Lo scrit­to­re de «Il ca­pi­ta­le uma­no» re­cen­si­sce per «la Let­tu­ra» il ro­man­zo di Ann Pe­try, un «ca­po­la­vo­ro» (per nul­la) da­ta­to 1946. Un’af­fa­sci­nan­te sto­ria di tra­di­men­ti e ven­det­te ad Har­lem: una vo­ce im­por­tan­te del di­bat­ti­to sul raz­zi­smo La stra­da è una pri

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri Narrativa Straniera - di STEPHEN AMIDON ( tra­du­zio­ne di Ma­ria Se­pa) © RI­PRO­DU­ZIO­NE RISERVATA

La stra­da è un ca­po­la­vo­ro di­men­ti­ca­to che esplo­ra bril­lan­te­men­te il pec­ca­to ori­gi­na­le ame­ri­ca­no: il raz­zi­smo. Pro­fon­do sul pia­no fi­lo­so­fi­co e pro­vo­ca­to­rio su quel­lo te­ma­ti­co, il pri­mo ro­man­zo di Ann Pe­try è an­che un’af­fa­sci­nan­te sto­ria di tra­di­men­ti, ven­det­te e omi­ci­di che man­ter­rà il let­to­re in­col­la­to al­la pa­gi­na fi­no al tra­gi­co fi­na­le. Pub­bli­ca­to nel 1946, ven­det­te un mi­lio­ne e mez­zo di co­pie, un ri­sul­ta­to sor­pren­den­te per qual­sia­si au­to­re, tan­to più per una scrit­tri­ce afroa­me­ri­ca­na. For­se an­co­ra più sor­pren­den­te è il fat­to che il li­bro sia poi sci­vo­la­to nell’oscu­ri­tà, un de­sti­no par­ti­co­lar­men­te cru­de­le da­to che il mo­do espli­ci­to di trat­ta­re ar­go­men­ti co­me la raz­za, il ses­so e la clas­se so­cia­le è at­tua­le ora co­me al­lo­ra. Que­sta nuo­va edi­zio­ne ci per­met­te di ria­scol­ta­re una vo­ce im­por­tan­te nel di­bat­ti­to sul raz­zi­smo.

La pro­ta­go­ni­sta del ro­man­zo è Lu­tie John­son, una gio­va­ne ma­dre di un bam­bi­no di ot­to an­ni, ne­ra e sin­gle. Am­bien­ta­to nel 1944, il li­bro si apre con Lu­tie che si tra­sfe­ri­sce nel­la stra­da del ti­to­lo, la 116th Street di Har­lem, a New York. È un luo­go pie­no di vi­ta, ma an­che ca­ri­co di pe­ri­co­li. Lu­tie, fie­ra e in­tel­li­gen­te, è con­vin­ta che si trat­ti so­lo di una tap­pa tem­po­ra­nea nel suo cam­mi­no ver­so il su­pe­ra­men­to del­la po­ver­tà e del­la man­can­za di op­por­tu­ni­tà.

Do­po aver­ci par­la­to del tra­sfe­ri­men­to di Lu­tie e del fi­glio Bub in un an­gu­sto ap­par­ta­men­to in af­fit­to, Pe­try fa un pas­so in­die­tro per spie­ga­re co­me la sua eroi­na sia ar­ri­va­ta a quel pun­to. Lu­tie si era spo­sa­ta mol­to gio­va­ne con Jim, un ra­gaz­zo bel­lo e vi­zia­to. All’ini­zio i due era­no fe­li­ci, poi Jim non era riu­sci­to a tro­va­re un la­vo­ro sta­bi­le, e Lu­tie era sta­ta co­stret­ta ad an­da­re a fa­re la ca­me­rie­ra per una ric­ca fa­mi­glia bian­ca del Con­nec­ti­cut. La lon­ta­nan­za e l’or­go­glio fe­ri­to di Jim ave­va­no fat­to fra­na­re il ma­tri­mo­nio, e Lu­tie era ri­ma­sta so­la a ba­da­re a sé stes­sa e al fi­glio.

