Al­la mu­si­ca ser­vo­no buo­ni ami­ci

Gu­ru dell’am­bient, ex ra­gaz­zo del­la Ger­ma­nia Est, Ap­pa­rat scri­ve co­lon­ne so­no­re e ha una re­go­la...

Corriere della Sera - La Lettura - - Maschere - di MA­RIA EGI­ZIA FIA­SCHET­TI

In­ti­mi­sta, ma non umo­ra­le: un equi­li­brio rag­giun­to con la sag­gez­za di chi, guar­dan­do­si in­die­tro, ri­tie­ne che gli sta­ti d’ani­mo non deb­ba­no in­ter­fe­ri­re trop­po con il pro­ces­so crea­ti­vo. Do­po il nuo­vo al­bum da so­li­sta,

LP5, che ol­tre a ri­por­tar­lo al­le ra­di­ci del suo­no è coin­ci­so con l’al­lon­ta­na­men­to dai Mo­de­rat (il pro­get­to elet­tro­ni­co na­to dal­la col­la­bo­ra­zio­ne con i Mo­de­se­lek­tor), a 41 an­ni Ap­pa­rat, alias di Sa­scha Ring, si sen­ti­va pron­to a spe­ri­men­ta­re qual­co­sa di di­ver­so (il 16 no­vem­bre il mu­si­ci­sta te­de­sco sa­rà al Tea­tro Re­gio di Parma per il Ba­rez­zi Fe­sti­val, uni­ca da­ta ita­lia­na del­la sta­gio­ne). Co­sa l’ha spin­ta a la­scia­re i Mo­de­rat e a con­cen­trar­si sul suo la­vo­ro?

«Quan­do ab­bia­mo ini­zia­to (nel 2002,

ndr) vo­le­va­mo pren­der­ci una pau­sa dai no­stri per­cor­si in­di­vi­dua­li. Il pro­get­to ha pre­so una pie­ga ina­spet­ta­ta, in sen­so po­si­ti­vo. Per cin­que, sei an­ni è di­ven­ta­to la for­za do­mi­nan­te del­le no­stre vi­te, fin­ché sia­mo ar­ri­va­ti a un pun­to di svol­ta: i Mo­de­se­lek­tor vo­le­va­no pro­dur­re un di­sco tech­no, io qual­co­sa di spe­ri­men­ta

le. Ci sia­mo in­ter­rot­ti a me­tà, ma pen­so che fos­se il mo­men­to giu­sto per cam­bia­re rot­ta».

Ol­tre a es­se­re tra i pro­ta­go­ni­sti del­la mu­si­ca tech­no in­ter­na­zio­na­le, ha fir­ma­to le co­lon­ne so­no­re per due film ita­lia­ni, «Il gio­va­ne fa­vo­lo­so» e «Ca­priRe­vo­lu­tion», che le è val­so il Da­vid di Do­na­tel­lo: com’è la­vo­ra­re con i re­gi­sti e com­por­re mu­si­ca per il ci­ne­ma?

«La mu­si­ca per i film è mol­to di­ver­sa, non è la tua crea­tu­ra. De­vi met­ter­ti al ser­vi­zio di un pro­get­to e non è af­fat­to ma­le, se hai ve­sti­to a lun­go i pan­ni del­la rock­star, ren­der­ti con­to che non sei la per­so­na più im­por­tan­te nel­la stan­za. Ma a par­te que­sto, è ri­ge­ne­ran­te scri­ve­re mu­si­ca per le im­ma­gi­ni, per­ché hai qual­co­sa che ti ispi­ra pro­prio lì da­van­ti a te. E non de­vi rea­liz­za­re in­te­ri bra­ni: l’ar­ran­gia­men­to è spes­so la par­te più no­io­sa, men­tre nei film è mol­to più sem­pli­ce... bra­ni di so­li 45 se­con­di, ad esem­pio».

Per la re­gi­sta Eli­sa Mi­sh­to, un’al­tra ita­lia­na, ha com­po­sto la co­lon­na so­no­ra di «Stay Still»: a che co­sa si è ispi­ra­to?

«Da an­ni par­la­va­mo del lun­go­me­trag­gio che de­si­de­ra­va gi­ra­re e ab­bia­mo sco­per­to di ama­re en­tram­bi le co­lon­ne so­no­re dei film an­ni No­van­ta, che era­no par­te del­la cul­tu­ra pop e tra­smet­te­va­no un mes­sag­gio, a dif­fe­ren­za di quel­le di og­gi che spes­so sug­ge­ri­sco­no al­lo spet­ta­to­re qua­li sen­sa­zio­ni pro­va­re».

A pro­po­si­to di mu­si­ca am­bient, qual è la sfi­da, un suo­no che le ron­za in te­sta, ma che sta an­co­ra inseguendo?

