Me­no pro­fit­ti, più giu­sti­zia: l’equo­ca­pi­ta­li­smo

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - Da New York MAS­SI­MO GAG­GI

La le­zio­ne (non più tan­to ere­ti­ca) di Marc Benioff, su­per mi­liar­da­rio del­la Si­li­con Val­ley

«La c re s c i t a del l e di s e - gua­glian­ze ha pro­dot­to un’ero­sio­ne del­la fi­du­cia nel­le isti­tu­zio­ni che è un pro­ble­ma di tut­ti, non so­lo del­la po­li­ti­ca. È an­che il pro­ble­ma di ogni im­pre­sa. Il pro­fit­to non ba­sta: nel­le no­stre agen­de azien­da­li de­ve es­ser­ci spa­zio an­che per istru­zio­ne, sa­ni­tà, eti­ca, pri­va­cy, fu­tu­ro del la­vo­ro. Il mon­do sta cam­bian­do e le tur­bo­len­ze so­no ap­pe­na ini­zia­te. Per ave­re suc­ces­so, an­che sul mer­ca­to, la do­man­da al­la qua­le ri­spon­de­re non è più “stia­mo an­dan­do be­ne?” ( are we doing well?) ma “stia­mo fa­cen­do del be­ne?” ( are we doing good?) ».

In real­tà la pri­ma do­man­da che pot re bbe por­si i l l e t to re di Trail bl azer («Apri­pi­sta»), il sag­gio ap­pe­na pub­bli­ca­to ne­gli Sta­ti Uni­ti da Marc Benioff, fon­da­to­re e ca­po di Sa­le­sfor­ce, è quan­to sia­no cre­di­bi­li af­fer­ma­zio­ni di que­sto ti­po fat­te da un im­pren­di­to­re il cui pa­tri­mo­nio per­so­na­le è va­lu­ta­to cir­ca sei mi­liar­di di dol­la­ri. Di slo­gan buo­ni­sti, di pro­mes­se di «ren­de­re il mon­do mi­glio­re» è tap­pez­za­ta la sto­ria del­le im­pre­se del­la Si­li­con Val­ley a co­min­cia­re dal ce­le­bre Don’t be evil di Goo­gle. Ma poi i gi­gan­ti tec­no­lo­gi­ci le di­se­gua­glian­ze han­no con­tri­bui­to ad al­lar­gar­le, an­zi­ché ri­dur­le.

Benioff, 55 an­ni, è un ca­so a par­te nel rap­por­to con il mon­do di­gi­ta­le e an­che col de­na­ro. «Cre­do nel­la tec­no­lo­gia e nel­la ca­pa­ci­tà di ab­bat­te­re le bar­rie­re — di­ce — ma non cre­do sia una pa­na­cea, né che l’obiet­ti­vo di fa­re del be­ne va­da ri­ser­va­to al no-pro­fit, agli at­ti­vi­sti, ai fi­lan­tro­pi».

La sua di­stan­za dal­la co­mu­ni­tà tec­no­lo­gi­ca ca­li­for­nia­na, del­la qua­le — pu­re — fa par­te, è emer­sa con tut­ta evi­den­za l’an­no scor­so. Pri­ma a gen­na­io quan­do al Fo­rum di Da­vos so­sten­ne che il go­ver­no de­ve scen­de­re in cam­po per re­go­la­re il set­to­re vi­sto che le sue in­du­strie non so­no sta­te tra­spa­ren­ti e han­no crea­to squi­li­bri pe­ri­co­lo­si per la de­mo­cra­zia an­zi­ché co­strui­re quel rap­por­to di fi­du­cia con gli uten­ti che do­vreb­be es­se­re pa­tri­mo­nio es­sen­zia­le di ogni azien­da. Benioff ven­ne con­si­de­ra­to un tra­di­to­re dei Ceo suoi pa­ri che era­no lì ad ascol­tar­lo, men­tre ac­cu­sa­va i grup­pi di big te­ch di com­por­tar­si in mo­do per­ver­so co­me in pas­sa­to quel­li del­lo zuc­che­ro, del ta­bac­co e dei cre­dit de­fault swap, all’ori­gi­ne del­la cri­si fi­nan­zia­ria del 2008.

Nel no­vem­bre scor­so Benioff è en­tra­to di nuo­vo in con­flit­to con le azien­de di­gi­ta­li so­ste­nen­do, con­tro tut­ti gli al­tri, il re­fe­ren­dum del­la cit­tà di San Fran­ci­sco per l’in­tro­du­zio­ne di una tas­sa sul­le im­pre­se dell’al­ta tec­no­lo­gia da de­vol­ve­re al fi­nan­zia­men­to di ini­zia­ti­ve a fa­vo­re dei sen­za­tet­to. Pu­ra de­ma­go­gia, tuo­na­ro­no gli im­pren­di­to­ri, gui­da­ti da Jack Dor­sey di Twit­ter. Benioff an­dò fi­no in fon­do: il re­fe­ren­dum, Pro­po­si­tion C, fu ap­pro­va­to col 60 per cen­to dei vo­ti e Sa­le­sfor­ce, che è l’azien­da più gran­de di San Fran­ci­sco e an­che il pri­mo da­to­re di la­vo­ro del­la cit­tà, è, og­gi, il mag­gior con­tri­buen­te del­la nuo­va tas­sa.

