For­se far­sa, for­se amo­re Fo gio­ca sul tra­di­men­to

Corriere della Sera - La Lettura - - Maschere Serie Tv -

L’estro­sa com­pa­gnia Sacchi di sab­bia por­ta in sce­na Chi ruba un piede è fortunato in amo­re di Da­rio Fo (1961). Una far­sa per­cor­sa dai to­ni dell’as­sur­do e spec­chio pre­mo­ni­to­re di una so­cie­tà re­gno di cor­rut­te­la e fal­si­tà, do­ve tut­ti tra­di­sco­no tut­ti: per de­na­ro, per po­te­re, per no­ia, per abi­tu­di­ne, per­ché di mo­da. Mo­to­re del­la vi­cen­da è il piede di Mer­cu­rio che il tas­si­sta Apol­lo, un la­dro ro­man­ti­co e un po’«sbiel­la­to», e il com­pli­ce An­to­nio de­ci­do­no di ru­ba­re da un mu­seo e far­lo ri­tro­va­re, poi, nel ter­re­no di un’im­pre­sa edi­le, per ri­cat­ta­re i co­strut­to­ri con la mi­nac­cia del fer­mo dei la­vo­ri, fin­gen­do­si fun­zio­na­ri del­le Bel­le ar­ti. Com­pa­re, poi, la mo­glie di uno dei so­ci, pre­oc­cu­pa­ta so­lo del suo na­so. Scop­pia un amo­re, e di equi­vo­co in bu­gia, di bu­gia in ma­lin­te­so, di ma­lin­te­so in pa­ra­dos­so, tut­to si com­pli­ca in un gi­ne­pra­io di av­ve­ni­men­ti con fi­na­le ama­ro-sen­ti­men­ta­le. Al Me­ta­sta­sio di Pra­to, via Cai­ro­li 59; tel. 0574.608501, dal 15 al 19 gen­na­io (nel­la fo­to Tom­ma­so Tad­dei e Alessia In­no­cen­ti). (mag­da po­li)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.