1819 I due pa­dri L’Ame­ri­ca è un’im­men­sa poe­sia

31 mag­gio L’au­to­re di «Fo­glie d’er­ba» canta gli uo­mi­ni, che so­no par­te di un crea­to do­ve con­vi­vo­no mor­te e bel­lez­za

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Walt Whit­man di EMA­NUE­LE TRE­VI

Le im­ma­gi­ni Qui so­pra: Ja­sper Johns (Au­gu­sta, Geor­gia, Usa, 1930), Th­ree Flags (1958, en­cau­sto su te­la), Whit­ney Museum of Ame­ri­can Art, New York. Nel­la pa­gi­na a fian­co: Leo Vil­la­real (Al­bu­quer­que, New Me­xi­co, 1967), Flag (led, 2008), cour­te­sy dell’ar­ti­sta For­mi­da­bi­le quell’an­no, dav­ve­ro for­mi­da­bi­le Due se­co­li fa nac­que­ro a due me­si di di­stan­za gli scrit­to­ri che più di tut­ti in­ter­pre­ta­ro­no lo spi­ri­to di una gio­va­ne na­zio­ne, gli Sta­ti Uni­ti, ne ce­le­bra­ro­no la for­za, l’ener­gia, sen­za na­scon­de­re (e sen­za na­scon­der­si) le con­trad­di­zio­ni che ma­tu­ra­va­no in una so­cie­tà sem­pre me­no acer­ba ep­pu­re an­co­ra co­sì in­tri­sa de­gli umo­ri sel­va­ti­ci del­la fron­tie­ra. Una nuo­va edi­zio­ne dei ver­si di Mel­vil­le per­met­te di (ri)sco­pri­re sia fon­ti d’ispi­ra­zio­ne co­mu­ni (nel­le pros­si­me pa­gi­ne ab­bia­mo af­fian­ca­to due te­sti de­di­ca­ti a Lin­coln) sia il pa­ral­le­li­smo tra due au­to­ri che so­no al­le ori­gi­ni del­la li­ri­ca e del­la nar­ra­ti­va mo­der­ne

Aun cri­ti­co che le chie­de­va se co­no­sces­se Walt Whit­man e co­sa ne pen­sa­va, Emi­ly Dic­kin­son, nel­la pri­ma­ve­ra del 1862, ri­spo­se che non l’ave­va let­to, ma ave­va sen­ti­to di­re (chis­sà da chi) che era «una per­so­na ver­go­gno­sa». Co­sì Ma­rio Co­ro­na, nel­la sua bel­lis­si­ma e re­cen­te edi­zio­ne di Fo­glie d’er­ba, tra­du­ce il pe­san­te ag­get­ti­vo usa­to dal­la per­fi­da Emi­ly: di­sgra­ce­ful. Oggi una si­gno­ra ben­pen­san­te po­treb­be apo­stro­fa­re in mo­do ana­lo­go Mi­chel Houel­le­becq (o ma­ga­ri Alain De­lon). Nel 1862 Whit­man ave­va 43 an­ni e si era ap­pe­na la­scia­to al­le spal­le, tra Bo­ston e Phi­la­del­phia, la ter­za edi­zio­ne del suo li­bro, quel can­zo­nie­re in­ti­to­la­to Fo­glie d’er­ba de­sti­na­to a cre­sce­re per mo­le e am­bi­zio­ni fi­no agli ul­ti­mi gior­ni del poe­ta (tan­to è ve­ro che gli stu­dio­si par­la­no dell’ul­ti­ma co­me dell’edi­zio­ne «sul let­to di mor­te»).

No­no­stan­te l’età an­co­ra re­la­ti­va­men­te gio­va­ne, era già di­ven­ta­to quell’in­cre­di­bi­le mo­nu­men­to a sé stes­so of­fer­to all’ado­ra­zio­ne pri­ma dei suoi com­pa­trio­ti e in se­gui­to del mon­do in­te­ro. Sa­rà per la so­mi­glian­za del­le fol­tis­si­me bar­be ca­nu­te, o per la na­tu­ra­le in­cli­na­zio­ne pe­da­go­gi­ca e pro­fe­ti­ca, ma un ca­ri­sma si­mi­le lo so ri­co­no­sce­re, in tut­to quel se­co­lo, so­la­men­te a Tol­stoj e (in par­te) a Vic­tor Hu­go. Ma il pa­ra­go­ne reg­ge so­lo fi­no a un cer­to pun­to: il rus­so e il fran­ce­se so­no gli au­to­ri di un’ope­ra ster­mi­na­ta, men­tre Whit­man pun­te­rà le sue

