Lo stra­no pia­ne­ta so­prav­vis­su­to gran­de il dop­pio del­la sua stel­la

Corriere della Sera - La Lettura - - Universi -

La stel­la So­le è per il pia­ne­ta Ter­ra fon­te di ca­lo­re e di vi­ta; sen­za la sua ener­gia la no­stra tem­pe­ra­tu­ra al suo­lo sa­reb­be di -200 gra­di e una du­ra col­tre ghiac­cia­ta ri­co­pri­reb­be la su­per­fi­cie. Il gior­no e la not­te, l’esta­te e l’in­ver­no, i ven­ti, le pian­te e tut­ti gli ani­ma­li scom­pa­ri­reb­be­ro. Ep­pu­re al­cu­ni pia­ne­ti di al­tre stel­le pos­so­no so­prav­vi­ve­re al­la fi­ne del­la lo­ro stel­la, e di re­cen­te l’Os­ser­va­to­rio astro­no­mi­co eu­ro­peo (Eso) ha an­nun­cia­to una sin­go­la­re sco­per­ta: un pia­ne­ta gi­gan­te (si­mi­le a Net­tu­no) che sta per­den­do la sua at­mo­sfe­ra, as­sor­bi­ta in un vor­ti­ce dal re­si­duo di una stel­la non più at­ti­va, la na­na bian­ca WDJ0914+1914. Que­sto ti­po di astro, il nu­cleo re­si­duo di una stel­la che pri­ma si è espan­sa bru­cian­do tut­ti i pia­ne­ti in­ter­ni e poi ha espul­so l’in­vi­lup­po ester­no, emet­te mol­ti rag­gi ul­tra­vio­let­ti ad al­ta ener­gia, ma non ri­scal­da più i suoi pia­ne­ti. Il suo si­ste­ma pos­sie­de so­lo al­cu­ni pia­ne­ti più lon­ta­ni. Stu­dian­do un cam­pio­ne di 7 mi­la na­ne bian­che, un grup­po di astro­no­mi ne ha tro­va­ta per ca­so una di­ver­sa dal­le al­tre; pos­sie­de quan­ti­tà di idro­ge­no, os­si­ge­no e zol­fo mol­to al­te per una na­na bian­ca e si­mi­li a quel­le che si tro­va­no in pia­ne­ti co­me Net­tu­no. Con un te­le­sco­pio Eso si è sco­per­to che que­sti ele­men­ti chi­mi­ci so­no con­cen­tra­ti in un di­sco di gas. Il pia­ne­ta (co­sa in­so­li­ta) è gran­de cir­ca il dop­pio del­la stel­la at­tor­no a cui or­bi­ta e la sua at­mo­sfe­ra eva­po­ra crean­do un di­sco di gas che tur­bi­na ca­den­do sul­la na­na bian­ca a un rit­mo di 3 mi­la ton­nel­la­te al se­con­do. È il pri­mo ca­so di un pia­ne­ta che or­bi­ta in­tor­no a una stel­la mo­ren­te, un so­prav­vis­su­to al­la fi­ne del­la sua evo­lu­zio­ne. Di es­so, for­se in un mi­liar­do d’anni, re­ste­rà so­lo un nu­cleo di roc­cia e ma­te­ria com­pres­sa nel­lo spa­zio.

Raf­fi­gu­ra­zio­ne di WDJ0914+1914 (Eso)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.