An­ni Set­tan­ta: non ero io, era­va­mo noi

Ro­mo­lo Bu­ga­ro osa un viag­gio nel pas­sa­to, sen­za po­li­ti­ca e sen­za ideo­lo­gie

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Narrativa Italiana - Di DEMETRIO PAOLIN

In Non c’è sta­ta nes­su­na battaglia (Mar­si­lio) Ro­mo­lo Bu­ga­ro ri­ma­ne fe­de­le all’idea espres­sa nel ti­to­lo. Il ro­man­zo, in­fat­ti, rac­con­ta le vi­cen­de de­gli an­ni Set­tan­ta di al­cu­ni ra­gaz­zi del­la bor­ghe­sia pa­do­va­na fug­gen­do, pe­rò, dal luo­go co­mu­ne de­gli an­ni di piom­bo co­me vio­len­za, rab­bia e ge­sti po­li­ti­ci. L’au­to­re se­gue le vi­cen­de di gio­va­ni dai so­pran­no­mi im­pro­ba­bi­li Nick the Be­st One, Gmt, Tod al­le pre­se con la fi­ne dell’ado­le­scen­za e l’in­gres­so nell’età adul­ta, con i lo­ro pri­mi amo­ri, i tra­di­men­ti, l’idea che ogni co­sa du­re­rà per sem­pre e con la pau­ra che que­sto

per sem­pre sia in real­tà una fra­gi­le scu­sa; con­vin­ti che var­ca­ta la li­nea d’om­bra del cre­sce­re ognu­no di lo­ro si per­de­rà e la sta­gio­ne per­fet­ta do­ve ogni co­sa era in equi­li­bro fi­ni­rà per sem­pre.

Bu­ga­ro sce­glie una via pri­va­ta al rac­con­to dei Set­tan­ta; non si il­lu­de di rac­con­ta­re la me­glio gio­ven­tù, al­la Marco Tul­lio Gior­da­na e al­la stre­gua di mol­ti ro­man­zi su quel pe­rio­do, ma pun­ta la sua at­ten­zio­ne sem­pli­ce­men­te sul­la gio­ven­tù, sen­za ag­get­ti­var­la, sen­za in­se­rir­la in un di­scor­so po­li­ti­co o ideo­lo­gi­co e la mo­stra sem­pli­ce­men­te.

Dal pun­to di vi­sta lin­gui­sti­co mi pa­re in­te­res­san­te una dop­pia scel­ta che com­pie l’au­to­re a li­vel­lo di «chi rac­con­ta» la sto­ria: il ro­man­zo è co­strui­to co­me un fit­to mo­sai­co di io che pren­do­no la pa­ro­la e rac­con­ta­no una par­te del­le vi­cen­de, ma in que­sta strut­tu­ra co­ra­le Bu­ga­ro in­se­ri­sce ca­pi­to­li in cui il ro­man­zo pas­sa dal­la pri­ma per­so­na sin­go­la­re al­la pri­ma per­so­na plu­ra­le. Il nar­ra­to­re, in­som­ma, non è più un io ma un noi. Que­sto pas­sag­gio è san­ci­to an­che da un al­tro espe­dien­te ov­ve­ro l’elen­co di mer­ci, luo­ghi, mar­che, vie, per­so­ne, co­gno­mi di fa­mi­glie im­por­tan­ti e me­stie­ri. En­tram­be que­ste scel­te sti­li­sti­che e re­to­ri­che fan­no sì che il ro­man­zo si con­fi­gu­ri co­me una sor­ta di mo­vi­men­to uni­co, in cui ogni sto­ria sem­bri ri­spec­chiar­si nel­le al­tre, co­me una sor­ta di de­sti­no co­mu­ne che ine­lut­ta­bi­le con­se­gna tut­ti, qua­le che sia la clas­se so­cia­le di ap­par­te­nen­za, l’ideo­lo­gia po­li­ti­ca, la car­rie­ra e la fa­mi­glia, al­la me­de­si­ma fi­ne.

Non c’è sta­ta nes­su­na battaglia è an­che un ro­man­zo in­tri­so di no­stal­gia, an­che se Bu­ga­ro non co­strui­sce le sue pa­gi­ne su rim­pian­to del «co­me era­va­mo» o sul «quan­to è sta­to bel­lo es­se­re gio­va­ni». La no­stal­gia di Bu­ga­ro ha più la par­ven­za di un lu­co­re sul­le co­se del tem­po

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.