Hob­sba­wm pro­fe­ta ros­so avreb­be odia­to la Brexit

Ri­chard Evans ha dedicato una bio­gra­fia al grande sto­ri­co che non rin­ne­gò mai l’ade­sio­ne al mar­xi­smo. «Fu la scel­ta esi­sten­zia­le di un an­ti-na­zio­na­li­sta»

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Dal no­stro cor­ri­spon­den­te a Lon­dra LUI­GI IP­PO­LI­TO

Una bio­gra­fia mo­nu­men­ta­le per un mo­nu­men­to della sto­rio­gra­fia. Eric Hob­sba­wm. A Li­fe in Hi­sto­ry, usci­to in Gran Bret a g na da po­che s e t t i ma­ne, passa al va­glio, in 800 den­se pa­gi­ne, la vi­ta e l’ope­ra di co­lui che è sta­to pro­ba­bil­men­te il più ce­le­bre sto­ri­co con­tem­po­ra­neo: un ri­trat­to che ne il­lu­mi­na an­che gli aspet­ti pri­va­ti e me­no no­ti, co­strui­to gra­zie a uno straordina­rio ac­ces­so al­le fon­ti. Scrit­ta dal suo ami­co Sir Ri­chard Evans, re­gius pro­fes­sor di Storia a Cam­brid­ge, la bio­gra­fia si con­cen­tra sul­le espe­rien­ze per­so­na­li di Hob­sba­wm, ma met­te in ri­lie­vo il «fi­lo ros­so» della sua esi­sten­za, os­sia la mi­li­tan­za mar­xi­sta.

Pro­fes­sor Evans, quan­to so­no sta­ti cen­tra­li il mar­xi­smo e il co­mu­ni­smo per Hob­sba­wm, nel suo la­vo­ro co­me sto­ri­co e sul pia­no per­so­na­le?

«In­nan­zi­tut­to oc­cor­re di­stin­gue­re fra mar­xi­smo e co­mu­ni­smo, an­che per­ché ci so­no mol­te va­rian­ti dell’uno e dell’al­tro. Co­me sto­ri­co, Hob­sba­wm è ar­ri­va­to allo stu­dio della ma­te­ria pro­prio at­tra­ver­so il mar­xi­smo: il suo in­te­res­se per la storia era un pro­dot­to del­le sue con­vin­zio­ni mar­xi­ste. Già nei suoi dia­ri di ado­le­scen­te scri­ve di que­sto: ve­de­va la storia da un pun­to di vi­sta mar­xi­sta. Ma quan­do poi è ar­ri­va­to per stu­dia­re a Cam­brid­ge, fra il 1936 e il 1939, ven­ne in­tro­dot­to al­la scuo­la del­le An­na­les fran­ce­si, che ve­de­va­no la storia co­me scien­za so­cia­le, an­zi co­me la scien­za so­cia­le per ec­cel­len­za. E, ne­gli an­ni Cin­quan­ta, Eric pas­sò mol­to tem­po a Pa­ri­gi, me­sco­lan­do­si con in­tel­let­tua­li di si­ni­stra che tut­ta­via non erano co­mu­ni­sti: e di nuo­vo si nu­trì della le­zio­ne del­le An­na­les. Guar­dan­do ai suoi ar­ti­co­li di quel pe­rio­do, lui si ve­de co­me un equi­va­len­te bri­tan­ni­co del­le An­na­les. Lo­ro erano in­te­res­sa­ti al­le strut­tu­re, ma non ne­ces­sa­ria­men­te in un sen­so mar­xi­sta».

Dun­que non fu pro­prio un mar­xi­sta or­to­dos­so.

«All’in­zio le sue in­fluen­ze erano in­dub­bia­men­te Marx e Le­nin: ma nei suoi li­bri que­st’in­fluen­za di­ven­ta pro­gres­si­va­men­te di­lui­ta. In Le ri­vo­lu­zio­ni bor­ghe­si del 1962 si ve­do­no an­co­ra mol­ti aspet­ti della teo­ria mar­xi­sta: lui pro­va ad esem­pio a mo­stra­re il de­cli­no del tas­so di pro­fit­to, una clas­si­ca teo­ria mar­xia­na che in se­gui­to si è ri­ve­la­ta in­fon­da­ta. E la sua di­sa­mi­na del­le ari­sto­cra­zie ope­ra­ie è clas­si­ca­men­te le­ni­ni­sta: ma poi ha ri­vi­sto questa po­si­zio­ne, per­ché non è ve­ro che gli stra­ti più po­ve­ri della clas­se ope­ra­ia sia­no an­che i più ri­vo­lu­zio­na­ri».

