Cri­ti­ca del­la ra­gion cre­pu­sco­la­re

No­ve­cen­to A qua­rant’anni dal­la scom­par­sa, tor­na il vo­lu­me nel qua­le Ma­ri­no Mo­ret­ti con­den­sò la sua pro­du­zio­ne tra il 1905 e il 1914. Le ra­gio­ni, le scel­te sti­li­sti­che, il pas­so tea­tra­le e nar­ra­ti­vo, e an­che l’iro­nia, ne con­fer­ma­no lo spes­so­re

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Poesia - di RO­BER­TO GALAVERNI

Quan­do nel 1919 Ma­ri­no Mo­ret­ti pub­bli­ca il vo­lu­me del­le sue Poe­sie, era già tut­to fi­ni­to. La Gran­de Guer­ra ave­va mu­ta­to se non spaz­za­to via ogni co­sa, re­le­gan­do in un pas­sa­to ir­re­cu­pe­ra­bi­le tut­to quel­lo che era ac­ca­du­to pri­ma. Po­te­va dun­que ap­pa­ri­re co­me il sem­pli­ce con­sun­ti­vo di una sta­gio­ne di poe­sia or­mai con­clu­sa, tan­to più guar­dan­do al­le in­di­ca­zio­ni del sot­to­ti­to­lo, 1905-1914, e pen­san­do poi che da qual­che an­no lo scrit­to­re di Ce­se­na­ti­co ave­va ab­ban­do­na­to l’ar­te del ver­so in fa­vo­re del­la pro­sa. Ma non era sol­tan­to co­sì.

A por­ta­re lu­ce su que­st’im­por­tan­te epi­so­dio del­la vi­cen­da ar­ti­sti­ca di Mo­ret­ti con­tri­bui­sce ora la ri­pro­po­sta del­le Poe­sie 1905-1914 (La na­ve di Te­seo), ben cu­ra­te da Ren­zo Cre­man­te. «Que­sto non è un vo­lu­me, co­me si di­ce, di poe­sie scel­te — spe­ci­fi­ca l’au­to­re stes­so in una no­ta — ma è, senz’al­tro, il vo­lu­me del­le mie poe­sie». Sta di­cen­do in­som­ma che a que­sti com­po­ni­men­ti, e non ad al­tri, ha in­te­so af­fi­da­re la sua im­ma­gi­ne di poe­ta. In ogni ca­so le poe­sie so­no trat­te qua­si tut­te, o co­me di­ce il poe­ta «tol­te», dai suoi li­bri più no­ti, quel­li in­som­ma che han­no con­sen­ti­to a Mo­ret­ti di la­scia­re un suo se­gno nel­la sto­ria del­la no­stra poe­sia: Poe­sie scrit­te col la­pis (1910), Poe­sie di tut­ti i gior­ni (1911), Il giar­di­no dei frut­ti (1916). Si trat­ta dun­que di te­sti scrit­ti tut­ti tra i ven­ti e i trent’anni (era na­to nel 1885 a Ce­se­na­ti­co, dov’è man­ca­to qua­rant’anni fa, nel 1979), e le­ga­ti ov­via­men­te all’espe­rien­za co­sid­det­ta cre­pu­sco­la­re.

Quan­to a que­sto, si può senz’al­tro di­re che quel­la di Mo­ret­ti sia la poe­sia cre­pu­sco­la­re per an­to­no­ma­sia. Lo no­ta­ro­no fin da su­bi­to i suoi let­to­ri più au­to­re­vo­li. Te­mi e mo­ti­vi che in que­gli anni era­no, di­cia­mo co­sì, nell’aria e dun­que nei li­bri di tut­ta una ge­ne­ra­zio­ne di poe­ti (Ser­gio

Co­raz­zi­ni, Cor­ra­do Go­vo­ni, l’ami­co e com­pa­gno di stra­da Al­do Pa­laz­ze­schi, an­che Gui­do Goz­za­no), nei suoi ver­si ven­go­no in­fat­ti re­gi­stra­ti e in­ven­ta­ria­ti co­me pez­zi da re­per­to­rio, qua­si al qua­dra­to. Mo­ret­ti con­tri­bui­sce in­som­ma al­la de­fi­ni­zio­ne di quel­la poe­sia nel mo­men­to stes­so in cui ne com­po­ne la gram­ma­ti­ca o la pic­co­la en­ci­clo­pe­dia. Co­sì il cre­pu­sco­la­ri­smo di­ven­ta con lui an­che una ma­nie­ra.

Il fat­to stes­so che la ce­le­bre e for­tu­na­tis­si­ma de­fi­ni­zio­ne di Giu­sep­pe An­to­nio Bor­ge­se — poe­sia cre­pu­sco­la­re, ap­pun­to — fos­se sta­ta sug­ge­ri­ta an­zi­tut­to dal­la let­tu­ra del­le Poe­sie scrit­te col la­pis, ap­pa­re em­ble­ma­ti­co. Non si trat­ta di un ma­ni­fe­sto, di un pro­gram­ma con­di­vi­so, ma di una qua­li­fi­ca che na­sce in qual­che mi­su­ra già po­stu­ma, e per que­sto in qual­che mi­su­ra con­su­stan­zia­le al pro­prio og­get­to. La si ac­com­pa­gna sem­pre con una se­rie di ec­ce­zio­ni e di di­stin­guo, ma po­che vol­te un’eti­chet­ta è ri­sul­ta­ta al­tret­tan­to ap­pro­pria­ta.