In­som­ma, Benioff è si­cu­ra­men­te mol­to ric­co, ma è an­che un im­pren­di­to­re che non va avan­ti a slo­gan nè che sco­pre og­gi la ne­ces­si­tà di ri­for­ma­re un ca­pi­ta­li­smo con­cen­tra­to so­lo sul pro­fit­to e sull’in­te­res­se de­gli azio­ni­sti: fin dal­la sua na­sci­ta, vent’an­ni fa, Sa­le­sfor­ce (azien­da di soft­ware per le im­pre­se og­gi lea­der nel­la ge­stio­ne del rap­por­to con i clien­ti e in al­cu­ne aree del cloud com­pu­ting), ha in­se­ri­to il gi­ve back (re­sti­tui­re al­la so­cie­tà) nel­la sua cul­tu­ra azien­da­le con la for­mu­la 1-1-1: «De­sti­na­re ogni an­no l’1% dei pro­fit­ti, l’1% del­la pro­du­zio­ne e l’1% del tem­po dei di­pen­den­ti ad at­ti­vi­tà ca­ri­ta­te­vo­li», spie­ga l’im­pren­di­to­re che già 15 an­ni fa pro­po­se un cam­bia­men­to di rot­ta a fa­vo­re di un mag­gio­re im­pe­gno so­cia­le in un sag­gio in­ti­to­la­to Com­pas­sio­na­te Ca­pi­ta­li­sm.

La dif­fe­ren­za, tra il 2004 e og­gi, è che Benioff si è or­mai con­vin­to che, con l’au­men­to del­le di­se­gua­glian­ze e del­le ten­sio­ni so­cia­li, «fa­re del be­ne» non può più es­se­re so­lo un obiet­ti­vo fi­lan­tro­pi­co la­scia­to al­la buo­na vo­lon­tà di­scre­zio­na­le del­le in­du­strie: è un in­gre­dien­te es­sen­zia­le per la te­nu­ta di un si­ste­ma de­mo­cra­ti­co di mer­ca­to e per lo stes­so suc­ces­so del­le im­pre­se. Qui, in­som­ma, non si trat­ta di mi­su­ra­re il gra­do di al­trui­smo di Benioff, ma di ca­pi­re se la sua con­vin­zio­ne che la na­tu­ra del bu­si­ness sta cam­bian­do con i mer­ca­ti che pre­mia­no an­che in Bor­sa chi fa del be­ne ed è so­cial­men­te re­spon­sa­bi­le, è l’il­lu­sio­ne di un im­pren­di­to­re vi­sio­na­rio o una real­tà che si sta ma­te­ria­liz­zan­do.

Benioff, ov­via­men­te, so­stie­ne che Sa­le­sfor­ce è la di­mo­stra­zio­ne del­la fon­da­tez­za del­le sue teo­rie: pur de­sti­nan­do mol­te ri­sor­se al­la fi­lan­tro­pia, a in­ve­sti­men­ti so­cia­li e al be­nes­se­re dei di­pen­den­ti, va­lo­re e di­men­sio­ni dell’azien­da so­no cre­sciu­ti a ve­lo­ci­tà si­de­ra­le: dal­la sua quo­ta­zio­ne in Bor­sa, 15 an­ni fa, ad og­gi il va­lo­re di Sa­le­sfor­ce è pas­sa­to da 1 a 135 mi­liar­di di dol­la­ri.

C’è fer­men­to nel par­ti­to de­mo­cra­ti­co Usa (la piat­ta­for­ma so­cio-eco­no­mi­ca di Ber­nie San­ders, con­si­de­ra­ta ra­di­ca­le quat­tro an­ni fa, ora è con­di­vi­sa da mol­ti can­di­da­ti), men­tre di co­me cor­reg­ge­re un ca­pi­ta­li­smo che pro­du­ce squi­li­bri estre­mi si di­scu­te ovun­que: dal­la Co­lum­bia Uni­ver­si­ty do­ve di re­cen­te si so­no con­fron­ta­ti due No­bel, Ed­mund Phelps e Joe Sti­gli­tz, al Piie di Wa­shing­ton do­ve due set­ti­ma­ne fa si so­no te­nu­ti gi «sta­ti ge­ne­ra­li del­le di­se­gua­glian­ze» ani­ma­ti da un gran nu­me­ro di eco­no­mi­sti del ca­li­bro di Lar­ry Sum­mers e Da­ni Ro­drik, Oli­vier Blan­chard e Greg Man­kiw.

Ma è an­che il com­por­ta­men­to del­le im­pre­se che co­min­cia a cam­bia­re: da Wal­mart, la mag­gio­re ca­te­na di su­per­mer­ca­ti d’Ame­ri­ca, che smet­te di ven­de­re mu­ni­zio­ni per fu­ci­li se­miau­to­ma­ti­ci, an­che a co­sto di met­ter­si con­tro la po­ten­te lob­by del­le ar­mi, al­le ban­che che investono in pro­get­ti di eco­no­mia so­ste­ni­bi­le. A fa­re sen­sa­zio­ne è so­prat­tut­to il cam­bia­men­to di rot­ta del­la Bu­si­ness Round­ta­ble: l’as­so­cia­zio­ne dei ca­pi del­le gran­di cor­po­ra­tion, da sem­pre li­be­ri­sta e con­cen­tra­ta sul pro­fit­to, due me­si fa ha di­chia­ra­to che pro­dur­re uti­li per gli azio­ni­sti (gli share­hol­der) non ba­sta più: è or­mai ne­ces­sa­rio be­ne­fi­cia­re an­che gli sta­ke­hol­der: i clien­ti, i di­pen­den­ti, gli in­ve­sti­to­ri e tut­ta la co­mu­ni­tà nel­la qua­le un’azien­da vi­ve. Non tut­ti cre­do­no che al­le pa­ro­le se­gui­ran­no i fat­ti ma il cli­ma sta cam­bian­do. E il pro­vo­ca­to­re vi­sio­na­rio e so­li­ta­rio Benioff non è più co­sì so­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.