car­te su un so­lo li­bro-al­be­ro, che cre­sce nel tem­po mol­ti­pli­can­do le sue fron­de, nu­tri­to da tut­to ciò che può ri­ca­va­re dal suo­lo dell’Ame­ri­ca: me­ta­fi­si­ca e cro­na­ca quo­ti­dia­na, sen­ti­men­to del de­sti­no in­di­vi­dua­le e per­ce­zio­ne mo­der­nis­si­ma del po­te­re del­le mas­se, eroi­smo ed ero­ti­smo, ma­lin­co­nia ed en­tu­sia­smo pa­ni­co. L’uni­co li­bro che as­so­mi­glia dav­ve­ro a Fo­glie d’er­ba, per il ca­rat­te­re inau­di­to del­lo sti­le e l’am­bi­zio­ne di to­ta­li­tà che lo so­stie­ne è Mo­by- Dick, e il fat­to che Mel­vil­le e Whit­man sia­no na­ti nel 1819 e fos­se­ro qua­si con­ter­ra­nei non sem­bra pri­vo di un si­gni­fi­ca­to da me­di­ta­re.

È ben no­ta la dif­fe­ren­za dei de­sti­ni, de­gni di una nuo­va «vi­ta pa­ral­le­la» al­la Plu­tar­co: umi­lia­to e rat­tri­sta­to dall’in­suc­ces­so il ro­man­zie­re, co­stret­to a gua­da­gnar­si il (mi­se­ro) pa­ne la­vo­ran­do vent’an­ni al­la do­ga­na di New York; sem­pre più ve­ne­ra­to il poe­ta, che ac­co­glie­va i vi­si­ta­to­ri nel­la mo­de­sta e di­sor­di­na­tis­si­ma ca­set­ta di Ca­m­den, sul­la spon­da op­po­sta a Phi­la­del­phia del fiu­me De­la­ware. Ep­pu­re, qual­co­sa di più pro­fon­do sem­bra ac­co­mu­nar­li: la ten­sio­ne ver­so il fu­tu­ro, l’idea che il let­to­re ve­ra­men­te adat­to al lo­ro az­zar­do an­co­ra do­ves­se na­sce­re. Bi­so­gna ag­giun­ge­re che oggi l’edi­fi­cio di Fo­glie d’er­ba scric­chio­la mol­to più di quel­lo di Mo­by-Dick, li­bro per­fet­to in ogni mi­ni­mo det­ta­glio se mai ce ne fu­ro­no.

Tra i poe­ti su­pre­mi del­la sto­ria uma­na (ran­go che in­dub­bia­men­te me­ri­ta) Whit­man è col­pe­vo­le di un nu­me­ro im­ba­raz­zan­te di ver­si e in­te­ri com­po­ni­men­ti non de­gni del­la sua fa­ma. La sua ope­ra si pre­sta vo­len­tie­ri a ta­gli an­to­lo­gi­ci: e se una vol­ta era l’eros omo­ses­sua­le a im­por­li agli edi­to­ri più ti­mo­ra­ti, oggi so­no con­si­de­ra­zio­ni este­ti­che a pre­va­le­re nel­le scel­te, orien­tan­do­le ver­so i ca­po­la­vo­ri, pri­mo fra tut­ti il Can­to di me stes­so. Tut­to que­sto ha un sen­so: ep­pu­re, con­tem­plan­do so­lo il bel­lo e il su­bli­me, è la for­mi­da­bi­le mac­chi­na epi­ca e li­ri­ca, ci­vi­le e amo­ro­sa del­le Fo­glie d’er­ba che va per­du­ta: quel­la ca­pa­ci­tà del gran­de li­bro di for­ni­re un’im­ma­gi­ne, un equi­va­len­te ver­ba­le cre­di­bi­le dell’Ame­ri­ca (e dun­que del mon­do) nel suo vi­lup­po ine­stri­ca­bi­le di con­trad­di­zio­ni e for­me di esi­sten­za. So­lo una nuo­va for­ma me­tri­ca, tan­to li­be­ra quan­to pren­si­le, con quei ver­si lun­ghis­si­mi che sem­bra­no scan­di­re il pen­sie­ro a col­pi di mar­tel­lo, evi­den­zian­do su­per­ba­men­te la na­tu­ra rit­mi­ca e me­lo­di­ca del­la sen­si­bi­li­tà e dell’im­ma­gi­na­zio­ne, po­trà es­se­re ade­gua­ta al­la di­rom­pen­te in­tui­zio­ne ini­zia­le, dal­la qua­le la poe­sia di Whit­man non si al­lon­ta­na mai.