«Io non ho nien­te da di­re», con­fes­sa Mo­ret­ti in una sua poe­sia. Ec­co al­lo­ra scor­re­re da­van­ti a noi l’in­te­ro ca­ta­lo­go cre­pu­sco­la­re: gli or­ga­net­ti di Bar­be­ria e le be­ghi­ne di Brug­gia, gli in­ter­ni bor­ghe­si e pic­co­lo-bor­ghe­si, le suo­re e le mae­stri­ne, le cu­ci­ne e le au­le sco­la­sti­che, le sta­zio­ni dei tre­ni, le co­se e i sen­ti­men­ti mi­nu­ti, il mo­ti­vo do­mi­nan­te del gri­gio, il to­no an­ti-re­to­ri­co e di­mi­nu­ti­vo, l’ab­bas­sa­men­to se non l’umi­lia­zio­ne del­la fi­gu­ra del poe­ta, e via di­cen­do. Ma quel­lo che per un ver­so può ap­pa­ri­re un li­mi­te, di­ven­ta poi una pre­ro­ga­ti­va per l’al­tro. È ve­ro in­fat­ti che que­sto re­per­to­rio vie­ne co­me spin­to al li­mi­te del­la ca­ri­ca­tu­ra, o dell’au­to-ca­ri­ca­tu­ra, vi­sto che coin­vol­ge an­che e so­prat­tut­to il poe­ta fat­to per­so­nag­gio. Il di­scor­so poe­ti­co, in­som­ma, por­ta con sé, pur sen­za mai strap­pa­re il qua­dro, una cri­ti­ci­tà in­ter­na, un’iro­nia che ren­do­no tutt’al­tro che scon­ta­ta o pa­ci­fi­can­te co­me si vor­reb­be la let­tu­ra del­le sue poe­sie. Mo­ret­ti ama­va il suo gran­de con­ter­ra­neo Gio­van­ni Pa­sco­li. Ma non bi­so­gna co­mun­que pren­de­re trop­po in pa­ro­la il fan­ciul­li­no o il poe­ta puer che in­ten­de far­si sen­ti­re nei suoi ver­si.

L’ori­gi­na­li­tà di Mo­ret­ti e in­sie­me del­le Poe­sie del ’19 sta pro­prio qui. Co­me Cre­man­te nel­la sua in­tro­du­zio­ne spie­ga be­ne, la se­le­zio­ne del poe­ta è an­da­ta a di­sca­pi­to del­le pro­du­zio­ne più breve e pro­pria­men­te li­ri­ca, per fa­vo­ri­re in­ve­ce quel­la di mar­ca nar­ra­ti­va e tea­tra­le (i poe­met­ti, i pre­va­len­ti en­de­ca­sil­la­bi in quar­ti­ne o ter­zi­ne ri­ma­te), in cui evi­den­te­men­te ri­te­ne­va si tro­vas­se il ca­rat­te­re più vi­ta­le del­le sua poe­sia. Non sen­za ra­gio­ne. Co­me nar­ra­to­re in ver­si Mo­ret­ti spic­ca dav­ve­ro: per la na­tu­ra­lez­za del di­scor­so, per la ca­pa­ci­tà di far par­la­re i per­so­nag­gi, per la pre­ci­sio­ne e ful­mi­nei­tà dell’in­di­vi­dua­zio­ne psi­co­lo­gi­ca. Spes­so i suoi pro­ta­go­ni­sti sem­bra­no gli at­to­ri di un dram­ma che non si può di­re, co­me se aves­se­ro un col­tel­lo na­sco­sto in ta­sca o sot­to la gon­na.

Eu­ge­nio Mon­ta­le, che per al­tro sti­ma­va di più il nar­ra­to­re, ha scrit­to che «ac­can­to al Ma­ri­no lat­te­mie­le» bi­so­gna sen­ti­re an­che «il Ma­ri­no che ha zam­pe di gat­to e ar­ti­gli fa­scia­ti di vel­lu­to». Pro­prio co­sì. An­co­ra qual­che de­cen­nio e que­sta ag­gres­si­vi­tà sa­reb­be esplo­sa, so­lo a po­chi chi­lo­me­tri di di­stan­za, nel­le idio­sin­cra­sie dei dia­lo­ghi e dei mo­no­lo­ghi ur­la­ti al­la lu­na di Raf­fael­lo Baldini, sta­vol­ta nel dia­let­to di San­tar­can­ge­lo di Ro­ma­gna.

CdS

Il te­sto di Ma­ri­no Mo­ret­ti (Ce­se­na­ti­co, Ce­se­na-For­lì, 1885-Ce­se­na­ti­co, 1979: fo­to Pa­squa­le Bo­ve/Ansa) è una par­te del com­po­ni­men­to La do­me­ni­ca di Brug­gia in­clu­so nel vo­lu­me Poe­sie 1905-1914 cu­ra­to da Ren­zo Cre­man­te per La na­ve di Te­seo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.