Le ur­la di de­nun­cia dei «Li­bri Mu­ti» tra­fit­ti dai chio­di

Corriere della Sera - La Lettura - - Sguardi Le Mostre - di AN­NA GANDOLFI

«Un at­tac­ca­pan­ni con due ma­ni mol­to ol­to abi­li, un cer­vel­lo che gi­ra mol­to in fol­le, due oc­chi al­le­na­ti a os­ser­va­re are il vi­si­bi­le e l’in­vi­si­bi­le, un cuo­re che per­si­ste a fa­re il cuo­re». È Ma­ria­pia pia Fan­na Ron­co­ro­ni vi­sta da Ma­ria­pia Fan­na Ron­co­ro­ni. ni. Ma­gris­si­ma e sem­pre in mo­vi­men­to, per de­cen­ni ha a crea­to, pla­sma­to, tor­men­ta­to ma­te­ria­li nel­lo stu­dioa­te­lier di Vil­lor­ba, nel­le cam­pa­gne tre­vi­gia­ne, con­cee­den­do­si po­co al­la ri­bal­ta e al­le «giu­ste fre­quen­ta­zio­ni». ni » . Due vol­te al­la Bien­na­le di Ve­ne­zia, pre­mia­ta e sti­ma­ta, ta, per l’al­ler­gia ai ri­flet­to­ri è a lun­go ri­sul­ta­ta po­co no­ta a al gran­de pub­bli­co. Na­ta nel 1925 a Mi­la­no, è mor­ta nel 2018: ora Tre­vi­so, cit­tà in cui vi­ve­va da­gli an­ni Cin­quan­ta, le ri­ser­va una pri­ma, gran­de re­tro­spet­ti­va. Due se­di (Mu­seo Lui­gi Bai­lo e Ca­sa Ro­be­gan) fi­no all’8 mar­zo ospi­te­ran­no due­cen­to sue ope­re. «Ce­le­bria­mo 70 an­ni di at­ti­vi­tà, da­gli esor­di fi­gu­ra­ti­vi agli espe­ri­men­ti nel sol­co dell’ar­te con­cet­tua­le», spie­ga My­riam Zer­bi, cu­ra­tri­ce con Sa­bi­na Via­nel­lo. Un rac­con­to fi­no all’ani­ma dell’au­tri­ce, che en­tram­be co­no­sce­va­no be­ne: Via­nel­lo è sta­ta la sua ul­ti­ma al­lie­va di scul­tu­ra; Zer­bi, sto­ri­ca dell’ar­te e gior­na­li­sta, è la nuo­ra. Il ti­to­lo Ar­ti­sta chi sei? na­sce «da una do­man­da che si fa­ce­va co­stan­te­men­te».

Lei che ave­va stu­dia­to in gi­ro per il mon­do (Gi­ne­vra, Bue­nos Ai­res), che a Tre­vi­so era sta­ta la pri­ma ra­gaz­za a in­dos­sa­re i pan­ta­lo­ni («Il suo­ce­ro la rim­pro­ve­rò, lei mi­se una gon­na. So­pra i pan­ta­lo­ni...»), ha lot­ta­to per l’af­fer­ma­zio­ne del­la don­na. Il bi­no­mio gra­fi­co «Lui

Lei» dal 1978 è la sua ico­na: la scrit­ta Lei emer­ge tra le scrit­te «Lui» che si fan­no sfon­do. Ed è dal non-dia­lo­go tra Lui e Lei che na­sco­no ne­gli an­ni 80 i Li­bri Mu­ti: «Il pri­mo — pro­se­gue Zer­bi — rac­chiu­de ap­pun­ti ve­ri. Li ha rac­col­ti e tra­fit­ti con un chio­do: un vo­cia­re che si fa si­len­zio. Si­len­zio che è an­che un gri­do». Se­guo­no gli al­tri: di le­gno, di ges­so, ar­pio­na­ti su scaf­fa­li (nel­la fo­to di Mar­ti­na Bar­bon, Li­bre­ria di Li­bri Mu­ti, 1992). Nel 2007 Er­man­no Ol­mi sce­glie per il film Cen­to­chio­di un’im­ma­gi­ne si­mi­le: «Si so­no in­con­tra­ti e ab­brac­cia­ti, due gran­di vec­chi com­mos­si per un per­cor­so di pen­sie­ro con­di­vi­so in­con­sa­pe­vol­men­te». A Tre­vi­so, per la pri­ma vol­ta, ap­pa­re in­te­gral­men­te an­che Muta pro­te­sta, spes­so ri­fiu­ta­ta dal­le gal­le­rie: «Co­per­chi di ba­ra ri­ve­sti­ti di di­se­gni, pe­lu­che e chio­di con­tro le vio­len­ze sui bam­bi­ni».

L’ar­ti­sta è sta­ta an­che pio­nie­ra del­la mail art, l’ar­te via po­sta con «chia­ma­ta» a crea­ti­vi di tut­to il mon­do su te­mi d’at­tua­li­tà. Quan­do, nel 2014, il vi­ce pri­mo mi­ni­stro tur­co Bü­lent Ari­nç ha de­cre­ta­to che «la don­na non de­ve ri­de­re in pub­bli­co», è par­ti­to il mail bom­bing. Ma­ria­pia, a 89 an­ni, era an­co­ra in pri­ma li­nea.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.