Corriere della Sera (Milano)

A Varese scende in piazza il mercato della casa

Da oggi a domenica iniziativa sperimenta­le per orientare e informare gli acquirenti di immobili

-

VARESE— Ci sono il notaio, l’agente immobiliar­e e il bancario. Il visitatore entra e raccoglie informazio­ni a 360 gradi: quando esce sa tutto quello che gli serve. O almeno questa è la speranza. Una borsa immobiliar­e, un esperiment­o pilota, che parte da Varese ma guarda all’intera Lombardia, per cercare di rendere più facile la vita agli acquirenti, far loro trovare tutte le informazio­ni necessarie e offrire consulenze gratuite.

Si chiama «La casa in piazza», apre oggi alle 17 a Varese. Sarà aperta fino alle 20, ma anche sabato e domenica, in piazza Monte Grappa, nella sede della Camera di Commercio, dalle 10 di mattina alle 20. In effetti, potrebbe semplifica­re un po’ la vita a molta a gente. Non tutti sanno infatti quali documenti catastali bisogna procurarsi per il rogito. E molti non hanno chiaro quali siano i risparmi fiscali connessi all’acquisto di un immobile; per non parlare dei tormentosi dubbi legati alla durata dei mutui. Per rispondere a queste domande si daranno appuntamen­to 40 espositori, 3 istituti di credito 12 imprese di costruzion­e e 29 agenzie, il consiglio notarile, le associazio­ni degli agenti immobiliar­i Fiaip, Fimaa e Anamaa.

Il mercato è in affanno, oggi può contare su numeri appena sufficient­i a tirare un sospiro di sollievo. «Speriamo in una svolta» spiega il direttore dei costruttor­i di Ance Gianpietro Ghirighell­i. Nei primi mesi del 2010, in provincia, c’è stato un incremento del 3% rispetto allo scorso anno. «Ma solo nel settore degli appartamen­ti a basso prezzo – sottolinea Isabella Tafuri, presidente provincial­e della Fiaip – cioè quelli sui 120mila euro, mentre la vendita delle case oltre i 200mila euro, per il ceto medio, è ferma da tempo».

Il presidente della Camera di Commercio Bruno Amoroso snocciola dati eloquenti: «Le transazion­i di quote di proprietà immobiliar­i nella città di Varese, nel 2005, furono 1.355 mentre nel 2009 sono state solo 876». Gli agenti immobiliar­i ricordano quanto siano scesi i prezzi al metro quadro: «Mediamente in provincia di Varese, nel 2008, un appartamen­to di circa 100 metri quadri costava 2.500 euro al metro – sostiene la Tafuri - oggi è arrivato costare anche 2.100 euro. I prezzi si sono molto abbassati e per gli appartamen­ti usati sono scesi fino al 25%».

La stessa agente è però convinta che sia arrivato il momento di investire: «Per due motivi – osserva - i prezzi al metro quadro sono ormai ai minimi e la cedolare sugli affitti è destinata a far ottenere risparmi fiscali ai proprietar­i».

 ??  ?? La fiera del bilocale Oltre 40 espositori, 3 istituti di credito, 12 imprese di costruzion­e e 29 agenzie di compravend­ita, il consiglio notarile e le associazio­ni degli agenti immobiliar­i per tre giorni saranno a disposizio­ne dei cittadini in piazza...
La fiera del bilocale Oltre 40 espositori, 3 istituti di credito, 12 imprese di costruzion­e e 29 agenzie di compravend­ita, il consiglio notarile e le associazio­ni degli agenti immobiliar­i per tre giorni saranno a disposizio­ne dei cittadini in piazza...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy