El­sa Mo­ran­te è all’ae­ro­por­to Og­gi La Sto­ria sia­mo noi

Corriere della Sera - La Lettura - - Maschere - Di MAU­RI­ZIO PORRO

Fau­sto Ca­bra ri­scri­ve in chia­ve dram­ma­tur­gi­ca il ca­po­la­vo­ro del­la scrit­tri­ce. Tre at­to­ri che si di­vi­do­no fra più per­so­nag­gi: «Un al­le­sti­men­to non rea­li­sti­co ma men­ta­le». Tut­to par­te da una don­na di og­gi che leg­ge in at­te­sa di un vo­lo: «È li­be­ra, ha a di­spo­si­zio­ne il mon­do. L’op­po­sto del­la pro­ta­go­ni­sta del li­bro»

La Sto­ria di El­sa Mo­ran­te, uno dei ro­man­zi ita­lia­ni dav­ve­ro na­zio­nal po­po­la­ri, edi­to da Ei­nau­di nel 1974 (per vo­le­re dell’au­tri­ce su­bi­to in eco­no­mi­ca), si tra­sfor­ma, do­po il film tv di Co­men­ci­ni con la Car­di­na­le nel 1987, in uno spet­ta­co­lo tea­tra­le che rac­co­glie gli or­ro­ri del­la guer­ra in tre at­to­ri e una doz­zi­na di per­so­nag­gi. Il li­bro del­la Mo­ran­te, mor­ta nel 1985 a 73 an­ni, ex mo­glie di Mo­ra­via e pri­ma scrit­tri­ce a vin­ce­re il Pre­mio Stre­ga con L’iso­la di Ar­tu­ro, è sta­to ac­col­to da un suc­ces­so ve­ro, sen­ti­to e pro­fon­do: og­gi è co­me un pi­la­stro del neo­rea­li­smo che ri­sve­glia un toc­co di uma­ni­tà, co­me — al ci­ne­ma — han­no fat­to Sciu­scià, Pai­sà, Ger­ma­nia an­no ze­ro. È il rac­con­to del­le fe­ri­te non tut­te ci­ca­triz­za­te dell’Ita­lia usci­ta dal­la guer­ra: Ida con i suoi due fi­gli Ni­no e Usep­pe so­no i do­lo­ri e le spe­ran­ze di tut­ti.

«Noi ci pro­via­mo — di­ce a “la Let­tu­ra” Fau­sto Ca­bra, idea­to­re e re­gi­sta — sen­za l’am­bi­zio­ne di so­sti­tuir­ci al li­bro ma an­zi spin­gen­do a tor­na­re a lui, por­tan­do in sce­na l’espe­rien­za di una don­na che leg­ge il ro­man­zo in ae­ro­por­to e ha due fi­gli co­me la pro­ta­go­ni­sta. Ab­bia­mo re­so spa­zia­le la let­tu­ra, in un “non luo­go”, con li­ber­tà di coe­si­sten­za di pia­ni e pun­ti di vi­sta». Quel­la Sto­ria si tra­sfe­ri­sce in pal­co­sce­ni­co, di­mo­stran­do che ci­ne­ma e tea­tro si scam­bia­no idee, te­sti, se­du­zio­ni e spes­so at­tin­go­no all’im­ma­gi­na­rio let­te­ra­rio o ci­ne­ma­to­gra­fi­co tra­sfe

ren­do­lo in nuo­ve im­ma­gi­ni, dia­lo­ghi, sguar­di. Cer­to Ron­co­ni («gli de­vo mol­to, so­no sta­to suo at­to­re») è sta­to un pre­cur­so­re nel tra­spor­re Gad­da e poi Hen­ry Ja­mes, Na­bo­kov, an­che se Vi­scon­ti l’ave­va pre­ce­du­to ne­gli an­ni Cin­quan­ta con Do­stoe­v­skij, men­tre a ot­to­bre An­to­nio La­tel­la met­te­rà in sce­na in due se­ra­te La val­le dell’Eden, è in sce­na a Mi­la­no di­ret­to da Ren­zo Mar­ti­nel­li un mo­no­lo­go ispi­ra­to a Lo stra­nie­ro di Ca­mus, Ci­ril­lo sta la­vo­ran­do a Or­go­glio e pre­giu­di­zio di Au­sten. Ec­ce­te­ra.

