Tra­mon­ta la pa­tria dei kib­bu­tz e di­ven­ta la ca­sa dei co­lo­ni

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri - dal no­stro in­via­to a Tel Aviv DA­VI­DE FRAT­TI­NI

Il pa­laz­zot­to su via Bia­lik, all’an­go­lo con il traf­fi­co di Al­len­by, è in pie­di da no­vant’an­ni e re­si­ste da una de­ci­na. La pro­prie­ta­ria Da­niel­la Weiss vuo­le ven­der­lo e co­struir­ci so­pra 32 ap­par­ta­men­ti, un par­cheg­gio sot­ter­ra­neo, 200 me­tri qua­dri di ne­go­zi. Per ora sul mar­cia­pie­de dan­no so­lo le ve­tri­ne del caf­fè do­ve ogni sa­ba­to Amos Oz riu­ni­va la fa­mi­glia: tut­ti se­du­ti sui di­va­ni in pel­le ros­sa con lo scrit­to­re a far da ce­ri­mo­nie­re per i fi­gli e i ni­po­ti, a par­la­re di po­li­ti­ca e vi­ta. Di­scus­sio­ni an­co­ra più im­pe­gna­te il gio­va­ne Oz le af­fron­ta­va tra i ta­vo­li­ni del bar Ta­mar, a qual­che pas­so in sa­li­ta da qui. Si ri­tro­va­va qui a Tel Aviv con i gior­na­li­sti di «Da­var», il quo­ti­dia­no dei sin­da­ca­ti e di un Israe­le che non c’è più: Ta­mar ha chiu­so, caf­fé Bia­lik fa­rà la stes­sa fi­ne e le ru­spe — commenta la fi­glia Fa­nia — sem­bra­no de­mo­li­re an­che gli idea­li del ro­man­zie­re scom­par­so il 28 di­cem­bre di un an­no fa.

«L’iro­nia, o il dram­ma, del­la sto­ria è che Da­niel­la Weiss sia una lea­der dei co­lo­ni, un’espo­nen­te dell’ideo­lo­gia che mio pa­dre ha sem­pre osteg­gia­to». È pro­prio per le pa­gi­ne di «Da­var» che Oz viag­gia nel 1982 al di qua e al di là del­la Li­nea Ver­de — da Ge­ru­sa­lem­me agli in­se­dia­men­ti in Ci­sgior­da­nia — per rac­con­ta­re quel che suc­ce­de

In ter­ra d’Israe­le (è il ti­to­lo del­la rac­col­ta, pub­bli­ca­ta in Italia da Ma­riet­ti nel 1992) e che co­sa ne pensano i suoi abi­tan­ti. Che co­sa pensano le tan­te tri­bù, ognuna con i suoi slo­gan po­li­ti­ci, mar­chi di ap­par­te­nen­za ri­pro­dot­ti su­gli ade­si­vi ap­pic­ci­ca­ti da tut­ti gli israe­lia­ni ai pa­ra­ur­ti del­le au­to, tan­to dif­fu­si che Da­vid Gross­man ci ha com­po­sto una can­zo­ne per la band Ha­dag Na­ha­sh.

Amos Oz e do­po di lui Gross­man, na­to a 15 an­ni di di­stan­za. E do­po di lo­ro la ge­ne­ra­zio­ne di scrit­to­ri co­me Esh­kol Ne­vo e As­saf Ga­vron, che per il quo­ti­dia­no «Ye­dio­th Ah­ro­no­th» han­no ri­vi­si­ta­to i vil­lag­gi e gli in­con­tri per­cor­si da Oz 37 an­ni fa. Al­lo­ra il pre­mier Me­na­chem Be­gin e Ariel Sha­ron, suo mi­ni­stro del­la Di­fe­sa, ave­va­no da po­chi me­si or­di­na­to l’invasione del

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.