Dap­pri­ma Lu­tie af­fron­ta la vi­ta con co­rag­gio e ot­ti­mi­smo. Con­fi­da che la­vo­ran­do so­do e com­por­tan­do­si be­ne sa­reb­be riu­sci­ta a con­qui­star­si una fet­ta del so­gno ame­ri­ca­no. È ve­ro che è cir­con­da­ta da raz­zi­smo e ses­si­smo, ma al­tre don­ne di co­lo­re era­no riu­sci­te ad ave­re suc­ces­so, quin­di per­ché non lei? L’au­tri­ce am­mi­ra la de­ter­mi­na­zio­ne del­la pro­ta­go­ni­sta, ma ci fa an­che ca­pi­re chia­ra­men­te che il mo­do in cui ten­de a sot­to­va­lu­ta­re i pe­ri­co­li che ha di fron­te è al­quan­to im­pru­den­te. Que­sti ri­schi si ma­ni­fe­sta­no im­me­dia­ta­men­te nei rap­por­ti con i vi­ci­ni. In­nan­zi­tut­to c’è il si­gnor Jo­nes, il ter­ri­fi­can­te cu­sto­de dell’edi­fi­cio, un uo­mo che ha tra­scor­so trop­po tem­po nel­le can­ti­ne a oc­cu­par­si del­la cal­da­ia e del­le tu­ba­tu­re per sa­per trat­ta­re con la gen­te. Jo­nes si in­va­ghi­sce di Lu­tie e cer­ca di con­qui­star­la, an­che se non ha al­cu­na pos­si­bi­li­tà di suc­ces­so. C’è poi la si­gno­ra Hed­ges, un’enor­me «Ma­da­me», ma­la­men­te sfre­gia­ta, che ge­sti­sce un bor­del­lo al pia­no ter­ra. An­che lei è at­trat­ta dal­la bel­lez­za di Lu­tie, per­ché ca­pi­sce che la nuo­va ar­ri­va­ta, con il vi­so fre­sco e le lun­ghe gam­be, sa­reb­be un’ag­giun­ta mol­to ap­prez­za­ta e red­di­ti­zia al­la sua scu­de­ria di pro­sti­tu­te. E poi c’è Boo­ts Smith, un am­bi­guo mu­si­ci­sta di Har­lem che in­vi­ta Lu­tie a en­tra­re nel­la sua or­che­stra do­po aver­la sen­ti­ta can­ta­re, una se­ra, in un bar.

Per quan­to que­sti vi­ci­ni sia­no mi­nac­cio­si, nes­su­no di lo­ro è pa­ra­go­na­bi­le al ve­ro e im­pla­ca­bi­le ne­mi­co di Lu­tie, la so­cie­tà bian­ca. «In qual­sia­si di­re­zio­ne, ovun­que ci si vol­tas­se, c’era sem­pre la fi­gu­ra im­pla­ca­bi­le di un uo­mo bian­co che bloc­ca­va la stra­da, era im­pos­si­bi­le fug­gi­re». Po­li­ziot­ti, as­si­sten­ti so­cia­li, pro­prie­ta­ri di ca­sa, av­vo­ca­ti, in­se­gnan­ti — han­no tut­ti un di­sprez­zo ata­vi­co per Lu­tie, sem­pli­ce­men­te a cau­sa del co­lo­re del­la sua pel­le. Non c’è nul­la che lei pos­sa fa­re o di­re, non riu­sci­rà mai a su­pe­ra­re que­sta leg­ge im­mu­ta­bi­le del­la so­cie­tà ame­ri­ca­na.

Il pro­po­si­to prin­ci­pa­le di Pe­try è nar­ra­re la lot­ta di Lu­tie, ma nel ro­man­zo ci so­no tan­ti al­tri per­so­nag­gi me­mo­ra­bi­li. C’è la con­vi­ven­te del si­gnor Jo­nes, Min, una don­na di­spe­ra­ta­men­te in­fe­li­ce che ri­cor­re a una sor­ta di stre­go­ne lo­ca­le dal no­me di Pro­phet Da­vid per im­pe­di­re al suo uo­mo di but­tar­la fuo­ri do­po che que­sti si è fol­le­men­te in­va­ghi­to di Lu­tie. An­che il fi­glio di Lu­tie, Bub, è un bel per­so­nag­gio, un bam­bi­no di ot­to an­ni in­de­ci­so tra la leal­tà ver­so la ma­dre e la ri­schio­sa ed ec­ci­tan­te vi­ta di stra­da. Spes­so i cat­ti­vi so­no trat­teg­gia­ti con sim­pa­tia. La si­gno­ra Hed­ges, ad esem­pio, po­treb­be sem­bra­re una mez­za­na sen­za cuo­re, ma la sto­ria che sta die­tro le sue ter­ri­bi­li ci­ca­tri­ci pul­sa di uma­ni­tà e pa­thos.

Pe­try rie­sce a ve­de­re l’uma­ni­tà an­che nei per­so­nag­gi bian­chi del ro­man­zo, in par­ti­co­la­re nel­la fa­mi­glia su­bur­ba­na del Con­nec­ti­cut per la qua­le Lu­tie, all’ini­zio del li­bro, la­vo­ra. An­che se il lo­ro raz­zi­smo è per­va­si­vo e scon­ta­to, la lo­ro in­fe­li­ci­tà è trac­cia­ta con una pre­ci­sio­ne che ri­cor­da John Chee­ver e Ri­chard Ya­tes. In bre­ve ca­pia­mo che i lo­ro sen­ti­men­ti di su­pe­rio­ri­tà raz­zia­le in fon­do so­no so­lo un mo­do per pun­tel­la­re la lo­ro fra­gi­li­tà men­ta­le e te­ne­re a ba­da il sen­so di in­fe­rio­ri­tà e di fal­li­men­to.