Que­st’ in­tui­zio­ne pro­fon­da ri­guar­da il rap­por­to tra il poe­ta e il mon­do, ov­ve­ro tra l’uno, con tut­ta l’ir­ri­du­ci­bi­le sin­go­la­ri­tà del my­self, e il mol­te­pli­ce, che l’in­di­vi­duo non si li­mi­ta a con­tem­pla­re e ce­le­bra­re. Bau­de­lai­re, che pub­bli­cò I fio­ri del ma­le po­chi an­ni do­po la pri­ma edi­zio­ne di Fo­glie d’er­ba, per­ce­pi­va acu­ta­men­te l’ar­ca­na re­te di ana­lo­gie che sfuma ogni con­fi­ne net­to tra i fe­no­me­ni; Whit­man non avreb­be avu­to nul­la da ec­ce­pi­re di fron­te a ta­le sim­bo­li­smo, ma in lui, su ogni sem­pli­ce ana­lo­gia, fi­ni­sce per pre­va­le­re uno slan­cio mi­sti­co di iden­ti­fi­ca­zio­ne, per­ché il poe­ta è l’uo­mo in gra­do di vi­ve­re tut­te le vi­te, e il suo pun­to di vi­sta non po­trà, se la sua è ve­ra ispi­ra­zio­ne, che aspi­ra­re all’uni­ver­sa­le. Ec­co il su­pre­mo pa­ra­dos­so del­la poe­sia di Whit­man quan­do rag­giun­ge il suo li­mi­te di in­ten­si­tà e chia­ro­veg­gen­za: il can­to del sin­go­lo, pro­prio per­ché sca­tu­ri­sce da un’espe­rien­za ir­ri­pe­ti­bi­le e ini­mi­ta­bi­le, è il can­to di tut­ti. Per­ché la ma­te­ria di cui è tes­su­to que­sto song of my­self è pro­prio ciò che non è lui, co­se e per­so­ne che gli so­no en­tra­te den­tro o ha per­ce­pi­to uscen­do da sé stes­so, pro­iet­tan­do­si e ri­spec­chian­do­si nell’al­te­ri­tà. Ed ec­co, in un fa­mo­so elen­co che sem­bra un po’ il com­pen­dio del­la sua poe­sia, il fa­le­gna­me che le­vi­ga la sua ta­vo­la, il cac­cia­to­re di ana­tre che avan­za con pas­so fel­pa­to, il paz­zo in­cu­ra­bi­le che vie­ne por­ta­to al ma­ni­co­mio, il fu­ma­to­re d’op­pio con le lab­bra soc­chiu­se, la pro­sti­tu­ta che camminando stra­sci­na il suo lo­go­ro scial­le, i ma­no­va­li che cam­mi­na­no in fi­la in­dia­na con il sec­chio in spal­la e in­nu­me­re­vo­li al­tri rap­pre­sen­tan­ti di un’uma­ni­tà sem­pre no­bi­le nell’ade­ren­za al de­sti­no, scol­pi­ti uno a uno dal ver­so che li no­mi­na e con un pu­gno di sil­la­be tra­sfor­ma l’ef­fi­me­ro in eter­no. E se que­sto è il lo­ro es­se­re, «co­sì più o me­no so­no io». Do­ve la co­sa più ge­nia­le e me­mo­ra­bi­le, dav­ve­ro de­gna di un gran­de poe­ta, è quel «più o me­no», per­ché non si può nem­me­no ne­ga­re del tut­to che le dif­fe­ren­ze esi­sta­no, e che la commedia uma­na sia de­gna di es­se­re rac­con­ta­ta nel­la sua in­fi­ni­ta va­rie­tà. Ma tut­to ciò che vi­ve è le­ga­to dal­la pro­fon­da so­li­da­rie­tà del crea­to: por­ta in sé il du­pli­ce mi­ste­ro del­la bel­lez­za e del­la mor­te.

È que­sto il su­pre­mo in­se­gna­men­to di quel­la che Jor­ge Luis Bor­ges, con uno splen­di­do os­si­mo­ro, ha de­fi­ni­to l’«im­pe­tuo­sa umil­tà» di Whit­man. Che non sem­bra poi mol­to lon­ta­na dal­la «com­pe­ten­za in umil­tà» che un gran­de cri­ti­co, Gian­fran­co Con­ti­ni, at­tri­bui­va a Pier Pao­lo Pa­so­li­ni. A chi an­co­ra oggi ha la for­tu­na di leg­ge­re Fo

glie d’er­ba quan­do è mol­to gio­va­ne, quan­do an­co­ra non è sta­to cor­rot­to dai pre­giu­di­zi, dal di­sin­can­to, dall’ec­ces­so di sa­pe­re che tut­to pol­ve­riz­za, Whit­man po­trà ap­pa­ri­re in­de­le­bil­men­te, con tut­ti i suoi difetti, co­me il ve­ro, l’au­ten­ti­co poe­ta. Co­lui che ci ha in­se­gna­to a non met­te­re li­mi­ti all’em­pa­tia, e dun­que a non soc­com­be­re al­la tri­ste pri­gio­nia dell’iden­ti­tà. Per­ché al­la fi­ne ha sem­pre ra­gio­ne lui, noi sia­mo tut­ti gli al­tri, tut­ti gli al­tri esi­sto­no in noi. «Più o me­no»: e dun­que in mo­do an­che più ve­ro.

Per Whit­man il poe­ta è in gra­do di vi­ve­re tut­te le vi­te, il suo pun­to di vi­sta aspi­ra all’uni­ver­sa­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.