«È dif­fi­ci­le dir­lo, so­no in una fa­se con ze­ro ispi­ra­zio­ne, ma non esi­sto­no re­go­le: c’è sem­pre qual­co­sa che può ispi­rar­ti, non de­vi smet­te­re di cer­car­la... pen­so di tro­var­mi a me­tà stra­da». Quan­to in­flui­sce il suo sta­to d’ani­mo sul­la com­po­si­zio­ne dei bra­ni?

«Può sem­bra­re stra­no, ma l’emo­ti­vi­tà ha po­co a che fa­re con la mu­si­ca che scri­vo. Cer­to, ci so­no bra­ni che sem­pli­ce­men­te ac­ca­do­no co­me Bad King­dom, l’ho com­po­sto in due ore, ma il re­sto è spes­so un la­vo­ro di me­si, di an­ni. Se la mu­te­vo­lez­za del mio sta­to d’ani­mo do­ves­se ogni vol­ta in­fluen­za­re una can­zo­ne, non con­clu­de­rei nul­la».

Lei ha esor­di­to co­me dj, per­ché cre­de sia di­ven­ta­ta una fi­gu­ra co­sì in­fluen­te nel­la no­stra cul­tu­ra?

«La mu­si­ca dan­ce ha una sua fun­zio­ne, spes­so non ri­chie­de mol­ta at­ten­zio­ne o coin­vol­gi­men­to. Dà al­le per­so­ne la pos­si­bi­li­tà di con­ce­der­si una pau­sa, il che è po­si­ti­vo. Il fat­to che i dj sia­no di­ven­ta­ti del­le star ri­flet­te la stes­sa evo­lu­zio­ne del­la mu­si­ca pop. Non so­no i produttori, che di fat­to crea­no la mu­si­ca, a di­ven­ta­re fa­mo­si, ma chi ci met­te la fac­cia. Que­sto ci di­ce che la mu­si­ca dan­ce, in­clu­sa la tech­no, ha la­scia­to l’un­der­ground da un pez­zo e or­mai è un bu­si­ness glo­ba­le».

Qual è il con­fi­ne tra le in­fi­ni­te pos­si­bi­li­tà di spe­ri­men­ta­zio­ne aper­te dal­le nuo­ve tec­no­lo­gie e il ri­schio di es­ser­ne so­praf­fat­ti?

«Un tem­po la mu­si­ca in­te­res­san­te si tro­va­va so­lo in cer­ti ne­go­zi ed es­se­re un ap­pas­sio­na­to era qual­co­sa di eli­ta­rio. Og­gi è dif­fi­ci­le non so­lo tro­va­re, ma an­che crea­re buo­na mu­si­ca. Tut­ta­via, cre­do che la so­lu­zio­ne sia sem­pre la stes­sa: una re­te di ami­ci con un buon gu­sto mu­si­ca

le, non c’è al­go­rit­mo che pos­sa so­sti­tuir­li». Com’era l’am­bien­te so­no­ro nel qua­le è cre­sciu­to?

«Mio pa­dre suo­na­va in una band, co­sì ogni tan­to an­da­vo ai con­cer­ti e nel­le sa­le di in­ci­sio­ne. Spes­so re­gi­stra­va­mo le can­zo­ni al­la ra­dio, per­ché com­pra­re i di­schi nel­la Ger­ma­nia dell’Est era dif­fi­ci­le».

Lo scor­so 9 no­vem­bre è sta­to il tren­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio del­la ca­du­ta del Mu­ro, co­sa ri­cor­da di quel gior­no?

«Sta­vo guar­dan­do le news sul te­le­vi­so­re in bian­co e ne­ro as­sie­me ai miei ge­ni­to­ri e non riu­sci­va­mo a cre­der­ci, ap­pe­na han­no aper­to i var­chi ab­bia­mo gui­da­to fi­no al­la zo­na ove­st per ve­de­re se era suc­ces­so dav­ve­ro. Leg­go in que­sti gior­ni sul­la stam­pa te­de­sca mol­ti ar­ti­co­li che si in­ter­ro­ga­no sul­la riu­ni­fi­ca­zio­ne, pro­va­no a spie­ga­re per­ché sem­pre più cit­ta­di­ni dell’ex Ger­ma­nia Est vo­ti­no a de­stra. Ap­prez­zo l’ana­li­si re­tro­spet­ti­va, ma pen­so che do­vrem­mo ave­re uno sguar­do cri­ti­co sul fu­tu­ro: sul se­rio vo­glia­mo vi­ve­re di­vi­si da nuo­vi con­fi­ni?».

L’im­ma­gi­ne Ap­pa­rat (ve­ro no­me: Sa­scha Ring, Qued­lin­burg, Ger­ma­nia, 1978, qui so­pra nel­la fo­to) si è tra­sfe­ri­to a Ber­li­no nel 1997. Do­po gli esor­di nel­la sce­na tech­no dei club ber­li­ne­si, è ap­pro­da­to all’elet­tro­ni­ca e all’am­bient. A mar­zo 2019 ha pub­bli­ca­to il suo nuo­vo al­bum da so­li­sta, LP5, che coin­ci­de an­che con l’al­lon­ta­na­men­to dal pro­get­to Mo­de­rat

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.