«Ad­dio ca­pi­ta­li­smo An­che l’eu­ro af­fon­da Vin­ce­rà il di­sor­di­ne »

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Di DA­NI­LO TAINO

Quan­do un in­tel­let­tua­le par­la di fi­ne del ca­pi­ta­li­smo, la ten­ta­zio­ne di non dar­gli ret­ta e pas­sa­re ad al­tro bus­sa al­la men­te. Trop­pe vol­te è sta­ta pre­vi­sta e al­tret­tan­te vol­te il si­ste­ma eco­no­mi­co al­la ba­se della pro­spe­ri­tà dell’Oc­ci­den­te ha cam­bia­to pel­le, è so­prav­vis­su­to, ha inau­gu­ra­to una nuo­va fa­se. Questa vol­ta è di­ver­so? Dopo la cri­si del 2008 e con il va­cil­la­re odier­no della glo­ba­liz­za­zio­ne è ar­ri­va­to il mo­men­to fi­na­le?

Quan­do scen­de in campo un pe­so mas­si­mo del pen­sie­ro so­cia­le europeo co­me Wol­fgang Streeck, i pre­giu­di­zi van­no messi da par­te, la sua ana­li­si va pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne, va di­scus­sa per­ché è in­te­res­san­te e sti­mo­lan­te: non far­lo vor­reb­be di­re che il ca­pi­ta­li­smo, al­me­no quel­lo che vi­ve an­che di li­be­ro pen­sie­ro, sa­reb­be davvero già mor­to.

Streeck sa­rà a To­ri­no gio­ve­dì 28 mar­zo, nel qua­dro di Bien­na­le De­mo­cra­zia: in­ter­ver­rà dun­que in uno dei Pae­si eu­ro­pei che più sen­to­no la cri­si del mo­del­lo del qua­le pre­ve­de la fi­ne. Col­lo­ca­to sal­da­men­te nella si­ni­stra po­li­ti­ca te­de­sca, og­gi di­ret­to­re eme­ri­to del Max Planck In­sti­tu­te per lo Stu­dio del­le so­cie­tà, a Co­lo­nia, è una fi­gu­ra tra le più ri­le­van­ti e au­to­re­vo­li nel di­bat­ti­to po­li­ti­co europeo. Nei suoi scrit­ti più re­cen­ti so­stie­ne che il «ca­pi­ta- li­smo dell’Oc­se», cioè quel­lo del­le eco­no­mie più avan­za­te, è «in una tra­iet­to­ria di cri­si sin da­gli an­ni Set­tan­ta». In pas­sa­to, la ca­pa­ci­tà del si­ste­ma di so­prav­vi­ve­re è di­pe­sa da «un con­ti­nuo la­vo­ro di ri­pa­ra­zio­ne», ha scrit­to nel suo li­bro più re­cen­te, How Will Ca­pi­ta­li­sm End?, una rac­col­ta di sag­gi scrit­ti in se­gui­to al­la cri­si del 2008. «Og­gi, tut­ta­via, trop­pe fra­gi­li­tà so­no di­ven­ta­te si­mul­ta­nea­men­te acu­te — con­ti­nua — men­tre trop­pi ri­me­di si so­no esau­ri­ti o so­no sta­ti di­strut­ti». Da qui la pre­vi­sio­ne: «La fi­ne del ca­pi­ta­li­smo può quin­di es­se­re im­ma­gi­na­ta co­me mor­te da un mi­glia­io di ta­gli, o da una mol­te­pli­ci­tà di ma­lat­tie ognu­na del­le qua­li sa­rà sem­pre più in­trat­ta­bi­le in quan­to tut­te do­man­de­ran­no cu­re allo stes­so tem­po». Il so­cio­lo­go in­di­vi­dua tre ten­den­ze di lun­go ter­mi­ne che cor­ro­no in pa­ral­le­lo «at­tra­ver­so l’in­te­ra fa­mi­glia del­le ric­che de­mo­cra­zie ca­pi­ta­li­ste: de­cli­no della cre­sci­ta, cre­scen­te di­su­gua­glian­za e au­men­to del de­bi­to — pubblico, pri­va­to e com­ples­si­vo». Trend inar­re­sta­bi­li: «Non c’è nien­te in vi­sta che pos­sa an­che solo un po’ sem­bra­re ab­ba­stan­za po­ten­te per spez­za­re le tre ten­den­ze, di­ven­ta­te pro­fon­da­men­te ra­di­ca­te e den­sa­men­te in­ter­con­nes­se».

Secondo Streeck, il ca­pi­ta­li­smo è en­tra­to nella «fa­se fi­na­le»: è un si­ste­ma che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.