Tra me e me ci so­no io, e scri­vo

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Poesia - Di RO­BER­TO GALAVERNI

Um­ber­to Fio­ri tor­na con un nuo­vo te­sto dopo 10 an­ni: si in­ti­to­la «Il Co­no­scen­te» ed è un po’ un’au­to­bio­gra­fia un po’ un dia­lo­go ser­ra­to con un al­tro sé stes­so. Il tut­to in 300 pa­gi­ne

Erano die­ci an­ni che Um­ber­to Fio­ri non usci­va con un nuo­vo li­bro di poe­sie. Lo ha fat­to ora con un sor­pren­den­te rac­con­to in ver­si, che do­vrà per for­za rap­pre­sen­ta­re uno spar­tiac­que im­por­tan­te nella sua vi­cen­da di poe­ta. Con le sue qua­si 300 pa­gi­ne di te­sti, Il

Co­no­scen­te (Mar­cos y Mar­cos) rap­pre­sen­ta in­fat­ti il pri­mo grande scos­so­ne all’interno di un si­ste­ma poe­ti­co fi­no a questa al­tez­za piut­to­sto co­stan­te: la scel­ta di un lin­guag­gio e di si­tua­zio­ni co­mu­ni e con­di­vi­si­bi­li, uno sti­le chia­ro, sem­pli­ce, as­so­lu­ta­men­te non ci­fra­to, la ri­cer­ca del luo­go ap­pun­to co­mu­ne — espres­si­vo, te­ma­ti­co, con­cet­tua­le, to­po­gra­fi­co (la me­tro­po­li, i par­chi, gli in­cro­ci, i se­ma­fo­ri, i giar­di­ni, la stra­de, le ca­se, i can­tie­ri) — in­te­so co­me il ve­ro pun­to d’in­con­tro pos­si­bi­le tra io e noi, tra in­di­vi­duo e so­cie­tà, a pat­to pe­rò di ri­scat­tar­lo, co­me ri­tro­van­do la sua cor­ren­te sot­ter­ra­nea più vi­va, dal­la su­per­fi­cia­li­tà, dal­la ba­na­li­tà, da­gli ste­reo­ti­pi non solo ideo­lo­gi­ca­men­te ma an­tro­po­lo­gi­ca­men­te più sca­den­ti, o sca­du­ti, che lo ri­co­pro­no. Una poesia, in­som­ma, a for­te vo­ca­zio­ne so­cia­le, co­mu­ni­ta­ria, e per que­sto an­che eti­ca­men- te, per­fi­no di­da­sca­li­ca­men­te orien­ta­ta.

Tut­ti que­sti aspet­ti tor­na­no an­che nel nuo­vo poe­ma, se è le­ci­to chia­mar­lo co­sì, al cui interno tut­ta­via co­sti­tui­sco­no non solo o tan­to il mo­do della scrit­tu­ra, ma il suo stes­so ar­go­men­to. In so­stan­za, la vi­cen­da rap­pre­sen­ta­ta ne Il Co­no­scen­te met­te a te­ma la con­si­sten­za e la le­git­ti­mi­tà della poesia di Fio­ri, e in­sie­me la plau­si­bi­li­tà della sua stes­sa iden­ti­tà di poe­ta e di uo­mo. La sua mol­to di­scre­ta vo­ce li­ri­ca di­ven­ta qui la vo­ce di un per­so­nag­gio in car­ne e os­sa, che di­bat­te, s’in­di­gna, im­pre­ca, al­ter­ca, si di­fen­de. Sì, Um­ber­to Fio­ri, co­me vie­ne ri­pe­tu­to più e più vol­te (non dal pro­ta­go­ni­sta stes­so, pe­rò), per­fi­no con una sor­ta di eco­la­lia, di va­neg- gia­men­to del no­me, che di­ven­ta al­lo­ra tutt’uno col so­spet­to sul­la te­nu­ta ef­fet­ti­va della sua pre­sun­ta iden­ti­tà in­di­vi­dua­le. Di con­se­guen­za, l’in­da­gi­ne del rac­con­to, ch’è an­che e so­prat­tut­to un esame di co­scien­za, scor­re su due pia­ni che con­ti­nua­men­te s’in­trec­cia­no e so­vrap­pon­go­no, uno sto­ri­co-esi­sten­zia­le e uno ar­ti­sti­co e poe­ti­co, a cui si do­vreb­be ag­giun­ger­ne un ter­zo più pro­pria­men­te me­ta­fi­si­co, che ri­guar­da l’ap­pa­ren­za o il fon­da­men­to della stes­sa real­tà. «Comincia il viag­gio/ che do­vreb­be por­tar­ci fi­nal­men­te/ die­tro le co­se». Tut­to, in ogni ca­so, vie­ne po­sto in que­stio­ne al­la ra­di­ce.