Ma que­sta pro­du­zio­ne del Cen­tro Tea­tra­le bre­scia­no non è so­lo una ri­du­zio­ne, vuo­le tea­tra­liz­za­re i vo­li del­la men­te di una let­tri­ce: «Pri­mi pia­ni, cam­pi lun­ghi, pa­no­ra­mi­che, sog­get­ti­ve, mo­men­ti di par­te­ci­pa­zio­ne, al­tri di di­stac­co e tut­ta l’agi­li­tà sce­no­gra­fi­ca dell’im­ma­gi­na­zio­ne». La Sto­ria, in sce­na dal 22 mag­gio al 4 giu­gno al tea­tro Mez­za­dri San­ta Chia­ra di Bre­scia con Fran­ca Pe­no­ne, Al­ber­to Ono­friet­ti e Fran­ce­sco Sfer­raz­za Pa­pa, ri­ven­di­ca un va­lo­re po­li­ti­co nel con­net­ter­si em­pa­ti­ca­men­te con la tra­ge­dia del­la Sto­ria ma­iu­sco­la: «Cer­chia­mo di fa­re espe­rien­za dell’al­tro da sé, il tea­tro è la pa­le­stra dell’em­pa­tia e que­sto ci man­ca og­gi, il no­stro scan­da­lo».

Lo spet­ta­co­lo na­sce su un’emo­zio­ne for­te di Fau­sto Ca­bra che ha ri­dot­to il te­sto con Mar­co Ar­chet­ti ma ha re­si­sti­to al­la ten­ta­zio­ne di re­ci­tar­lo. «Ho let­to il li­bro a 18 an­ni su con­si­glio di mio pa­dre, co­glien­do­ne so­prat­tut­to il la­to oscu­ro, ne­ga­ti­vo. Poi, pri­ma di mo­ri­re, mio pa­dre mi dis­se che gli sa­reb­be pia­ciu­to ve­der­lo a tea­tro e al­lo­ra ne ho sco­per­to il la­to po­si­ti­vo e quel­le vi­ta­li­tà che na­sce­va­no pro­prio dal­le zo­ne buie. Ri­con­net­ter­mi a que­st’espe­rien­za che è al­tro da me e dai miei col­le­ghi, mi pa­re un at­to po­li­ti­co per te­ne­re al­le­na­to l’or­ga­no dell’em­pa­tia e non ri­fa­re gli stes­si er­ro­ri nel­la no­stra de­mo­cra­zia, più rap­pre­sen­ta­ta che rap­pre­sen­ta­ti­va».

Dun­que Ca­bra e i suoi at­to­ri si met­to­no in ascol­to in­sie­me agli spet­ta­to­ri, se­guen­do la fan­ta­sia di una don­na che si iden­ti­fi­ca con Ida, ed è rag­giun­ta dai due fi­gli e ha una sua pri­va­cy: ci inol­tria­mo nell’uma­nis­si­ma ma­te­ria dell’ope­ra di­vi­sa in due par­ti ma in un’uni­ca se­ra­ta, il tem­po di guer­ra e il tem­po di pa­ce. «Vo­glia­mo trac­cia­re — ag­giun­ge Ca­bra — le coor­di­na­te di un’ope­ra che ri­ve­la una for­za mo­tri­ce e di­strut­tri­ce, co­rag­gio­sa nel ce­le­bra­re la vi­ta quan­do rac­con­ta la mor­te e la mor­te quan­do rac­con­ta la vi­ta». Chia­ro che non si po­te­va in­sce­na­re tut­ta la ma­te­ria di un ro­man­zo lun­go e com­ples­so, co­sì ogni per­so­nag­gio vi­ve nel pri­sma me­dia­to dal­le mol­te­pli­ci im­ma­gi­na­zio­ni: la don­na che leg­ge, Ca­bra che scri­ve, lo spet­ta­to­re che guar­da o ri­cor­da. «Co­me ab­bia­mo fat­to? Ci so­no va­ri pia­ni. La gran­de Sto­ria è una mac­chi­na ar­ti­fi­cia­le scrit­ta ma an­che su­bi­ta da­gli uo­mi­ni, che

