Lei e Hi­tler: il pic­co­lo na­zi ha due amo­ri

Ch­ri­sti­ne Leu­nens si è ispi­ra­ta a una sto­ria ve­ra per il ro­man­zo da cui Tai­ka Wai­ti­ti ha trat­to il film «Jo­jo Rab­bit»

Corriere della Sera - La Lettura - - Maschere Protagonis­te - Di CE­CI­LIA BRESSANELL­I

«Una don­na fran­ce­se mi ha rac­con­ta­to che du­ran­te la guer­ra la sua fa­mi­glia ave­va da­to ri­fu­gio a un ebreo po­lac­co e che si era in­na­mo­ra­ta di lui. Ho pro­va­to a im­ma­gi­na­re che co­sa sa­reb­be po­tu­to ac­ca­de­re se quel­la na­sco­sta fos­se sta­ta una ra­gaz­za ebrea e a tro­var­la un ra­gaz­zo au­stria­co mem­bro del­la Gio­ven­tù hi­tle­ria­na, a cui an­ni di pro­pa­gan­da ave­va­no in­se­gna­to a odia­re gli ebrei». È na­to co­sì, nel 2004, il ro­man­zo di Ch­ri­sti­ne Leu­nens Ca­ging Skies che ora tor­na in Ita­lia per Sem con il ti­to­lo Il cie­lo in gab

bia e di­ven­ta un film.

A por­ta­re sul gran­de scher­mo la sto­ria di Jo­han­nes Be­tz­ler, am­bien­ta­ta a Vien­na, scrit­ta da un’au­tri­ce neo­ze­lan­de­se (na­ta ne­gli Usa, ma­dre ita­lia­na e pa­dre bel­ga), è un re­gi­sta e at­to­re co­mi­co, an­che lui neo­ze­lan­de­se, Tai­ka Wai­ti­ti (pa­dre mao­ri e ma­dre di ori­gi­ne ebrai­ca). Il ti­to­lo del film che il 22 no­vem­bre apre il To­ri­no Film Fe­sti­val per poi ap­pro­da­re nel­le sa­le a gen­na­io è Jo­jo Rab­bit (nel ca­st ci so­no Scar­lett J ohans­son, Sam

Roc­k­well, Al­fie Al­len e Re­bel Wil­son). Ch­ri­sti­ne Leu­nens rac­con­ta a «la Let­tu­ra» la ge­ne­si del li­bro e del film: «Mia ma­dre mi ha rac­con­ta­to mol­te sto­rie del­la guer­ra, e mio non­no, un ar­ti­sta bel­ga, Guil­lau­me Leu­nens, è sta­to pri­gio­nie­ro in un cam­po di la­vo­ro. Lui che usa­va le ma­ni per rea­liz­za­re pit­tu­re a olio era sta­to co­stret­to a la­vo­ra­re il me­tal­lo per crea­re ar­mi. Do­po la guer­ra ha rea­liz­za­to scul­tu­re per ot­te­ne­re, da quel me­tal­lo che ave­va por­ta­to mor­te, qual­co­sa che po­tes­se por­ta­re pa­ce. Quan­do ho scrit­to il li­bro vi­ve­vo in Eu­ro­pa, ho fat­to mol­te ri­cer­che e ho ascol­ta­to chi ave­va vis­su­to la guer­ra, i rac­con­ti di uo­mi­ni e don­ne che han­no fat­to par­te del­la Gio­ven­tù hi­tle­ria­na».

Nel li­bro e sul­lo scher­mo Jo­han­nes/ Jo­jo è uno di lo­ro. Un ra­gaz­zi­no che cre­de fer­ma­men­te a quel­lo che gli è sta­to in­se­gna­to: «Era­va­mo i po­ten­zia­li eroi di un mon­do a ve­ni­re, gi­gan­ti di cui ogni ge­sto e ogni pa­ro­la sa­reb­be­ro sta­ti pro­iet­ta­ti su quell’eter­no gran­de scher­mo del­la vi­ta chia­ma­to “Sto­ria”» (si leg­ge nel li­bro). Jo­han­nes par­te­ci­pa ai cam­pi del­la Gio­ven­tù hi­tle­ria­na, tra gio­chi di guer­ra, im­bo­sca­te, esplo­sio­ni e li­bri da bru­cia­re (il so­pran­no­me Jo­jo vie­ne usa­to so­lo nel film, do­ve coe­ta­nei e adul­ti in di­vi­sa de­ri­do­no il ra­gaz­zi­no chia­man­do­lo Jo­jo Rab­bit, Jo­jo co­ni­glio, per la sua non pro­pen­sio­ne al­la cru­del­tà). Jo­jo ado­ra Adolf Hi­tler. E odia gli ebrei. Li con­si­de­ra mo­stri, in­cli­ni a tra­di­men­ti e a in­gan­ni, in­ca­pa­ci di ama­re la bel­lez­za. Ma la sua vi­ta e quel­lo in cui cre­de ven­go­no scon­vol­ti dal­la sco­per­ta che i ge­ni­to­ri (la so­la ma­dre nel film) dan­no ri­fu­gio, die­tro al muro del­la sua ca­sa, a una ra­gaz­zi­na ebrea po­co più gran­de di lui: El­sa.

