Una ta­glio­la nel tea­tro del­la pro­vin­cia

Pier­gior­gio Vi­ti ha to­ni che ri­man­da­no a Ma­ri­no Mo­ret­ti e ad al­tri cre­pu­sco­la­ri

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Poesia - Di DA­NIE­LE PIC­CI­NI

La poe­sia di Pier­gior­gio Vi­ti si spa­lan­ca su un’in­ter­mi­na­bi­le pro­vin­cia ita­lia­na, con le sue fac­ce, i tic, i per­so­nag­gi ti­pi­ci. A fa­re da tra­ma pro­fon­da ai te­sti so­no sce­ne del quo­ti­dia­no, quel­lo più co­mu­ne e usua­le, per­ché Vi­ti ha la con­vin­zio­ne che la poe­sia sia lì, in ogni luo­go, in ag­gua­to. Sì, la poe­sia per que­sto au­to­re mar­chi­gia­no è una spe­cie di ta­glio­la, pron­ta a scat­ta­re, a ri­chiu­der­si, a «fa­re ma­le».

Si leg­ga que­sta sua ter­za rac­col­ta, Aper­to per in­ven­ta­rio (peQuod), che esce a di­stan­za di qual­che an­no da Se le co­se stan­no co­sì (2015). Ci si ren­de­rà

su­bi­to con­to che una mi­sce­la ra­ra e com­po­si­ta di ele­men­ti sta die­tro la scrit­tu­ra di un poe­ta che sem­bra, sì, scan­zo­na­to, ma che è in real­tà abi­ta­to dal de­mo­ne del­la te­ne­rez­za. La pro­vin­cia re­mo­ta e mar­gi­na­le co­me tea­tro di par­la­te tra os­ses­si­ve e oni­ri­che ri­man­da a una cer­ta poe­sia dia­let­ta­le, co­me quel­la den­sis­si­ma e po­ten­te di Bal­di­ni, il più gran­de usci­to da quel­la tra­fi­la: lo si dis­se all’usci­ta del pre­ce­den­te li­bro di Vi­ti. Ma in Bal­di­ni c’è la ma­tas­sa del par­la­to, il fi­lo di un di­scor­so sen­za cen­tro, il sen­so del pa­ra­dos­so, del bri­vi­do metafisico. Vi­ti in­ve­ce col­ti­va un sen­ti­men­to più mi­te e re­mis­si­vo del­le co­se nei suoi per­so­nag­gi (e in sé stes­so), ra­sen­tan­do a vol­te una qua­si com­pia­ciu­ta ve­na cre­pu­sco­la­re.

In­fat­ti c’è an­che il cre­pu­sco­la­ri­smo, nel­la pro­vin­cia di Vi­ti: quel­lo di un Ma­ri­no Mo­ret­ti, per di­re, sen­za tut­ta­via che man­chi l’esem­pio più com­ples­so e sfug­gen­te di un Gui­do Gozzano o l’in­can­to di un poe­ta dif­fi­ci­le da de­fi­ni­re co­me Cor­ra­do Go­vo­ni. Ve­sti­re tut­te le ma­sche­re e in­sie­me es­se­re sen­za scam­po sé stes­si: que­sto cer­ca il poe­ta-Vi­ti, quan­do met­te in sce­na i per­so­nag­gi che os­ser­va, i più sem­pli­ci e di­sar­ma­ti, e quan­do in­ve­ce col­lo­ca al cen­tro del­la pa­gi­na il suo sé, sbu­can­do co­me uno tra gli al­tri dal fol­to di una gal­le­ria di fi­gu­re mi­no­ri, la­te­ra­li, ep­pu­re pro­fon­da­men­te uma­ne. Ed ec­co che pro­prio quan­do si può pen­sa­re che la poe­sia di Vi­ti sia una poe­sia «fa­ci­le», da pa­ro­lie­re, al­lo­ra il suo gu­sto per l’elen­co e per il guiz­zo iro­ni­co si inar­ca al ri­chia­mo di una com­mo­zio­ne, di una com­pas­sio­ne sem­pli­ce co­me le sue crea­tu­re.

Pro­prio per­ciò que­sta poe­sia «fa ma­le», co­me una ra­so­ia­ta, e in­sie­me ar­ri­va co­me un do­no inat­te­so, un at­to di con­di­vi­sio­ne, a chi la leg­ge. Si ab­bia la pazienza di sco­pri­re ver­so la fi­ne del li­bro la se­zio­ne de­di­ca­ta al­la ma­dre, cui ap­par­tie­ne il te­sto da cui ora si ci­ta: «E nel­lo stan­zo­ne/ ci sia­mo pu­re noi,/ pa­ren­ti fa­mi­lia­ri/ im­pi­gri­ti dall’afa./ Aspet­tia­mo con lo­ro che la fle­bo fi­ni­sca/ e im­ma­gi­nia­mo pra­ti spiag­ge cie­li stel­la­ti,/ do­ve nien­te e nes­su­no ha un’età,/ do­ve ogni co­sa du­ra per sem­pre/ e tut­ti si dan­no del “tu” su­bi­to,/ sia­mo in­som­ma an­co­ra più fra­tel­li/ che qua­si ci ab­brac­cia­mo/ sen­za sa­per­lo». Al­lo­ra si com­pren­de­rà che que­sta poe­sia è ve­ra, an­che se a mo­men­ti può sem­bra­re naïf. E si ca­pi­rà che un so­gno di fra­tel­lan­za la tra­ver­sa. Ra­so­ter­ra, umi­le, sen­za pre­te­se, il so­gno di un be­ne co­mu­ne la fa lie­vi­ta­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.