In­ven­tai Mi­no­ri­ty Re­port Or­mai è ar­ri­va­to

Corriere della Sera - La Lettura - - Universi -

Tec­no-ot­ti­mi­sti A 73 an­ni Pe­ter Sch­war­tz è sta­to mes­so ad esplo­ra­re il fu­tu­ro in un grup­po che ha mi­glia­ia di di­pen­den­ti mol­to più gio­va­ni di lui. «Cre­do in un mon­do di tec­no­lo­gie “em­bed­ded” in­tor­no a noi. Il ri­schio di es­se­re con­trol­la­ti e spia­ti? C’è, è ve­ro. Ma stru­men­ti co­me gli as­si­sten­ti vo­ca­li sa­ran­no uti­lis­si­mi — so­no già uti­lis­si­mi — per la no­stra vi­ta»

«Uno sce­na­rio per il no­stro fu­tu­ro? Un mon­do di tec­no­lo­gie em­bed­ded in­tor­no a noi. Sen­so­ri e mec­ca­ni­smi di co­mu­ni­ca­zio­ne che con­sen­to­no di spar­ge­re l’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le ovun­que: nei mu­ri, sul­le se­die, nei ta­vo­li, ne­gli elet­tro­do­me­sti­ci, in au­to. Si­ste­mi di­gi­ta­li che ti ri­co­no­sco­no e or­ga­niz­za­no i ser­vi­zi di cui hai bi­so­gno. Il tut­to sen­za fa­ti­ca o fri­zio­ni: vo­ce, non ta­sti da di­gi­ta­re. Stru­men­ti che ga­ran­ti­ran­no an­che la si­cu­rez­za e che, quin­di, sor­ve­glie­ran­no, con i re­la­ti­vi pro­ble­mi di pri­va­cy. Non è fan­ta­scien­za: so­no tec­no­lo­gie che già esi­sto­no e il mon­do del qua­le le par­lo è quel­lo che ho im­ma­gi­na­to vent’an­ni fa quan­do Ste­ven Spiel­berg mi chie­se di di­se­gna­re gli sce­na­ri tec­no­lo­gi­ci del fu­tu­ro per il film Mi­no­ri­ty Re­port ».

Nel mon­do del­la tec­no­lo­gia Pe­ter Sch­war­tz è un per­so­nag­gio mol­to par­ti­co­la­re: un fu­tu­ro­lo­go ca­pa­ce di guar­da­re lon­ta­no con le sue vi­sio­ni af­fa­sci­nan­ti, ma an­che un in­ge­gne­re ae­ro­nau­ti­co con i pie­di per ter­ra che ha ini­zia­to la sua car­rie­ra al­la fi­ne de­gli an­ni Ses­san­ta, la­vo­ran­do al­le ul­ti­me mis­sio­ni spa­zia­li Na­sa del pro­gram­ma Apol­lo. Gran­de ami­co di Stewart Brand, una del­le fi­gu­re sto­ri­che del­la cul­tu­ra in­for­ma­ti­ca ame­ri­ca­na, col­la­bo­ra con lui nel­la Long Now Foundation che sta com­ple­tan­do la co­stru­zio­ne, nel cuo­re di una mon­ta­gna del Te­xas di pro­prie­tà di Jeff Be­zos, di un ma­sto­don­ti­co oro­lo­gio mec­ca­ni­co ca­pa­ce di fun­zio­na­re per die­ci­mi­la an­ni sen­za in­ter­ven­ti ester­ni. Un pro­get­to vi­sio­na­rio e com­ples­so, lan­cia­to nel 1986. «L’an­no pros­si­mo fun­zio­ne­rà!», di­ce con l’en­tu­sia­smo di un bam­bi­no que­sto scien­zia­to di 73 an­ni la cui fan­ta­sia crea­ti­va è im­pres­sa non so­lo in Mi­no­ri­ty Re­port, ma an­che in al­tri film dei qua­li è sta­to con­su­len­te tec­no­lo­gi­co, da War Ga­mes a Deep Im­pact.

Ma die­tro la fan­ta­sia c’è la co­no­scen­za pro­fon­da del­la tec­no­lo­gia e la ca­pa­ci­tà di pre­ve­de­re i suoi svi­lup­pi. «La Let­tu­ra» lo in­con­tra du­ran­te la con­ven­tion an­nua­le di Sa­le­sfor­ce, gi­gan­te dei si­ste­mi in­for­ma­ti­ci per le im­pre­se. «È buf­fo. Han­no mes­so a esplo­ra­re il fu­tu­ro — ri­dac­chia — il di­pen­den­te più vec­chio di un grup­po che ha de­ci­ne di mi­glia­ia di ad­det­ti».

