UN’AL­TRA TER­RA RE­STA LON­TA­NA

Corriere della Sera - La Lettura - - Universi - Di GIU­SEP­PE GALLETTA

Fi­no a oggi so­no sta­ti sco­per­ti più di quat­tro­mi­la pia­ne­ti e una tren­ti­na di es­si ha mas­sa e di­men­sio­ni si­mi­li al­la Ter­ra. Al­cu­ni si tro­va­no in una fa­scia at­tor­no al­la stel­la in cui il suo ca­lo­re per­met­te l’esi­sten­za di ac­qua li­qui­da in su­per­fi­cie: sul pia­ne­ta K2-18b so­no sta­te ri­le­va­te nu­bi d’ac­qua che fan­no pen­sa­re a piog­ge.

Ba­sta pe­rò che il pia­ne­ta sia più gran­de o me­no den­so, e ri­spet­to al­la sua su­per­fi­cie po­trem­mo pe­sa­re cen­ti­na­ia di chi­li o fa­re sal­ti di mol­ti me­tri. Sul pia­ne­ta TOI700d una per­so­na di 70 chi­lo­gram­mi ne pe­se­reb­be 112. La gran­de for­za di gra­vi­tà per­met­te­reb­be so­lo lo svi­lup­po di ani­ma­li mas­sic­ci o stri­scian­ti; non ci sa­reb­be­ro al­be­ri al­ti, ma so­lo ar­bu­sti ed er­be; pro­ba­bil­men­te la dif­fi­col­tà di vo­la­re si tra­dur­reb­be nell’as­sen­za di uc­cel­li, di in­set­ti e di fio­ri. Al con­tra­rio, su un pia­ne­ta con den­si­tà mi­no­re, Trap­pi­st 1f, la stes­sa per­so­na pe­se­reb­be 43 chi­lo­gram­mi. E sap­pia­mo che una gra­vi­tà più bas­sa pro­vo­ca dan­ni al­le os­sa, al cuo­re e ai mu­sco­li. An­che su pia­ne­ti con ac­qua li­qui­da e gra­vi­tà si­mi­le al­la Ter­ra co­me Tee­gar­den b e c, Trap­pi­st 1g e TOI700b e c esi­sto­no im­por­tan­ti dif­fe­ren­ze. Le lo­ro stel­le so­no ros­se e più fred­de del So­le, per­ciò es­si han­no or­bi­te mol­to vi­ci­ne al­la stel­la, a cui vol­go­no sem­pre la stes­sa fac­cia, co­me la Lu­na con la Ter­ra.

Me­tà del pia­ne­ta sa­rà il­lu­mi­na­to, men­tre l’al­tro emi­sfe­ro re­ste­rà av­vol­to nel­la not­te eter­na. Sul­la par­te il­lu­mi­na­ta, do­ve il lo­ro so­le non sor­ge e non tra­mon­ta mai, es­so ap­pa­ri­rà in cie­lo da 2 a 4 vol­te più gran­de di quan­to ci ap­pa­ia il So­le, ma il suo­lo sa­rà ge­li­do, an­che te­nen­do con­to dell’ef­fet­to ser­ra. La lu­ce ros­sa pro­dur­rà una fo­to­sin­te­si di­ver­sa da quel­la del no­stro pia­ne­ta e se è troppo fio­ca non ci sa­rà l’emis­sio­ne di os­si­ge­no che ci è tan­to ca­ra per re­spi­ra­re.

Un am­bien­te fred­do, con una lu­ce ros­sa che av­vol­ge tut­to, pian­te con fo­glie ros­sa­stre... nul­la a che fa­re con la Ter­ra e con gli am­bien­ti pla­ne­ta­ri del­la fan­ta­scien­za. Ma la ri­cer­ca con­ti­nua e in fu­tu­ro si tro­ve­ran­no pia­ne­ti in­tor­no a stel­le si­mi­li al So­le. Sol­tan­to al­lo­ra po­tre­mo di­re: è sta­ta sco­per­ta un’al­tra Ter­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.