­le, sfac­cia­ta, ag­gres­si­va e di­strut­ti­va. E que­sto vor­rei dir­ve­lo con l’au­to­ri­tà di fra­tel­lo e di pa­dre, cer­to pic­co­lo e pec­ca­to­re, ma che è il pa­sto­re del­la Chie­sa che pre­sie­de nel­la ca­ri­tà: in que­sti ca­si do­lo­ro­si vedo la ma­no del ma­le che non ri­spar­mia nean­che l’in­no­cen­za dei pic­co­li. Die­tro a que­sto c’è Sa­ta­na».

Ma è de­sti­no che un Pa­pa, qual­sia­si Pa­pa, quan­do evo­ca Sa­ta­na sia co­mun­que ir­ri­so dai me­dia: suc­ce­de re­go­lar­men­te in que­st’epo­ca sma­ga­ta, da Pao­lo VI a og­gi. Se fos­se an­co­ra qua Vittorio Gor­re­sio po­treb­be ag­gior­na­re il li­bel­lo Il

Pa­pa e il dia­vo­lo (Rizzoli, 1973) con cui si pre­se gio­co di Mon­ti­ni, il Pa­pa ri­for­ma­to­re, quan­do ri­ten­ne di do­ver con­fer­ma­re la fe­de cri­stia­na nell’Av­ver­sa­rio.

Il co­ro di cri­ti­che ver­so Fran­ce­sco è sta­to lar­go, mo­du­la­to sul­la no­ta: «Non è Sa­ta­na co­lui che vio­len­ta bam­bi­ni, so­no i preti». «Pe­do­fi­lia: in­cri­mi­nan­do Sa­ta­na, il Pa­pa in­de­bo­li­sce il suo di­scor­so», è sta­to un ti­to­lo del fran­ce­se «Le Mon­de». Il bri­tan­ni­co «The Guar­dian»: «Il Pa­pa in­col­pa Sa­ta­na per gli abu­si del cle­ro men­tre gli at­ti­vi­sti li­qui­da­no il suo di­scor­so co­me una tro­va­ta pub­bli­ci­ta­ria». L’in­com­pren­sio­ne è sta­ta to­ta­le. Fran­ce­sco evo­can­do Sa­ta­na vo­le­va di­re che quel­la de­gli abu­sa­to­ri era la col­pa più gra­ve: un at­to diabolico. I cri­ti­ci han­no in­te­so che vo­les­se mi­ni­miz­zar­la. Se par­la­re del pec­ca­to all’uma­ni­tà post­mo­der­na è un az­zar­do, met­te­re nel­la stes­sa fra­se Sa­ta­na e il pec­ca­to è de­ci­sa­men­te trop­po.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.