Vec­chio, ma ca­pa­ce di guar­da­re lon­ta­no. E mol­to ot­ti­mi­sta sul­la tec­no­lo­gia. Vent’an­ni fa, a chi gli chie­de­va co­me si im­ma­gi­na­va vent’an­ni do­po, ri­spo­se: «Avrò il fi­si­co di un qua­ran­ten­ne gra­zie al­le bio­tec­no­lo­gie». La pen­sa an­co­ra co­sì? «Giu­di­chi lei: ho un’an­ca ar­ti­fi­cia­le, ho due oc­chi ag­giu­sta­ti chi­rur­gi­ca­men­te e non ho mai gio­ca­to a ten­nis co­sì be­ne. Do­po l’ope­ra­zio­ne che ha eli­mi­na­to la ca­ta­rat­ta ve­do la pal­la in mo­do mol­to più ni­ti­do e con l’an­ca nuo­va cor­ro con l’agi­li­tà di un ra­gaz­zo».

Dun­que cre­de nel­la Sin­gu­la­ri­ty, la fu­sio­ne tra uo­mo e mac­chi­na che do­vreb­be far­ci vi­ve­re ol­tre i 120 an­ni o, ad­di­rit­tu­ra, in eter­no?

«No, cre­do nel­la tec­ni­ca, ma non nel­la Sin­gu­la­ri­ty. È una let­tu­ra sba­glia­ta del­la tec­no­lo­gia. Ray Kur­z­weil mi pia­ce: è una bel­la per­so­na, uno che ispi­ra, ma ha tor­to».

Lei par­la di un mon­do pie­no di sen­so­ri. Sem­bra quel­lo di «Mi­no­ri­ty Re­port». Sta di­ven­tan­do real­tà? E an­co­ra: lei ado­ra la tec­no­lo­gia, che pe­rò, nel film, fa pau­ra.

«Si sta ma­te­ria­liz­zan­do quel mon­do. Ho sba­glia­to so­lo due co­se: pen­sa­vo che il cam­bia­men­to av­ve­nis­se nel 2050 e in­ve­ce ar­ri­va nel 2020. Pen­sa­vo suc­ce­des­se a Wa­shing­ton e in­ve­ce sta suc­ce­den­do in Ci­na».

Quel­lo del­la tec­no­lo­gia che sor­ve­glia, pe­rò, è un pro­ble­ma per tut­ti. La Ci­na la usa per re­pri­me­re. Ma può suc­ce­de­re an­che qui in Oc­ci­den­te. E le azien­de han­no ac­qui­sta­to un po­te­re im­men­so con i da­ti, gli as­si­sten­ti vo­ca­li co­me Ale­xa en­tra­no nel­le no­stre vi­te.

«L’as­si­sten­te per­so­na­le è utile. Lo è in ca­sa e lo di­ven­te­rà an­co­ra di più in ufficio: un se­gre­ta­rio in gra­do di svol­ge­re con po­chi or­di­ni vo­ca­li, sen­za fri­zio­ne, mol­ti com­pi­ti di rou­ti­ne. Oc­cu­pan­do­si del­le mie spe­se, dei viag­gi, pren­den­do ap­pun­ti. Co­sì po­trò de­di­car­mi a com­pi­ti più com­ples­si. Cer­to, ci so­no pro­ble­mi di pri­va­cy e di pos­si­bi­li pre­giu­di­zi ne­gli al­go­rit­mi che ge­sti­sco­no i pro­ces­si. Van­no con­si­de­ra­ti con at­ten­zio­ne. Per que­sto Sa­le­sfor­ce ha co­sti­tui­to una com­mis­sio­ne eti­ca».

Ve­de so­lu­zio­ni pra­ti­ca­bi­li?

«Nel caso dei pre­giu­di­zi spes­so il pro­ble­ma non sta nel­la tec­no­lo­gia ma nel mo­do in cui viene usa­ta. Co­me l’al­go­rit­mo del­le ban­che ac­cu­sa­to di di­scri­mi­na­re le don­ne, so­prat­tut­to sin­gle e sen­za la­vo­ro. Qui il pro­ble­ma non sta nell’al­go­rit­mo, ma nei da­ti che la ban­ca in­se­ri­sce nel si­ste­ma. Se met­ti nell’al­go­rit­mo un set di da­ti im­be­vu­ti di pre­giu­di­zi, avrai un al­go­rit­mo pre­ve­nu­to».

Non si trat­ta so­lo di al­go­rit­mi. Chi ie­ri am­mi­ra­va la tec­no­lo­gia og­gi ne ha pau­ra. Te­me i giganti di big te­ch e l’au­to­ma­zio­ne che man­gia po­sti di la­vo­ro.

«Non cre­do che al­la fi­ne man­che­rà il la­vo­ro. Pen­si al­le don­ne del­la me­tà del se­co­lo scor­so. Quel­le che vo­le­va­no la­vo­ra­re era­no in­fer­mie­re, in­se­gnan­ti, dat­ti­lo­gra­fe. Ad esem­pio nel­le ban­che. Og­gi le dat­ti­lo­gra­fe non esi­sto­no più, ma in ban­ca ve­dia­mo più don­ne: ri­ce­vo­no e con­si­glia­no i clien­ti, so­no al­la cas­sa, so­no ma­na­ger. Ma è ve­ro che la tran­si­zio­ne è com­ples­sa e pro­du­ce stress. Ed è ve­ro che og­gi sia­mo nel bel mez­zo di una cri­si di fi­du­cia: il mon­do ha im­prov­vi­sa­men­te smes­so di cre­de­re nel­la tec­no­lo­gia. Per ri­con­qui­sta­re cre­di­bi­li­tà le azien­de de­vo­no es­se­re più tra­spa­ren­ti e de­vo­no sen­tir­si più re­spon­sa­bi­li per le con­se­guen­ze so­cia­li».