Un mar­xi­sta re­vi­sio­ni­sta, al­la fi­ne.

«Sì, e tra l’al­tro Eric ave­va let­to An­to­nio Gram­sci in ita­lia­no ed era sta­to pe­san­te­men­te in­fluen­za­to dalle sue idee».

Tut­ta­via non mi­se mai in que­stio­ne po­li­ti­ca­men­te il cre­do co­mu­ni­sta: ed è qual­co­sa che i suoi cri­ti­ci gli han­no sem­pre rim­pro­ve­ra­to.

«Da tee­na­ger leg­ge­va i clas­si­ci mar­xi­sti: a quell’epo­ca, ne­gli an­ni Tren­ta, vi­ve­va a Ber­li­no e tro­vò nel mo­vi­men­to co­mu­ni­sta un sen­so di ap­par­te­nen­za. Erano gli an­ni dell’asce­sa di Hi­tler, men­tre lui era in­gle­se, una lin­gua che par­la­va in ca­sa, ed era ebreo: l’uni­ca al­ter­na­ti­va che ve­de­va era il co­mu­ni­smo. Du­ran­te quel­la ter­ri­bi­le de­pres­sio­ne eco­no­mi­ca, con la vio­len­za nelle stra­de, vi­de il co­mu­ni­smo co­me un ideale al­ter­na­ti­vo».

Fu dun­que una scel­ta esi­sten­zia­le pri­ma an­co­ra che po­li­ti­ca.

«Sì, è giu­sto: e lo scri­ve nei suoi dia­ri. Era po­ve­ro, ave­va scar­pe do­ve en­tra­va l’ac­qua e una bi­ci­clet­ta scas­sa­ta di cui si ver­go­gna­va: men­tre i co­mu­ni­sti fa­ce­va­no della po­ver­tà una vir­tù».

Si può spie­ga­re il suo at­tac­ca­men­to co­me qual­co­sa di pre-po­li­ti­co.

«Esat­to, era par­te della sua iden­ti­tà, ac­qui­si­ta quan­do le per­so­ne la ac­qui­sta­no, nell’ado­le­scen­za. Ma poi ar­ri­vò in Gran Bre­ta­gna e dal­la Ger­ma­nia, dov’era par­te di un grande mo­vi­men­to di mas­sa, si tro­vò con questa pic­co­la set­ta che era il Par­ti­to co­mu­ni­sta bri­tan­ni­co. E pen­sò: è una co­sa pa­te­ti­ca. Per cui quan­do ar­ri­vò qui aiu­ta­va i la­bu­ri­sti e fa­ce­va pro­pa­gan­da per lo­ro, non per i co­mu­ni­sti: solo a Cam­brid­ge si unì ai co­mu­ni­sti per­ché lì in­con­trò al­tri in­tel­let­tua­li co­me lui, men­tre i co­mu­ni­sti bri­tan­ni­ci erano an­ti-in­tel­let­tua­li, mol­to ope­rai­sti. E lui scri­ve nei suoi dia­ri che vo­le­va es­se­re un in­tel­let­tua­le, non un com­bat­ten­te di stra­da».

In qual­che mo­do era sem­pre sta­to un ou­tsi­der ri­spet­to al co­mu­ni­smo or­to­dos­so.

«È co­sì. E que­sto ven­ne fuo­ri par­ti­co­lar­men­te dopo il di­scor­so di Ni­ki­ta Kru­sciov al XX Con­gres­so del Pcus e l’in­va­sio­ne dell’Un­ghe­ria nel 1956. Dai rap­por­ti dei se­vi­zi se­gre­ti che lo sor­ve­glia­va­no sap­pia­mo che Eric gui­dò l’op­po­si­zio­ne nel Par­ti­to co­mu­ni­sta, chie­den­do di de­nun­cia­re i cri­mi­ni di Sta­lin e una de­mo­cra­tiz­za­zio­ne del par­ti­to. Ma la lea­der­ship re­sta­va sta­li­ni­sta».