stri­to­la la car­ne del­le mol­te sto­rie in­di­vi­dua­li. Es­sa vie­ne pe­rò ri­di­co­liz­za­ta e re­la­ti­viz­za­ta dal­la Sfe­ra Na­tu­ra­le de­gli even­ti, at­tra­ver­so pian­te, ani­ma­li, mec­ca­ni­che ce­le­sti, lo di­co da in­ge­gne­re ae­ro­spa­zia­le man­ca­to, lin­guag­gi mi­ste­ri­ci di uc­cel­li­ni, ca­ni, gat­ti, al­be­ri, ra­du­re e ci­cli so­la­ri. Nel ro­man­zo c’è la sca­to­la ci­ne­se del­la no­stra esi­sten­za e per que­sto non sa­rà ri­di­co­lo ve­de­re un at­to­re, Fran­ce­sco Sfer­raz­za Pa­pa, che sa­rà il bam­bi­no, il pic­co­lo Usep­pe den­tro tut­ti noi, e i due pa­dri, e gli ele­men­ti del­la na­tu­ra, tut­to quel­lo che c’è di pu­ro e in­no­cen­te nel mon­do. Nel­lo stes­so mo­do Fran­ca Pe­no­ne sa­rà la don­na che leg­ge e an­che Ida, vio­len­ta­ta dal sol­da­to te­de­sco e la si­gno­ra Di Se­gni, le due ma­dri, di cui so­lo la se­con­da con­fes­sa di es­se­re ebrea. Ono­friet­ti avrà la po­ten­za del­la gio­ven­tù, sa­rà Ni­no il fi­glio ma an­che Car­lo, par­ti­gia­no in­tel­let­tua­le che muo­re di over­do­se, ra­gaz­zi spe­cu­lar­men­te coe­ta­nei ma il pri­mo è istin­to e pan­cia, par­la un dia­let­to del Sud e tut­to gli sci­vo­la ad­dos­so, l’al­tro par­la un dia­let­to del Nord e tut­to lo fa ra­gio­na­re».

Al pub­bli­co il com­pi­to del tra­slo­co tra due im­ma­gi­na­zio­ni, l’ispi­ra­zio­ne di Mo­ran­te e il ri­fles­so nel­la don­na che leg­ge. «Lo so che è un az­zar­do: un al­le­sti­men­to non rea­li­sti­co ma men­ta­le, su un vuo­to che sa­rà se­pa­ra­to dal­la lu­ce, spa­zio di pro­sce­nio e spa­zio di let­tu­ra, cie­lo e ter­ra, co­me la men­te che leg­ge e che s’im­pre­gna del­le pa­gi­ne, a vol­te en­tran­do nel vor­ti­ce emo­ti­vo e al­tre so­lo da tu­ri­sta. La­vo­ro su pri­ma e ter­za per­so­na, l’al­fa­be­to tea­tra­le è sta­to pro­prio Ron­co­ni». Per­ché all’ae­ro­por­to? «Per­ché è una don­na di og­gi che viag­gia da so­la e ha a di­spo­si­zio­ne il mon­do, il mas­si­mo del­la li­ber­tà, il con­tra­rio dell’umi­lia­ta e of­fe­sa Ida du­ran­te la guer­ra ne­gli an­ni Qua­ran­ta. Po­ten­za con­tro im­po­ten­za. So­no al­cu­ne del­le con­trad­di­zio­ni in cui vi­ve il ro­man­zo di un’au­tri­ce che non di­ce co­me scio­glie­re l’enig­ma fra vio­len­za e amo­re, car­ne­fi­ce e vit­ti­ma. L’oscu­ro è mi­schia­to con­ti­nua­men­te con la lu­ce e la vi­ta è ce­le­bra­ta nel mo­men­to in cui ci si im­mer­ge nel­la sua fi­ne. C’è bi­so­gno di una com­pas­sio­ne, una commozione pri­ma­ria ge­ne­ra­ta dall’amo­re per la vi­ta per­ché il se­me dell’uma­ni­tà è pian­ta­to in noi e spe­ro pro­prio sia un fio­re, non er­bac­cia».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.