Una be­stia si ag­gi­ra fra i per­so­nag­gi

Corriere della Sera - La Lettura - - Speciale Bookcity - Di ER­MAN­NO PACCAGNINI

Non un io nar­ran­te, ma di­ver­si. E di­ver­se ter­ze per­so­ne. La pri­ma pro­va nar­ra­ti­va di An­drea Do­nae­ra mo­stra il la­to oscu­ro dell’uo­mo at­tra­ver­so quat­tro dram­mi. Ma il ma­le è sem­pre lo stes­so

Gio­ca mol­te tes­se­re a con­tra­sto An­drea Do­nae­ra nel suo pri­mo ro­man­zo, Io so­no la be­stia. A par­ti­re dal ti­to­lo che, pur evo­can­do un io nar­ran­te, si apre in­ve­ro a una co­ra­li­tà che ve­de as­se­gna­re pa­ro­la (per gli io nar­ran­ti) e pen­sie­ri (per i ca­pi­to­li in ter­za per­so­na) a tut­ti i pro­ta­go­ni­sti. E, poi, an­co­ra quel ti­to­lo rin­via sì a un ar­go­men­to noir — e ta­le, e par­ti­co­lar­men­te cru­do, lo è — ma si sve­la an­che nel­la pos­si­bi­li­tà di una pre­sen­za nel­la be­stia di qual­co­sa di di­ver­so e an­che op­po­sto: vo­lu­to, quan­do il pro­ta­go­ni­sta Do­me­ni­co «Mi­mì» Tre­vi si pre­sen­ta sot­to spe­cie ele­gan­ti e ac­cul­tu­ra­te per am­ma­lia­re le don­ne con con­se­guen­ti sva­rio­ni (Lu­ca Pi­ran­del­lo); na­tu­ra­le, nel ri­sve­gliar­si in lui sen­ti­men­ti di af­fet­to, pie­tà o no­stal­gia (per la cam­pa­gna sa­len­ti­na del­la sua in­fan­zia ri­spet­to al vuo­to de­gli odier­ni pae­si di que­sta esta­te 1994). E que­sto pro­ba­bil­men­te per­ché quel «io so­no la be­stia» più che quan­to un per­so­nag­gio di­ce o pen­sa di sé, è un au­to­ri­co­no­sci­men­to del­la be­stia stes­sa nel suo ma­ni­fe­star­si in mo­di dif­fe­ren­ti nel­le per­so­ne, e nel­la lo­ro ca­pa­ci­tà o me­no di do­mi­nar­la.

Un ro­man­zo co­me viag­gio nel la­to oscu­ro di cia­scu­no, stan­te la real­tà di por­ta­re cia­scu­no al con­tem­po den­tro di sé bon­tà e mal­va­gi­tà. Che so­no poi i gra­di che ca­rat­te­riz­za­no le rea­zio­ni dei per­so­nag­gi, di fron­te a una real­tà estre­ma qua­le quel­la del­la fol­lia che si im­pa­dro­ni­sce di Mi­mì, boss del­la Sa­cra Co­ro­na Uni­ta, con tan­to di sche­ra­ni (il coe­ta­neo Vin­cen­zo e suo fi­glio Car­mi­ne) cui de­man­da­re l’ese­cu­zio­ne dei cri­mi­ni più ef­fe­ra­ti.

Il ro­man­zo si apre con una sce­na di rab­bia di Mi­mì di fron­te al­la ba­ra del fi­glio Mi­che­le: un poe­ta che ha tut­to per non es­se­re ta­le, es­sen­do il quin­di­cen­ne, «uno un po­co co­sì, un po­co toz­zo, di­cia­mo, va be’, nel sen­so, co­sì, coi ca­pel­li ne­ri ric­ci gon­fi, gli oc­chi un po­co stret­ti» che per so­mi­glian­za lo fa­ce­va­no scher­ni­re col no­mi­gno­lo di Mi­che­le Ma­ra­do­na; e che ve­de poe­sia nel­la fi­gu­ra di Ni­co­le, cui va a do­na­re un suo qua­der­no di ver­si (qui sca­ri­ca­bi­le gra­zie a un co­di­ce in­se­ri­to nel li­bro), che la ra­gaz­zi­na ri­fiu­ta, ri­den­do. Con con­se­guen­te suo sui­ci­dio.

