L’iso­li­tu­di­ne ov­ve­ro la so­li­tu­di­ne del san­gue sar­do

Ra­di­ci Una sto­ria dai mol­ti ri­svol­ti au­to­bio­gra­fi­ci di Fla­vio So­ri­ga, che ri­tor­na ai mon­di dell’in­fan­zia

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Narrativa Italiana - di ORAZIO LABBATE

Già dal ti­to­lo, ru­vi­do e di­ret­to,

Nel­le mie ve­ne (pub­bli­ca­to da Bom­pia­ni), il nuo­vo ro­man­zo di Fla­vio So­ri­ga si im­po­ne con il pi­glio di una sin­ce­ra, com­mo­ven­te e ar­rab­bia­ta con­fes­sio­ne di vi­ta, il rac­con­to di tra­ge­die ne­ces­sa­rie e del­la dif­fi­ci­le ri­cer­ca del­la pro­pria iden­ti­tà. Una sor­ta di in­no in­ces­san­te: pu­ro, im­pla­ca­bi­le. È un li­bro che sa rap­pre­sen­ta­re que­gli iso­la­ni strap­pa­ti con for­za — per ne­ces­si­tà di la­vo­ro e per spi­ri­tua­le bi­so­gno di fu­ga dal­le in­com­pren­sio­ni fa­mi­glia­ri — dal­la lo­ro ma­te­ria­le e me­ta­fi­si­ca «iso­li­tu­di­ne» che tut­ta­via ri­sul­ta im­pos­si­bi­le da su­pe­ra­re dav­ve­ro e di­men­ti­ca­re. E il tem­po non gua­ri­sce, sem­mai acui­sce l’in­ten­si­tà fe­ro­ce del­le me­mo­rie.

Il pro­ta­go­ni­sta del vo­lu­me è il gra­ci­le Au­re­lio Cos­su, il qua­le si por­ta ap­pres­so il dif­fi­ci­le far­del­lo del­la ta­las­se­mia. Ha pe­rò una men­te e una sen­si­bi­li­tà cu­rio­se e ro­bu­ste, gran­di, si po­treb­be di­re, co­me quel­le di una spe­cie di gi­gan­te in­na­mo­ra­to del­la let­te­ra­tu­ra e dei va­lo­ri con­ser­va­ti in que­st’ul­ti­ma. «Io un po’ mi inor­go­gli­vo di es­se­re co­sì di­ver­so, quel­lo che non fa­ce­va mai pian­ge­re sua ma­dre, e un po’ mi chie­de­vo se dav­ve­ro mia ma­dre fos­se fe­li­ce di un fi­glio co­me me: sem­pre di­stan­te, om­bro­so, mai di com­pa­gnia».

Scrit­to­re qua­ran­ta­cin­quen­ne che la­vo­ra all’in­ter­no di un pro­gram­ma tv de­di­ca­to ai li­bri, cre­sciu­to nel pic­co­lo pae­se sar­do di Uta, Cos­su cu­sto­di­sce gli even­ti dell’in­fan­zia e dell’ado­le­scen­za — lui lon­ta­nis­si­mo dal­la spa­val­de­ria in­de­fes­sa dell’iso­la­no — fi­no a quel­li del­la fu­ga, com­piu­ta in età più ma­tu­ra, da Ca­glia­ri, cit­tà in cui muo­ve i pri­mi pas­si nel gior­na­li­smo ra­dio­fo­ni­co.

Pae­si­no, il suo, di­men­ti­ca­to da Dio e mon­do a sé. Cus­su nu­tre ri­cor­di pie­ni di no­stal­gia, co­sti­tui­ti so­prat­tut­to di quel­le pic­co­le sbruf­fo­ne­rie e sof­fe­ren­ze con­di­vi­se con i pa­ren­ti, in par­ti­co­lar mo­do con il cu­gi­no-mo­del­lo ma an­che an­ti­e­roe, una spe­cie di Ru­sty il Sel­vag­gio sar­do che di­vi­de con lui la stes­sa ma­lat­tia: «Splen­de­va di vi­ta, di ener­gia, di vo­glia di co­no­sce­re, far ca­si­no, fon­da­re im­pe­ri di una not­te e di­strug­ge­re ogni regola. Can­ta­va Kurt Co­bain co­me aves­se scrit­to lui ogni sin­go­la stro­fa, ti­ra­va fuo­ri una chi­tar­ra dal nul­la e sem­bra­va non po­tes­se far al­tro che suo­na­re e can­ta­re e sor­ri­de­re al­la più bel­la del grup­po, un grup­po che un at­ti­mo pri­ma non esi­ste­va, che so­lo per lui si era crea­to e che mai più do­po il suo pas­sag­gio si sa­reb­be ri­for­ma­to iden­ti­co».

Il ro­man­zo è fon­da­to sull’al­ta­le­na tem­po­ra­le di pre­sen­te e di pas­sa­to, di ri­cor­di com­ples­si. Si­gni­fi­ca­ti­vi, in­fat­ti, gli in­con­tri di Cos­su: col pa­dri­no, un don­gio­van­ni-le­sto­fan­te di no­me Efi­sio; con Pe­tru, sor­ta di ri­vo­lu­zio­na­rio del­la Cor­si­ca (che ri­cor­da la po­ten­za di un per­so­nag­gio da go­ti­co ame­ri­ca­no), con i suoi com­pa­gni di sven­tu­re dell’He­ming­way Ca­fè.

At­tra­ver­so istan­ta­nee as­sai tre­pi­dan­ti — pa­gi­ne rac­col­te se­con­do l’ordine di tre gran­di par­ti ove si muo­ve e si è mos­so il pro­ta­go­ni­sta: «Mi­la­no», «Il no­stro po­po­lo» e «Ro­ma» — si sro­to­la il rac­con­to di Cos­su, vi­cen­da qua­si di for­ma­zio­ne, e non si av­ver­te lo stac­co dei fla­sh back col­lo­ca­ti sull’iso­la gra­zie a una lin­gua spon­ta­nea, ef­fi­ca­ce, con­ge­nia­le al­la no­stal­gia che per­va­de tut­ta la so­stan­za del li­bro. Lo sti­le di So­ri­ga sta­bi­li­sce, nel­la scar­ni­fi­ca­zio­ne del suo pro­ce­de­re elet­tri­co, in­ter­val­la­to dal­lo spa­ru­to fuo­co del­la lin­gua sar­da, la cor­ret­ta for­za let­te­ra­ria. “E for­se in ef­fet­ti quan­do non si è più ra­gaz­zi suc­ce­de que­sta co­sa: che i ri­cor­di che ri­man­go­no nel­la me­mo­ria pia­no pia­no di­ven­ta­no non quel­li dei mo­men­ti più bel­li e dol­ci che si è vis­su­ti, ma dei peg­gio­ri, o qual­co­sa di si­mi­le, e per que­sto an­che è brut­to in­vec­chia­re, gran­de scia­gu­ra è di­ven­ta­re vec­chi, e ac­cu­mu­la­re tri­sti ri­cor­di, gran­de scia­gu­ra, ag­git­to­riu ».

È per mez­zo di ta­le scel­ta lin­gui­sti­ca che i ca­pi­to­li fi­na­li dan­no im­por­tan­za agli in­con­tri vis­su­ti dal pro­ta­go­ni­sta, per­ché dall’«iso­li­tu­di­ne» e dai suoi sen­ti­men­ti non ci si può li­be­ra­re sen­za ri­ve­de­re le fi­gu­re che l’han­no via via com­po­sta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.