L’av­vio è qua­si lo stes­so. Ma mol­tis­si­me so­no le dif­fe­ren­ze tra li­bro e film, rac­con­ta­te con or­go­glio dal­la scrit­tri­ce. Ch­ri­sti­ne Leu­nens ha af­fi­da­to il suo li­bro a Tai­ka Wai­ti­ti, che ha fir­ma­to an­che la sce­neg­gia­tu­ra di Jo­jo Rab­bit: «Ci sia­mo in­con­tra­ti e mi ha rac­con­ta­to quel­lo che vo­le­va rea­liz­za­re. L’ar­co nar­ra­ti­vo del li­bro at­tra­ver­sa mol­ti an­ni», se­gue Jo­han­nes tut­ta la vi­ta, ol­tre la guer­ra. «Un film che vuo­le es­se­re trop­po si­mi­le al li­bro ri­schia di di­ven­ta­re mol­to no­io­so, al­lo­ra ho det­to a Wai­ti­ti: “Il li­bro è mio e quel­lo che ho scrit­to non po­trà mai es­se­re cam­bia­to, pren­di la mia sto­ria e fal­la tua”. Ho tro­va­to ot­ti­ma la sua idea di sof­fer­mar­si so­lo sul­la par­te re­la­ti­va al­la guer­ra».

Men­tre nel ro­man­zo il tem­po scor­re e Jo­han­nes cre­sce, nel film Jo­jo ri­ma­ne sem­pre un bam­bi­no bion­do di 10 an­ni (in­ter­pre­ta­to da Ro­man Grif­fin Da­vis) che ama in­dos­sa­re la sua di­vi­sa e si at­teg­gia a per­fet­to na­zi­sta. «Vo­le­vo guar­da­re al­la fol­lia del­la guer­ra e dell’odio at­tra­ver­so gli oc­chi e l’in­ge­nui­tà di un bam­bi­no», ha rac­con­ta­to il re­gi­sta, che ha uni­to dram­ma, com­me­dia e sa­ti­ra. Nel film Jo­jo ha un ami­co im­ma­gi­na­rio: Hi­tler, in­ter­pre­ta­to dal re­gi­sta. «Nel li­bro, Hi­tler è sem­pre nel­la te­sta di Jo­han­nes, an­che se lo ve­de una so­la vol­ta, a Vien­na, gri­da­re al bal­co­ne del­la Neue Hof­burg do­po l’an­nes­sio­ne dell’Au­stria al Rei­ch. Il re­gi­sta non po­te­va de­scri­ve­re a pa­ro­le i pen­sie­ri di Jo­jo e ha tro­va­to que­st’ot­ti­ma so­lu­zio­ne».

L’au­tri­ce ri­flet­te sul­le dif­fe­ren­ze tra scrit­tu­ra e ci­ne­ma: «La nar­ra­ti­va è la for­ma d’ar­te più in­ti­ma, l’uni­ca che ti con­ce­de, at­tra­ver­so le pa­ro­le, di sci­vo­la­re nel­la vi­ta di un’al­tra per­so­na, di ve­der­la at­tra­ver­so i suoi oc­chi, di per­ce­pi­re il do­lo­re, i pen­sie­ri, i de­si­de­ri». Leu­nens fa que­sto nel li­bro, en­tra nel­la te­sta di Jo­han­nes, gli fa rac­con­ta­re la sua sto­ria in pri­ma per­so­na: l’os­ses­sio­ne per il Füh­rer, l’amo­re mor­bo­so che lo le­ga a El­sa. Per non per­der­la fa cre­de­re al­la ra­gaz­za che a vin­ce­re la guer­ra sia­no sta­ti i te­de­schi. Do­po la guer­ra e l’Olo­cau­sto, mol­ti per­so­nag­gi del li­bro so­no con­dot­ti al­la fol­lia. «Og­gi dob­bia­mo sta­re mol­to at­ten­ti a non di­men­ti­ca­re la fol­lia del­la Se­con­da guer­ra mon­dia­le e tut­to il do­lo­re che ha cau­sa­to. Ho let­to del­la scor­ta a Li­lia­na Se­gre, e que­sto di­mo­stra quan­to tut­to ciò sia tra­gi­ca­men­te at­tua­le».

Nel ro­man­zo il do­lo­re emer­ge con for­za: «Io ho scrit­to un fi­na­le tra­gi­co, il film con­ce­de una no­ta di spe­ran­za. Si ri­de mol­to, ma non si per­de mai di vi­sta la tra­ge­dia di quan­to av­vie­ne sul­lo scher­mo». Di quan­to av­ve­nu­to nel­la real­tà.

L’au­tri­ce Ch­ri­sti­ne Leu­nens (Hart­ford, Usa, 1964; so­pra) è neo­ze­lan­de­se. Ca­ging Skies, da cui è trat­to il film Jo­jo Rab­bit (a fian­co Tai­ka Wai­ti­ti e Ro­man Grif­fin Da­vis), era usci­to nel 2006 in Ita­lia da Me­ri­dia­no Ze­ro con il ti­to­lo Co­me se­mi d’au­tun­no e ora tor­na per Sem co­me Il cie­lo in gab­bia nel­la stes­sa tra­du­zio­ne di al­lo­ra; per Me­ri­dia­no Ze­ro so­no ap­par­si an­che Il ba­cio in­spie­ga­bi­le del so­le (2013) e Uo­mi­ni da man­gia­re (2003)

CH­RI­STI­NE LEU­NENS Il cie­lo in gab­bia Tra­du­zio­ne di Mau­ri­zia Bal­mel­li SEM Pa­gi­ne 397, € 18 In li­bre­ria dal 21 no­vem­bre Il li­bro ha ispi­ra­to il film Jo­jo Rab­bit di­ret­to da Tai­ka Wai­ti­ti (Fox Sear­chlight)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.