Me­di­ta­zio­ne, non per­for­man­ce

«Se que­sto è un uo­mo» Di Val­ter Ma­lo­sti e Do­me­ni­co Scar­pa

Corriere della Sera - La Lettura - - Maschere -

Nell’il­lu­sio­ne fi­lo­lo­gi­ca che nell’am­plia­men­to del te­sto nel se­gno di Dan­te (ver­sio­ne del 1958 ri­spet­to al­la pri­ma del 1947) vi sia una mol­ti­pli­ca­zio­ne del­le vo­ci, Do­me­ni­co Scar­pa — au­to­re con il re­gi­sta e in­ter­pre­te Val­ter Ma­lo­sti del­la ver­sio­ne dram­ma­tur­gi­ca di Se que­sto è un uo­mo di Pri­mo Le­vi (1919-1987) — con­sta­ta co­me ta­le plu­ra­li­tà sia pre­sen­te in ori­gi­ne, poi per­de di vi­sta che vi è una vo­ce do­mi­nan­te, ana­li­ti­ca, fer­ma, in­te­sa a scar­ta­re da sé ogni pos­si­bi­le ba­glio­re.

Es­sa mu­ta in due so­li mo­men­ti: quan­do il pri­gio­nie­ro vie­ne «sal­va­to» dall’ac­ces­so al la­bo­ra­to­rio di chi­mi­ca e quan­do l’uni­for­mi­tà si rom­pe nel ri­co­no­sci­men­to d’una ve­ra sal­vez­za (da fuo­ri del cam­po, dall’ad­dio a Au­sch­wi­tz), ov­ve­ro nell’ades­so con­ces­sa com­pas­sio­ne per i vi­vi e per i mor­ti.

Quel­le de­gli ul­ti­mi die­ci gior­ni so­no le pa­gi­ne com­mo­ven­ti, che fan­no pian­ge­re. Per Scar­pa ta­li va­ria­zio­ni, quel­la evi­den­te dell’esame di chi­mi­ca e quel­le me­no evi­den­ti, fan­no di Se que­sto è un uo­mo un ro­man­zo di av­ven­tu­re. Per quan­to me­ta­fo­ri­ca, que­sta di­zio­ne ap­pa­re fuo­ri luo­go. Non so­lo. Scar­pa ag­giun­ge che «nel mo­men­to in cui Le­vi con­qui­sta la po­si­zio­ne di vo­ce che gli per­met­te di scri­ve­re la ve­ri­tà, Se que­sto è un uo­mo è an­che un’ope­ra per­for­ma­ti­va, una pro­va di pre­sen­za che sem­bra pen­sa­ta in an­ti­ci­po per ra­di­car­si nel­la vo­ce, nei ge­sti, nel cor­po di un at­to­re»! Ma per con­vin­cer­si che non oc­cor­re­va­no giu­sti­fi­ca­zio­ni al mu­ta­men­to del­la for­ma-rac­con­to nel­la for­ma-dram­ma, ba­ste­rà leg­ge­re quan­to Le­vi scris­se nel 1966 quan­do eb­be no­ti­zia che Ra­dio Ca­na­de­se avreb­be tra­smes­so una ri­du­zio­ne del li­bro: «Gli autori (…) ave­va­no trat­to dal li­bro tut­to quel­lo che vi ave­vo rin­chiu­so, e an­che qual­co­sa in più: una “me­di­ta­zio­ne” par­la­ta e in­sie­me pun­ti­glio­sa­men­te fe­de­le al­la real­tà».

Me­di­ta­zio­ne è la pa­ro­la cru­cia­le: quan­to di più lon­ta­no da ogni at­to per­for­ma­ti­vo. Co­me del re­sto con­sta­ta­no gli spet­ta­to­ri di Se que­sto è un uo­mo da Ma­lo­sti por­ta­to in sce­na, con una va­li­gia e nien­te più, nien­te al­tro che quel buio, quel non luo­go che or­mai è il luo­go da cui rac­con­ta. Ma­lo­sti è a vol­te bat­ten­te e so­no­ro, a vol­te sta­ti­co. Ri­pe­te, in una scan­sio­ne uni­ca e com­pat­ta del­la vo­ce, un ge­sto d’in­cli­na­zio­ne del­la te­sta e del­la spal­la ver­so de­stra. Que­sto ge­sto cor­ri­spon­de a una clau­so­la, ac­cen­tuan­do, in mo­do in­va­ria­to, una dram­ma­ti­ci­tà. Ne so­no agli estre­mi il giu­di­zio e il sen­ti­men­to. Il giu­di­zio: «Il ca­vo d’ac­cia­io d’un ar­ga­no ta­glia la stra­da, Alex lo af­fer­ra per sca­val­car­lo, ec­co si guar­da la ma­no ne­ra di gras­so vi­sci­do. Frat­tan­to io l’ho rag­giun­to: sen­za odio e sen­za scher­no, Alex stro­fi­na la ma­no sul­la mia spal­la, il pal­mo e il dor­so, per net­tar­la, e sa­reb­be stu­pi­to, l’in­no­cen­te e bru­to Alex, se qual­cu­no gli di­ces­se che al­la stre­gua di que­sto suo at­to io og­gi lo giu­di­co». Il sen­ti­men­to, più tar­di: «Non ca­pi­sce Kuhn che nes­su­na pre­ghie­ra pro­pi­zia­to­ria, nes­sun per­do­no, nes­su­na espia­zio­ne dei col­pe­vo­li, nul­la in­som­ma che sia in po­te­re dell’uo­mo di fa­re, po­trà ri­sa­na­re mai più? Se io fos­si Dio, spu­te­rei a ter­ra la pre­ghie­ra di Kuhn».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.