L’oc­ca­sio­ne nar­ra­ti­va che dà il via a questa di­sce­sa ver­so le ori­gi­ni — della per­so­na­li­tà, del sen­so di sé, del­le pro­prie scel­te, della scrit­tu­ra poe­ti­ca — è l’in­con­tro con un am­bi­guo e piut­to­sto vi­sci­do per­so­nag­gio, una spe­cie di spia o di pe­ren­ne in­fil­tra­to, il Co­no­scen­te, ap­pun­to, che con­di­vi­de col pro­ta­go­ni­sta e vo­ce nar­ran­te (tan­ti so­no pe­rò i dia­lo­ghi e le vo­ci di­ver­se) un «pas­sa­to di mi­li­tan­za po­li­ti­ca nella si­ni­stra ex­tra­par­la­men­ta­re», co­me vie­ne chia­ri­to nella no­ta po­sta in cal­ce al vo­lu­me. Da qui si ri­ca­va an­che che il rac­con­to in ver­si è am­bien­ta­to ne­gli an­ni Ot­tan­ta del No­ve­cen­to — di con­se­guen­za la città a cui si fa ri­fe­ri­men­to è pro­ba­bil­men­te la co­sid­det­ta Milano da be­re — e che è sta­to ab­boz­za­to nel de­cen­nio suc­ces­si­vo e con­clu­so nel 2013. In ogni ca­so, at­tra­ver­so un lin­guag­gio sem­pre al­me­no un po­co osce­no, per­ché pri­vo di pu­do­re, im­ba­raz­zi, cor­te­sia, quell’au­ten­ti­co deu­te­ra­go­ni­sta che è il Co­no­scen­te fi­ni­sce pre­sto per met­te­re al­le stret­te l’au­to­re, o il per­so­nag­gio omo­ni­mo che lo rap­pre­sen­ta, en­tran­do­gli den­tro co­me una ma­lat­tia e co­strin­gen­do­lo a giu­sti­fi­car­si: il bi­lan­cio ge­ne­ra­zio­na­le della sta­gio­ne dell’im­pe­gno, le suc­ces­si­ve de­ci­sio­ni pro­fes­sio­na­li, i rap­por­ti con gli al­tri, la vi­sio­ne del mon­do, la scel­ta della poesia, esa­mi­na­ta questa an­che ne­gli aspet­ti più con­cre­ti e par­ti­co­la­ri: le op­zio­ni lin­gui­sti­che ed espres­si­ve, la poe­ti­ca, i te­mi, gli in­ten­di­men­ti.

Ne Il Co­no­scen­te Fio­ri rac­con­ta co­sì l’ori­gi­ne della pro­pria poesia. An­che per que­sto il ve­ro enig­ma, for­se ad­di­rit­tu­ra il pri­mo ne­mi­co, è pro­prio lui, il poe­ta. «E poi/ il pro­ble­ma non era il Co­no­scen­te:/ ero io, era il Co­no­sciu­to». Co­sì an­che Fio­ri, che co­mun­que tut­to fa tran­ne ri­spar­miar­si o chia­mar­se­ne fuo­ri, si con­ce­de qui le sue ti­ra­te espli­ca­ti­ve o di­fen­si­ve, di­dat­ti­che, fi­nen­do del tut­to con­sa­pe­vol­men­te non solo per fa­re il can­to (e la mac­chiet­ta) di sé stes­so, ma an­che per scri­ve­re tra quel­li dei me­no con­vin­ti an­zi­tut­to il suo no­me.

L’im­pres­sio­ne — e qui sta for­se la rea­zio­ne fon­da­men­ta­le che ani­ma e, al­la let­te­ra, reg­ge que­sto lun­go rac­con­to in ver­si — è che il Co­no­scen­te non sia sem­pli­ce­men­te di­ver­so dall’au­to­re, ma che, co­me uno spec­chio ro­ve­scia­to, rap­pre­sen­ti qual­co­sa di so­stan­zia­le di lui, una par­te di sé la cui esi­sten­za rende for­se ra­gio­ne del poe­ta che co­no­scia­mo. Da un cer­ta al­tez­za, questa storia di­ven­ta mi­ste­rio­sa, sfug­gen­te. Chis­sà, for­se Fio­ri ha sol­tan­to so­gna­to il Co­no­scen­te; o for­se in­ve­ce è ve­ro il con­tra­rio: è sta­to il Co­no­scen­te a so­gna­re, e lui, il poe­ta, è sol­tan­to quel so­gno. Co­sì, a que­sto pun­to non re­sta che chie­der­si chi sa­rà dei due a scri­ve­re per Um­ber­to Fio­ri ne­gli an­ni che ver­ran­no.

UM­BER­TO FIO­RI Il Co­no­scen­te MAR­COS Y MAR­COS Pa­gi­ne 317, € 20L’au­to­re Um­ber­to Fio­ri (1949) vi­ve a Milano. Ne­gli an­ni Set­tan­ta ha fat­to par­te del gruppo rock de­gli Stor­my Six e ha poi collaborat­o con il com­po­si­to­re Lu­ca Fran­ce­sco­ni. È au­to­re, tra l’al­tro, di sag­gi ( Scri­ve­re con la vo­ce. Can­zo­ne, rock e poesia, Uni­co­pli, 2003; Tut­to be­ne, pro­fes­so­re?, Da­lai, 2003; La poesia è un fi­schio. Sag­gi 1986-2006, Mar­cos y Mar­cos, 2007) e di un ro­man­zo, La vera storia di Boy Ban­tàm (Le Let­te­re, 2007). Tra i ti­to­li di poesia: Ca­se (San Marco dei Giu­sti­nia­ni, 1986), Voi (Mon­da­do­ri, 2009) e, per Mar­cos y Mar­cos, Esem­pi (1992), Chia­ri­men­ti (1995), Par­la­re al mu­ro (con Marco Pe­trus, 1996), Tut­ti (1998), La bel­la vi­sta (2002). Del 2014 tut­te le Poe­sie (1986-2014) con in­tro­du­zio­ne di An­drea Afri­bo (Oscar Mon­da­do­ri) L’ap­pun­ta­men­to L’au­to­re pre­sen­ta il vo­lu­me a Milano mer­co­le­dì 27 mar­zo al­le ore 18.30 in dia­lo­go con Fa­bio Pu­ster­la e Paolo Gio­van­net­ti (La­bo­ra­to­rio For­men­ti­ni per l’edi­to­ria di via Marco For­men­ti­ni 10, in col­la­bo­ra­zio­ne con Spa­zio Poesia e La­bo­ra­to­rio For­men­ti­ni per l’edi­to­ria)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.