Corriere della Sera (Milano)

I «ven­di­to­ri di bri­cio­le» e il bi­so­gno di per­so­ne buone

- di VIVIAN LAMARQUE Bertolt Brecht · Department store

Ave­va­no ra­gio­ne gli in­dia­ni a chia­mar­ci vi­si pal­li­di. In gi­ro non dia­mo tan­to nell'oc­chio, un po' di fon­do tin­ta le don­ne, un fi­lo di om­bra di bar­ba gli uo­mi­ni, ma l'usci­ta dei bam­bi­ni dal­le scuo­le ele­men­ta­ri è una sfi­la­ta di fan­ta­smi­ni pal­li­di, og­gi­gior­no più che pal­li­di per­ché pas­sa­ti ri­pe­tu­ta­men­te al can­deg­gio dell'aria cat­ti­va.

Per for­tu­na la smun­ta sfi­la­ta è in­ter­rot­ta con­ti­nua­men­te da co­lo­ra­ti sco­la­ret­ti fi­lip­pi­ni, ci­ne­si, in­dia­ni, egi­zia­ni ecc, a pro­po­si­to c'è qual­che bam­bi­no mi­la­ne­se che sap­pia co­me si di­ce al­me­no una pa­ro­la, al­me­no gra­zie, in fi­lip­pi­no, ci­ne­se, in­dia­no, egi­zia­no ecc? (ve­ra­men­te non lo san­no di­re nep­pu­re in ita­lia­no). Quan­te mae­stre l'han­no al­me­no una vol­ta fat­ta scri­ve­re al­la la­va­gna? Ogni do­man­da mi apre un'al­tra do­man­da e non rie­sco a fer­mar­mi più, si può di­re an­co­ra «scri­ve­re al­la la­va­gna» an­che se le la­va­gne non so­no più fat­te di la­va­gna? an­che se in mol­te scuo­le le han­no so­sti­tui­te con quel­le ma­gne­ti­che? E do­ve sa­ran­no fi­ni­te tut­te quel­le bel­le pie­tre ne­re con i ges­set­ti bian­chi? e i can­cel­li­ni ar­ro­to­la­ti co­me un gat­to? E quan­ti bam­bi­ni san­no di­re gra­zie in mi­la­ne­se? Tut­ti, ci cre­do, si di­ce ugua­le. E par­la­re? Par­la­re si di­ce par­là. E ta­ce­re? Ta­sè.

Pe­rò c'è una pa­ro­la che for­se so­lo i ve­ri mi­la­ne­si co­no­sco­no, la pa­ro­la « fre­guia», che vuol di­re bri­cio­la, in­fat­ti il fre­gu­jatt era il ven­di­to­re di bri­cio­le. Ven­di­to­re di bri­cio­le? Sì, di bri­cio­le di pa­net­to­ne per esem­pio. Pe­rò nel­la Con­fet­te­ria Baj di piaz­za Duo­mo (do­ve la ti­to­la­re suo­na­va il pia­no­for­te per le sue clien­ti del po­me­rig­gio) che era sta­ta pre­mia­ta co­me mi­glio­re pro­dut­tri­ce ( per for­za, di­ce­va­no, da­to che il pa­net­to­ne Baj ve­ni­va sfor­na­to sot­to lo sguar­do del­la Ma­don­ni­na) le bri­cio­le le re­ga­la­va­no ai po­ve­ri e il fre­gu­jatt re­sta­va di­soc­cu­pa­to (da «Mi­la­no fi­ne Ot­to­cen­to» di Raf­fae­le Cal­zi­ni).

Pas­sia­mo a un'al­tra pa­ro­la, era ma­la­tis­si­ma, non la si sen­ti­va né ve­de­va più cir­co­la­re da tem­po, l'ha fat­ta ri­sor­ge­re, in­cre­di­bi­le, uno spot pub­bli­ci­ta­rio ap­pun­to di pa­net­to­ni che chiu­de sem­pre con l'im­pe­ra­ti­vo: «fa­te i buo­ni!». Chi si ri­ve­de, fi­nal­men­te, sep­pu­re in uno spot, la bel­la e tra­mon­ta­ta pa­ro­la «buo­no». (Scri­ve­va Bre­cht «nes­su­no può es­se­re buo­no a lun­go se non c'è ri­chie­sta di bon­tà»). An­che un gran­de ma­gaz­zi­no in que­sti gior­ni la sta usan­do: «A Na­ta­le fac­cia­mo i buo­ni» ma qui è so­lo per al­lu­de­re al so­stan­ti­vo buo­ni-scon­to e in­tan­to sot­to lo slo­gan uno pseu­do Bab­bo Na­ta­le s'ab­brac­cia una bbò­na bo­naz­za. Me­glio al­lo­ra chiu­de­re con il pallido prin­ci­pe My­skin dell'Idio­ta di Do­stoe­v­skij: «Ho bi­so­gno di per­so­ne buone».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy