I mi­ti fan­no par­la­re le pie­tre con le vo­ci di Zeus e di Ate­na

Un viag­gio ap­pas­sio­nan­te tra gli eroi e gli dèi

Corriere della Sera - La Lettura - - Speciale Bookcity - di EVA CANTARELLA

Ver­so la fi­ne dell’Odis­sea, quan­do Ulis­se sbar­ca a Ita­ca, la dea Ate­na pren­de l’aspet­to di un pa­sto­rel­lo, gli com­pa­re su una spiag­gia de­ser­ta e po­co do­po sie­de con lui sot­to un uli­vo, me­di­tan­do la mor­te per i pre­ten­den­ti di sua mo­glie Pe­ne­lo­pe: co­sì di­ce Ome­ro. Chi va in Gre­cia og­gi non in­con­tre­rà Ate­na, ma po­trà pro­va­re an­che lui una sen­sa­zio­ne che lo con­du­ce al di là del mon­do rea­le: un uli­vo, il ma­re in­cre­di­bil­men­te blu, il can­to del­le ci­ca­le lo tra­spor­ta­no fuo­ri del tem­po, nell’at­mo­sfe­ra del mi­to, per­ché «ogni viag­gio in Gre­cia è pri­ma di tut­to un gi­ro­va­ga­re dell’ani­ma», co­me scri­vo­no Giu­lio Gui­do­riz­zi e Sil­via Ro­ma­ni nel li­bro In viag­gio con gli dèi (Raf­fael­lo Cor­ti­na), che non è né una gui­da tu­ri­sti­ca né un li­bro di mi­to­lo­gia, ma un in­sie­me del­le due co­se. È so­prat­tut­to (scri­vo­no an­co­ra gli au­to­ri) «la sto­ria di una pas­sio­ne: anar­chi­ca, par­ti­gia­na e in­ten­sa per la Gre­cia e i suoi rac­con­ti». I rac­con­ti che, gi­ran­do per quel ma­gni­fi­co Pae­se, si in­con­tra­no tra le ro­vi­ne che te­sti­mo­nia­no la gran­dez­za dell’an­ti­ca ci­vil­tà clas­si­ca, ma che re­ste­reb­be mu­ta sen­za il fa­sci­no dei mi­ti che stan­no die­tro cia­scu­na di es­se.

Mol­ti di quel­li che ad Ate­ne vi­si­ta­no l’Areo­pa­go, ad esem­pio, non san­no che fu il luo­go do­ve Ore­ste fu pro­ces­sa­to per l’uc­ci­sio­ne del­la ma­dre Cli­tem­ne­stra. A Del­fi si tro­va la pie­tra vo­mi­ta­ta da Cro­no che Rea, sua mo­glie, gli ave­va fat­to man­gia­re, so­sti­tuen­do­la al bam­bi­no ap­pe­na par­to­ri­to (Zeus) che Cro­no avreb­be vo­lu­to di­vo­ra­re, co­me ave­va fat­to con i fi­gli pre­ce­den­ti. A Cre­ta si tro­va la Grot­ta do­ve Zeus era cre­sciu­to… A ogni luo­go, cor­ri­spon­de uno dei mi­ti at­tra­ver­so i qua­li que­sto li­bro ci ac­com­pa­gna, le­gan­do gli spa­zi di cui ora si ve­do­no le ro­vi­ne e i fi­li del tem­po sen­za tem­po del mi­to.

A Olim­pia si ve­do­no so­lo co­lon­ne ab­bat­tu­te, ma se si en­tra nel mu­seo si tro­va­no le scul­tu­re che de­scri­vo­no il mi­to di fon­da­zio­ne del po­sto in cui per mil­le an­ni si svol­se­ro i gio­chi: la cor­sa sui car­ri di Eno­mao, re di quel luo­go, che non vo­le­va con­ce­de­re a nes­su­no la ma­no di sua fi­glia Ip­po­da­mia, e di Pe­lo­pe, che vo­le­va spo­sar­la. Es­sen­do in­na­mo­ra­to del­la fi­glia, Eno­mao sfi­da­va i pre­ten­den­ti del­la ra­gaz­za a una ga­ra di cor­sa e re­go­lar­men­te vin­ce­va, gra­zie al­le sue ca­val­le di­vi­ne e al­la sua lancia ma­gi­ca. Ma il gio­va­ne Pe­lo­pe riu­scì a scon­fig­ger­lo cor­rom­pen­do il suo au­ri­ga, Mir­ti­lo, che si of­frì di sa­bo­ta­re il car­ro del pa­dro­ne in cam­bio di una not­te d’amo­re con la bel­la Ip­po­da­mia. Le scul­tu­re con­ser­va­te nel mu­seo de­scri­vo­no la par­ten­za del­la ga­ra tra pa­dre e fu­tu­ro ma­ri­to: tor­vo il pa­dre; an­sio­so di scat­ta­re Pe­lo­pe. E la don­na po­sta in pa­lio è nel mez­zo, im­mo­bi­le, con le pie­ghe del pe­plo che ca­do­no a piom­bo. L’ener­gia nel­la com­po­si­zio­ne è ta­le da far par­la­re Ga­brie­le d’An­nun­zio (all’epo­ca del cui viag­gio in Gre­cia le scul­tu­re era­no ap­pe­na sta­te sco­per­te) di «pie­ghe ri­gi­de co­me nel­le fer­ree di­ta del fa­to».

Cir­ca un se­co­lo pri­ma, nel 1810, Lord Geor­ge Gor­don By­ron ave­va spe­ri­men­ta­to una sen­sa­zio­ne si­mi­le a ca­po Sou­nion: la per­ce­zio­ne di po­ter «toc­ca­re» la bel­lez­za as­so­lu­ta, di sen­ti­re la pre­sen­za in­vi­si­bi­le de­gli dèi, de­gli eroi e de­gli uo­mi­ni dell’an­ti­chi­tà. Il li­bro di Giu­lio Gui­do­riz­zi e di Sil­via Ro­ma­ni vuo­le re­sti­tui­re al let­to­re la ma­gia di in­con­tri co­me que­sti con l’al­tra vi­ta, la fu­sio­ne fra le pie­tre e il rac­con­to del mi­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.