Il per­so­nag­gio più im­por­tan­te del ro­man­zo — e il più pe­ri­co­lo­so — è pe­rò la stra­da stes­sa, che più che una stra­da è una pri­gio­ne, ge­sti­ta da una so­cie­tà bian­ca che non ha mai ri­nun­cia­to al­la schia­vi­tù. «Le stra­de co­me quel­la in cui [Lu­tie] vi­ve­va non era­no un ca­so. Era­no il mo­do di lin­cia­re del Nord, pen­sò ama­ra­men­te, il me­to­do usa­to dal­le gran­di cit­tà per te­ne­re i Ne­gri al lo­ro po­sto». An­che quan­do per­so­nag­gi co­me Min rie­sco­no a cam­bia­re in­di­riz­zo, fi­ni­sco­no co­mun­que in luo­ghi si­mi­li.

La stra­da è un ri­trat­to a tut­to ton­do del­la so­cie­tà ame­ri­ca­na, co­strui­to e scrit­to in mo­do bril­lan­te. Scor­re con il rit­mo ve­lo­ce di un th­ril­ler, se­guen­do Lu­tie da una cri­si all’al­tra. C’è un ten­ta­ti­vo di stu­pro, un av­ve­le­na­men­to, la ra­pi­na da par­te di una ban­da, un or­ri­bi­le sui­ci­dio: un cre­scen­do di vio­len­za che po­treb­be scioc­ca­re il let­to­re, ma a po­ste­rio­ri sem­bra ine­vi­ta­bi­le. Pe­try è un’ar­ti­sta con­su­ma­ta, con­sa­pe­vo­le del fat­to che crea­re una buo­na sto­ria è il mo­do mi­glio­re per as­si­cu­rar­si che le du­re ve­ri­tà nar­ra­te ri­mar­ran­no nel­la men­te del let­to­re.

Que­sto ap­pa­re chia­ro so­prat­tut­to nel per­so­nag­gio di Lu­tie, una don­na in car­ne e os­sa il cui eroi­smo è me­sco­la­to a di­fet­ti e idio­sin­cra­sie. È or­go­glio­sa nei rap­por­ti con i me­no do­ta­ti, ec­ces­si­va­men­te se­ve­ra con il fi­glio, in­sen­si­bi­le al­le sto­rie che han­no tra­sfor­ma­to in di­sgra­zia­ti al­cu­ni suoi vi­ci­ni. È an­che sem­pre sul pun­to di esplo­de­re in scop­pi di rab­bia. Se la sto­ria di Pe­try fos­se am­bien­ta­ta due de­cen­ni do­po, Lu­tie sa­reb­be più in­cli­ne ad al­za­re il pu­gno con le Pan­te­re Ne­re che a mar­cia­re con Mar­tin Lu­ther King.

Pe­try sot­to­li­nea che le lot­te del­la sua eroi­na so­no an­co­ra più du­re per­ché è una don­na. Lu­tie in­fat­ti de­ve fa­re i con­ti con i pre­giu­di­zi qua­si uni­ver­sa­li che, in quan­to don­na di co­lo­re, la eti­chet­ta­no co­me ses­sual­men­te pro­mi­scua. In real­tà è una gio­va­ne schi­va e per­be­ne, for­se per­fi­no un po’ pu­ri­ta­na, a cui gli sguar­di la­sci­vi de­gli uo­mi­ni bian­chi dan­no il vol­ta­sto­ma­co. È quel che pro­vo­che­rà la tra­ge­dia fi­na­le del li­bro, quan­do at­ti­re­rà l’at­ten­zio­ne di un po­ten­te gang­ster bian­co che non si fer­me­rà fin­ché non l’avrà.

Le com­ples­si­tà del ca­rat­te­re di Lu­tie ren­do­no la sto­ria più in­te­res­san­te e com­mo­ven­te. La stra­da è un ro­man­zo che può com­pe­te­re con le ope­re mi­glio­ri di au­to­ri afroa­me­ri­ca­ni più fa­mo­si co­me Ri­chard Wright, Ja­mes Bald­win e To­ni Mor­ri­son. Ci ri­cor­da che le stra­te­gie di­su­ma­niz­zan­ti dei raz­zi­sti — at­tual­men­te espo­ste nel­le osce­ne po­li­ti­che dell’am­mi­ni­stra­zio­ne Trump ver­so i mi­gran­ti che ar­ri­va­no al con­fi­ne meridional­e ame­ri­ca­no — non pos­so­no estin­gue­re la fiam­ma dell’uma­ni­tà che bru­cia con ugua­le in­ten­si­tà in ogni ani­ma uma­na.

ANN PE­TRY La stra­da Tra­du­zio­ne di Ma­nue­la Fai­ma­li MON­DA­DO­RI Pa­gi­ne 384, € 20 L’au­tri­ce Ann Pe­try (cioè Ann La­ne, 1908-1997) è na­ta e mor­ta a Old Say­brook, Con­nec­ti­cut. La stra­da uscì in Ita­lia nel ’47 L’im­ma­gi­ne Wil­liam H. John­son (190170), Har­lem Street (1939-41, tem­pe­ra e ma­ti­ta su car­ta)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.