Ve­sto di sim­bo­li i pu­pi si­ci­lia­ni e amo Astol­fo, ul­ti­mo dei pa­la­di­ni

Corriere della Sera - La Lettura - - Maschere -

Se passate per via Ba­ra all’Oli­vel­la a Pa­ler­mo, di fron­te al Tea­tro Mas­si­mo, po­tre­ste tro­var­la nel la­bo­ra­to­rio dei pu­pi del gran­de mae­stro Mim­mo Cu­tic­chio, in­ten­ta a cu­ci­re ve­sti sma­glian­ti o a di­pin­ge­re sce­na­ri guer­rie­ri o a pre­pa­ra­re og­get­ti di sce­na. Ta­nia Giordano a Pa­ler­mo ci è na­ta e co­sì si rac­con­ta: «Ol­tre a es­se­re sce­no­gra­fa e co­stu­mi­sta, fac­cio l’aiu­tan­te di pal­co­sce­ni­co. Die­tro le quin­te del tea­tri­no, pas­so i pu­pi, cam­bio i fon­da­li, mi oc­cu­po de­gli og­get­ti». Fre­quen­ta­va l’Ac­ca­de­mia di bel­le ar­ti, quan­do les­se di un cor­so per pu­pa­ri e cun­ti­sti te­nu­to dall’ere­de e in­no­va­to­re di una gran­de tra­di­zio­ne, Cu­tic­chio ap­pun­to: «Ave­vo vi­sto un pa­io di vol­te spet­ta­co­li di pu­pi. Mi at­trae­va il mon­do di que­ste spe­cia­li ma­rio­net­te. Mi è pia­ciu­to il fat­to che ogni ele­men­to fos­se de­ter­mi­nan­te, le pa­ro­le non va­le­va­no più del­la mu­si­ca o del­la mac­chi­na sce­ni­ca». Ama so­prat­tut­to di­pin­ge­re e con­fe­zio­na­re i co­stu­mi: «È un la­vo­ro che ha a che fa­re con i sim­bo­li. Li tro­vi nel­le ar­ma­tu­re, ne­gli abi­ti e nei lo­ro co­lo­ri, nel­le sto­rie. I per­so­nag­gi so­no sim­bo­li: Or­lan­do è de­ter­mi­na­to, non tran­si­ge; Ri­nal­do si lan­cia all’av­ven­tu­ra. Amo più di tut­ti Astol­fo: è l’ul­ti­mo dei pa­la­di­ni, ma non si dà mai per vin­to. È sem­pre pron­to, di­spo­ni­bi­le, di­ver­ten­te. È un don Chi­sciot­te in po­si­ti­vo. Il suo sim­bo­lo è il gi­glio, re­ga­le e flo­rea­le in­sie­me, e il suo co­lo­re il gial­lo, vi­ta­le, con rag­gi che ri­chia­ma­no an­che la lu­na, do­ve an­drà a re­cu­pe­ra­re il sen­no di Or­lan­do. È un la­vo­ro, quel­lo con i pu­pi, che fon­de nar­ra­zio­ne e ar­ti­gia­na­li­tà: si par­te dal­le sto­rie, ma a po­co a po­co as­su­mo­no im­por­tan­za tut­ti gli al­tri ele­men­ti, che com­ple­ta­no la nar­ra­zio­ne».

Ta­nia Giordano (Pa­ler­mo, 1974) è sce­no­gra­fa, co­stu­mi­sta, aiu­tan­te di pal­co­sce­ni­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.