La tra­ma ruo­ta ap­pun­to at­tor­no al­la vo­lon­tà del pa­dre di ven­di­car­si su Ni­co­le, se­que­stran­do­la e af­fi­dan­do­ne la cu­sto­dia a Ve­li, un ra­gaz­zo sen­si­bi­le, in­na­mo­ra­to ri­cam­bia­to di Arian­na, fi­glia del boss, e a sua vol­ta im­pri­gio­na­to da Mi­mì in una stan­za iso­la­ta in cam­pa­gna e con un’«uni­ca mi­nu­sco­la fi­ne­strel­la» da cui scor­ge­re il «luo­go aspro e ino­spi­ta­le» in cui sor­ge la ca­su­po­la; tut­to per im­pe­dir­gli di con­ti­nua­re quel rap­por­to con la fi­glia Arian­na (il mo­ti­vo? Un classico da ro­man­zo po­po­la­re che non sve­lo).

So­no pro­prio que­ste quat­tro per­so­ne — un adul­to e tre ra­gaz­zi dai de­sti­ni in­cro­cia­ti — i pro­ta­go­ni­sti che con­tras­se­gna­no pu­re i ti­to­li di ca­pi­to­lo che si sus­se­guo­no ina­nel­lan­do­si nel flui­re del­la vi­cen­da in una sor­ta di flus­so di co­scien­za (e con­ti­nuo è il ri­fe­ri­men­to al «fiu­me di Era­cli­to»). Il flus­so in­trec­cia al­la for­ma espres­si­va dell’io con Ve­li e Ni­co­le che fa emer­ge­re im­pen­sa­ti trat­ti di gio­va­ni­le vi­ta­li­tà di fron­te al­la con­cre­ta mi­nac­cia di mor­te (e con un Ve­li che ri­ve­de in Ni­co­le la sua Arian­na) le ter­ze per­so­ne.

So­no le ter­ze per­so­ne del­la mo­no­lo­gan­te feb­bri­le psi­co­pa­tia di Mi­mì — che vie­ne sem­pre più sbra­nan­do sé stes­so e chi gli sta vi­ci­no — e del­la sof­fer­ta esi­sten­zia­li­tà di Arian­na, dai ca­pi­to­li più mos­si, re­cu­pe­ran­do il suo io nel­le pa­gi­ne di dia­rio e le con­tra­rie dia­lo­gi­ci­tà: spe­ran­zo­sa­men­te af­fet­ti­va con Ve­li e di­spe­ra­ta­men­te con­flit­tua­le con quel­la ma­dre che le è «mu­ro» e le fa pau­ra. La ma­dre è ac­cul­tu­ra­ta, vi­ve chiu­sa nel­la sua cu­ci­na, pe­rò è cen­tra­le col suo far pe­sa­re so­prat­tut­to su Arian­na, per quel suo in­na­mo­ra­men­to per Ve­li, i sen­si di col­pa del­la di­stru­zio­ne del­la lo­ro fa­mi­glia. Lei, che era sta­ta scel­ta co­me mo­glie da Mi­mì no­no­stan­te aves­se avu­to un fi­glio da una re­la­zio­ne gio­va­ni­le.

I quat­tro dram­mi van­no acuen­do­si nel lo­ro in­cro­ciar­si, in un cli­ma sem­pre più cu­pa­men­te in­fer­na­le con una mor­te che la fa da pro­ta­go­ni­sta. Pe­rò tut­to si tie­ne per le scel­te sti­li­sti­che adot­ta­te, che in­trec­cia­no sti­le­mi da mo­no­lo­go e dia­lo­gi­ci­tà tea­tra­li, con aper­tu­re poetiche e una pro­sa che gio­ca pu­re be­ne i suoi in­cro­ci espres­si­vi, at­ten­ti al­le sfu­ma­tu­re pro­prie di cia­scun per­so­nag­gio (an­che se sem­pli­ci com­par­se, co­me le ami­che di Ni­co­le, ben di­se­gna­te nel lo­ro lin­guag­gio di­ver­sa­men­te gio­va­ni­le), e un’at­ten­ta di­stri­bu­zio­ne del ver­na­co­lo sa­len­ti­no. Una pro­va nar­ra­ti­va pun­to d’ar­ri­vo d’una espe­rien­za au­to­ria­le ma­tu­ra­ta at­tra­ver­so rac­col­te poetiche ed espe­rien­ze tea­tra­li. Do­ve ha co­no­sciu­to le pri­me pro­ve la «be­stia» poi di­ve­nu­ta ro­man­zo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.