Au­to­ri­for­ma o re­go­le fis­sa­te dall’au­to­ri­tà po­li­ti­ca?

«Di­scor­so com­ples­so. Ser­ve an­che una cor­ni­ce ge­ne­ra­le, bi­so­gna rein­ven­ta­re il ca­pi­ta­li­smo co­me di­ce il mio Ceo, Marc Be­nioff, pen­san­do al­la co­mu­ni­tà e al­la qua­li­tà del la­vo­ro, ol­tre che al pro­fit­to de­gli azio­ni­sti. Co­mun­que ser­vi­ran­no re­go­le. Al­cu­ne ci so­no già, co­me il Gd­pr in Eu­ro­pa o le leg­gi del­la Ca­li­for­nia per la tu­te­la del­la pri­va­cy. Al­tre ver­ran­no. Ma mol­to va fat­to dal­le azien­de: cam­bie­ran­no rot­ta, an­che per la pres­sio­ne dei cit­ta­di­ni, che so­no i lo­ro clien­ti».

Cre­de nell’au­to­ri­for­ma di Fa­ce­book?

«No, quel­lo di Fa­ce­book è un caso a par­te, con un im­pat­to cul­tu­ra­le di­sa­stro­so. Ma non cre­do che il lo­ro mo­del­lo di bu­si­ness ba­sa­to sul­la pub­bli­ci­tà dif­fu­sa via so­cial net­work ter­rà a lun­go: è pie­no di con­di­zio­na­men­ti ed è fa­ci­le da ma­ni­po­la­re. Ad esem­pio Jim­my Wa­les, il fon­da­to­re di Wi­ki­pe­dia, ha lan­cia­to una re­te so­cia­le ba­sa­ta su ab­bo­na­men­ti: paghi 5 dol­la­ri al me­se, ma non hai i con­di­zio­na­men­ti del­la pub­bli­ci­tà. Cre­do sia il fu­tu­ro. Im­pa­re­re­mo a cam­bia­re i no­stri com­por­ta­men­ti. Dob­bia­mo ca­pi­re che stia­mo en­tran­do in un nuo­vo ter­ri­to­rio. È già suc­ces­so con la ri­vo­lu­zio­ne del­la tv o quel­la del te­le­fo­no che han­no cam­bia­to le no­stre co­mu­ni­tà. Ser­vi­ran­no, co­me al­lo­ra, re­go­le di go­ver­no, ma an­che nuo­ve re­go­le so­cia­li».

Il fu­tu­ro­lo­go Pe­ter Sch­war­tz (Stoc­car­da, 1946) è ar­ri­va­to ne­gli Usa co­me pro­fu­go dal­la Ger­ma­nia nel 1951, fi­glio di ebrei so­prav­vis­su­ti al­la de­por­ta­zio­ne, e ha stu­dia­to gra­zie a una bor­sa di stu­dio. In­ge­gne­re ae­ro­nau­ti­co, è sta­to ca­po del­la pia­ni­fi­ca­zio­ne stra­te­gi­ca del grup­po pe­tro­li­fe­ro Shell ne­gli an­ni Ot­tan­ta, poi fon­da­to­re di Glo­bal Bu­si­ness Net­work, una so­cie­tà di con­su­len­za stra­te­gi­ca, ora vi­ce­pre­si­den­te di Sa­le­sfor­ce con la re­spon­sa­bi­li­tà del­la pia­ni­fi­ca­zio­ne stra­te­gi­ca. Fa par­te inol­tre del board di Long Now Foundation, che si oc­cu­pa di «fu­tu­ro» e pro­get­ti a lun­go ter­mi­ne, co­me il Clock of the Long Now, un oro­lo­gio na­to per fun­zio­na­re per 10 mi­la an­ni sen­za in­ter­ven­ti uma­ni. È sta­to con­su­len­te scien­ti­fi­co e tec­no­lo­gi­co per i film Mi­no­ri­ty Re­port di Ste­ven Spiel­berg, Deep Im­pact di Mi­mi Le­der, Snea­kers di Phil Al­den Ro­bin­son e il pri­mo Wa­rGa­mes (1983) fir­ma­to da John Ba­d­ham L’im­ma­gi­ne Sio­b­hán Ha­pa­ska (Bel­fa­st, Re­gno Uni­to, 1963), Ro­bot (2001, stampa a co­lo­ri), Chi­ca­go, Mu­seum of Con­tem­po­ra­ry Art: il mo­del­lo di­chia­ra­to dell’ar­ti­sta è la Pie­tà di Mi­che­lan­ge­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.