Po­trem­mo di­re che fos­se un eu­ro­co­mu­ni­sta «an­te lit­te­ram».

«Sì, lo era già».

Ma per­ché al­lo­ra non si di­mi­se dal par­ti­to?

«Per una que­stio­ne di iden­ti­tà vi­sce­ra­le: cer­ca­va di cam­bia­re il par­ti­to dall’interno. Ave­va­no an­che con­si­de­ra­to di espel­ler­lo: in una con­ver­sa­zio­ne re­gi­stra­ta dai ser­vi­zi se­gre­ti si sen­te che lui qua­si scop­pia a pian­ge­re e di­ce ai suoi com­pa­gni che non pos­so­no cac­ciar­lo. La sua ap­par­te­nen­za al co­mu­ni­smo era esi­sten­zia­le: ma non è det­to che si con­for­mas­se al­la li­nea uf­fi­cia­le del par­ti­to. Quan­do as­sie­me al­la se­con­da mo­glie Mar­le­ne Sch­warz vi­ve­va in Italia ne­gli an­ni Ses­san­ta, lui di­ven­ne ami­co di Gior­gio Na­po­li­ta­no e al­tri per­so­nag­gi af­fi­ni, eu­ro­co­mu­ni­sti che per lui an­da­va­no mol­to me­glio de­gli sta­li­ni­sti bri­tan­ni­ci».

Que­sto suo at­tac­ca­men­to al mar­xi­smo, du­ra­to tut­ta la vi­ta, in Gran Bre­ta­gna a vol­te era per­ce­pi­to co­me una stra­nez­za. Ma ades­so pro­prio nel mon­do an­glo­sas­so­ne as­si­stia­mo al sor­ge­re di quel­lo che l’«Eco­no­mi­st» ha de­fi­ni­to il «mil­len­nial so­cia­li­sm», il ri­tor­no del s oci a l i s mo f r a i gi ova­ni. Che Hob­sba­wm aves­se ra­gio­ne?

«Lui ver­so la fi­ne della sua vi­ta pub­bli­cò sag­gi sul co­mu­ni­smo e sul mar­xi­smo: e pen­sa­va che la cri­si fi­nan­zia­ria del 2008 aves­se ven­di­ca­to il mar­xi­smo. Pe­rò non so quan­to i gio­va­ni che in­gros­sa­no le fi­le del La­bour og­gi sia­no mar­xi­sti».

Ma ab­bia­mo vi­sto che an­che lui era un mar­xi­sta ec­cen­tri­co: for­se og­gi sa­reb­be di ispi­ra­zio­ne a quei gio­va­ni.

«Cer­to, e lo è già sta­to al­la fi­ne della sua vi­ta. Le po­li­ti­che del La­bour di Je­re­my Cor­byn de­vo­no mol­to più al­la tra­di­zio­ne so­cia­li­sta di quan­to non fos­se ai tem­pi di To­ny Blair. Non solo co­me sto­ri­co, ma an­che po­li­ti­ca­men­te Hob­sba­wm è sta­to pre­veg­gen­te. Ed è straordina­rio che i suoi li­bri sia­no co­sì let­ti e ri­pub­bli­ca­ti».

Che co­sa avreb­be det­to della Gran Bre­ta­gna di og­gi?

«Avreb­be odia­to la Brexit: per­ché ha cri­ti­ca­to per tut­ta la vi­ta il na­zio­na­li­smo e quel che c’è die­tro».

Ma­ga­ri avreb­be fat­to cam­pa­gna.

«Sa­reb­be an­da­to al­le mar­ce con­tro la Brexit. Ma sa­reb­be sta­to an­che pre­oc­cu­pa­to dall’an­ti­se­mi­ti­smo che af­fio­ra in cer­te par­ti della si­ni­stra. Il na­zio­na­li­smo era il suo cruc­cio, è sem­pre sta­to al­ler­gi­co a es­so. Era un in­ter­na­zio­na­li­sta na­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.